tizianocavigliablog
Tu vola disinvolto.

Il futuro del web attraverso le sue sfide attuali 12.03.19

Tim Berners-Lee
Tim Berners-Lee

Nel 30° anniversario di una delle tecnologie più dirompenti della civiltà umana, il suo creatore Tim Berners-Lee affronta le sfide che il web dovrà superare per continuare a evolversi in un ambiente aperto e costruttivo capace di connettere e non dividere, di diffondere conoscenza e non propaganda.

Il web è diventato una piazza pubblica, una biblioteca, uno studio medico, un negozio, una scuola, uno studio di progettazione, un ufficio, un cinema, una banca e molto altro ancora. Ovviamente con ogni nuova funzionalità, ogni nuovo sito web, il divario tra chi è online e chi non lo fa aumenta, rendendo ancora più indispensabile rendere disponibile il web per tutti.

E mentre il web ha creato opportunità, dato voce a gruppi emarginati e reso più facile la nostra vita quotidiana, ha anche creato opportunità per i truffatori, dato voce a coloro che diffondono odio e reso più facile commettere ogni tipo di crimine.

Sull'onda continua di notizie riguardanti l'uso improprio del web è comprensibile che molte persone si sentano spaventate e diffidino dei reali benefici di questo strumento. Ma dato quanto il web è cambiato negli ultimi 30 anni sarebbe disfattista e privo di fantasia assumere che il web come lo conosciamo non possa essere cambiato in meglio nei prossimi 30. Se rinunciamo a costruire un web migliore ora non sarà stato il web ad averci deluso. Noi avremo deluso il web.

Per affrontare questo problema dobbiamo comprendere quali meccanismi si siano inceppati. Ne vedo chiaramente tre che interessano il web di oggi:

1. Intenzioni deliberate e malevoli, come attacchi e violazioni dirette da stati sovrani, comportamenti criminali e molestie online.

2. Un sistema progettato per creare incentivi perversi in cui viene sacrificato il valore dell'utente, come i modelli di reddito basati su annunci che premiano commercialmente il clickbait e la diffusione virale di disinformazione.

3. Conseguenze negative e non intenzionali nei rapporti sociali, come la facile indignazione e la polarizzazione delle idee e la qualità delle conversazioni online.

Mentre la prima categoria è impossibile da sradicare completamente, possiamo creare sia leggi che codici per minimizzare questo problema, proprio come abbiamo sempre fatto offline. La seconda categoria ci impone di ridisegnare i sistemi in modo tale da modificare gli incentivi. E infine per l'ultima categoria si richiede una ricerca per capire i sistemi esistenti e modellarne di nuovi o modificare quelli già esistenti.

Non si può incolpare un solo governo, un social network o lo spirito umano. Le narrazioni semplicistiche rischiano di esaurire la nostra energia mentre inseguiamo i sintomi di questi problemi invece di concentrarci sulle loro cause profonde. Per farlo, avremo bisogno di unirci come una comunità web globale.

In momenti cruciali, generazioni prima di noi hanno intensificato il lavoro insieme per un futuro migliore. Con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, diversi gruppi di persone sono stati in grado di concordare principi essenziali. Con la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare e il Trattato sullo Spazio Extra-Atmosferico, abbiamo preservato nuove frontiere per il bene comune. Anche ora, dal momento che il web rimodella il nostro mondo, abbiamo la responsabilità di assicurarci che sia riconosciuto come un diritto umano e costruito per il bene pubblico. Questo è il motivo per cui la Web Foundation sta lavorando con i governi, le aziende e i cittadini per costruire un nuovo contratto per il web.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email