tizianocavigliablog
In varietate concordia.

Il clima di Durban 11.12.11

Dalla conferenza COP17 sui cambiamenti climatici a Durban emergono tre punti chiave.

Oltre il protocollo di Kyoto c'è un domani e da oggi ha il cappello delle Nazioni Unite.
Principalmente lo si deve a una presa di coscienza globale sulle potenzialità ormai certe della rivoluzione verde. L'economia verde trainerà il mondo nei prossimi decenni e nessuno vuole perdersi la festa.
L'ambiente salvato dal capitalismo. A qualche distratto suonerà strano.

La sempre bistrattata Europa detta legge e resta il faro mondiale dello sviluppo sostenibile e delle energie rinnovabili.
Autorevole nel mediare tra posizioni divergenti e capace di assumersi la responsabilità di porsi sempre all'avanguardia nella difesa dell'ambiente.

L'Italia torna protagonista, all'interno del quadro della diplomazia europea, lasciandosi alle spalle la politica ambientale di stampo tardo medievale dei governi Berlusconi.
Una ventata di aria fresca respirata anche a Durban.

L'invasione pro Cassano 07.07.10

L'invasore di campo fermato dalla sicurezza

L'invasore di campo, nella partita di stasera a Durban, era il tifoso pro Cassano.

L'accordo di Durban 11.12.11

Delegati ONU a Durban

I delegati delle Nazioni Unite hanno raggiunto un accoro per difendere la stabilità del clima. La road map prevede che il piano complessivo verrà definito entro il 2015 e coinvolgerà tutti il mondo Le misure di riduzione degli agenti inquinanti e di salvaguardia dell'ambiente diventeranno esecutive a partire dal 2020.

Il clima visto da Durban 02.12.11

Attivisti di Greenpeace a Durban

Il mondo si ritrova a Durban, in Sud Africa, per discutere di cambiamenti climatici e del superamento del Protocollo di Kyoto alla conferenza delle Nazioni Unite.

Fonte: La Stampa