tizianocavigliablog

La politica di successo di Joe Biden

Res publica   09.11.20

L'analisi dell'Atlantic sulla vittoria di Joe Biden è anche una chiave di lettura dell'eterna sfida tra serietà ed estremismo, politica e populismo.

Per mezzo secolo, attraverso tre campagne presidenziali che ha fatto e altre tre che pensava di fare, Joe Biden non aveva mai ottenuto un solo delegato alle primarie prima che la sua facile vittoria in South Carolina a febbraio lo catapultasse alla nomination democratica. Ma la sua strategia non è mai cambiata. Biden ha vinto la Casa Bianca nello stesso modo in cui vinse la sua prima campagna elettorale per il consiglio della contea di New Castle nel 1970: essendo se stesso.

Ha vinto facendo gli stessi discorsi e raccontando letteralmente le stesse proposte da anni. Questa volta, quello che stava offrendo si adattava perfettamente al presente. Ha vinto perché era una reazione a Trump, ma anche perché era un bianco che poteva entrare in contatto con i bianchi nonostante il suo legame con Barack Obama lo ha aiutato a legittimarlo agli occhi degli elettori neri. Ha aggiornato alcune delle sue posizioni politiche per adattarle ai cambiamenti in atto nel suo partito e per rispondere alla pandemia. Ma non si è mai spinto troppo a sinistra o troppo a destra. Aveve sufficiente credito da non dover vestire i panni di un rivoluzionario in un anno segnato da confronti radicali, ma offriva comunque una sponda sufficiente per ottenere il sostegno dei progressisti, se non altro come strumento per rimuovere Trump.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Pinterest Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email