tizianocavigliablog

Il curioso metronomo di Beethoven

Multimedia   07.01.21

Ogni direttore d'orchestra sa che le notazioni musicali sulle composizioni di Ludwig van Beethoven presentano un tempo troppo veloce, che spesso è necessario rallentare durante l'esecuzione.
Per anni gli studiosi si sono interrogati sul perché di questo inusuale andamento e alcuni hanno sollevato il dubbio secondo cui il metronomo, lo strumento per la misurazione della velocità del tempo musicale, del famoso compositore di Bonn potrebbe essere stato rotto o addirittura sabotato.

Una nuova recente ipotesi, suggerisce la possibilità che Beethoven, come molti di noi, soffrisse della sindrome dell'early adopter; questo portò il compositore di Bonn ad affidarsi a uno strumento non ancora ben temperato in un'epoca priva di standard condivisi.

Ludwig van Beethoven (1770-1827) fu uno dei primi compositori a iniziare a usare un metronomo, un dispositivo brevettato da Johann Nepomuk Maelzel nel 1815. In quegli anni, iniziò a modificare le sue opere con notazioni numeriche basate sul metronomo. I dubbi sulla validità di queste notazioni risalgono all'Ottocento e nel corso del Novecento sono state condotte numerose analisi musicologiche, alcune delle quali già facevano pensare all'ipotesi che il metronomo fosse rotto, presupposto che non potrà mai essere verificato. In ogni caso, la maggior parte dei direttori d'orchestra omette queste notazioni in quanto le considera troppo veloci (Romanticismo), mentre dagli anni '80 altri direttori (Storicismo) le hanno usate per suonare Beethoven. Tuttavia, i critici musicali e il pubblico hanno descritto questi concerti come troppo frenetici e persino sgradevoli.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Pinterest Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.
Spoiler Alert
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.