tizianocavigliablog

Le città sotterranee dell'Impero Romano d'Oriente

Geek   31.03.24  

Le stupefacenti formazioni geologiche della Cappadocia sono uno dei paesaggi più sorprendenti della Terra. Conosciute anche come camini delle fate, queste impressionanti formazioni nascondono un'impresa di ingegneria premoderna altrettanto notevole: una rete di vaste città sotterranee che si estendono in profondità sotto la superficie.
Chi abitava queste città e perché? Veronica Kalas, su TED-Ed affronta e svela i segreti di questa storia sepolta.

Le città sotterranee della Cappadocia furono costruite durante l'Impero Bizantino, nel periodo compreso tra il V e il XII secolo. Queste città rappresentano un notevole esempio di ingegneria e architettura antica. Scavate nella roccia vulcanica, le città sotterranee si estendono su diversi livelli, fino a otto o nove piani sottoterra. Si stima che alcune di queste città potessero ospitare migliaia di persone.
Le città sotterranee servivano come rifugi per le comunità locali in tempi di pericolo. Durante il periodo delle invasioni arabe e persiane, le persone trovavano sicurezza all'interno di questi complessi sotterranei con i loro intricati passaggi, le camere residenziali, le chiese e i magazzini.
Vie sotterranee consentivano la comunicazione e il trasporto di merci tra le diverse comunità. La presenza di sistemi di ventilazione e pozzi d'acqua dimostra che le città sotterranee erano progettate per essere autosufficienti e in grado di sostenere la vita delle persone che vi si rifugiavano.

Oggi, alcune delle città sotterranee della Cappadocia sono state aperte al pubblico, permettendo ai visitatori di immergersi nella storia e nell'architettura di questo straordinario complesso. Esplorando le gallerie e le camere sotterranee, si può comprendere l'ingegno e la dedizione che hanno permesso la loro costruzione.
Un tesoro nascosto; un affascinante tuffo nel passato nella testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle civiltà antiche.

LEGGI ALTRO...
Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Pinterest Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email