tizianocavigliablog
Selamat pagi.

Da Teheran al Bahrein 15.02.11

Ieri altre manifestazioni popolari hanno sconvolto il mondo arabo.

Due i morti a Manama, capitale del Bahrein. Da anni la maggioranza sciita del piccolo arcipelago nel Golfo Persico mal sopporto la dinastia sunnita al potere.

A Teheran le opposizioni tornano a scendere compatte in piazza Enghelab dopo le imponenti manifestazioni del 2009.
La protesta, non autorizzata dal regime iraniano e ispirata ancora dai leader Mousavi e Karroubi, si è scontrata con la determinazione della polizia.
Le strade della capitale, ma non solo, si sono trasformate in un ennesimo teatro di battaglia. Alla fine della giornata si registrava un morto e 250 persone arrestate.
Oggi dai banchi parlamentari la maggioranza conservatrice ha invocato la forca per i responsabili degli scontri.

Intanto nello Yemen, il paese più povero della penisola arabica, cresce il malcontento verso il regime di Saleh e si prosegue a manifestare da San'a ad Aden.

I tre giorni della rabbia 21.04.12

Manifestanti a Manama

Non si placano le proteste dell'opposizione sciita a Manama, in Bahrein, che denuncia le violazioni dei diritti umani nel regno. In un clima di guerriglia domani si correrà il Gran Premio di Formula 1.

Le proteste in Bahrein 15.02.12

Manifestante in Bahrein

I manifestanti tornano per le strade di Manama nel primo anniversario della rivolta per chiedere riforme sociale e maggiore democrazia nel paese del Golfo.

Fonte: Guardian

La protesta in Bahrein sedata nel sangue 16.03.11

Pearl Square coperta da un fumo nero dopo l'attacco della po

La monarchia del Bahrein, appoggiata da truppe saudite, sgombera con la forza i manifestanti a Pearl Square. Un bilancio di morti e sangue a Manama.

Fonte: Guardian

Un giorno di sangue per il mondo arabo 17.02.11

Manifestanti lanciano pietre a San'a

Le proteste in Yemen, Bahrein e Libia contro le dittature e la corruzione vengono sedate nel sangue. I morti si contano a decine, i feriti a centinaia. I leader arabi non sanno più come contenere il malcontento che ormai dilaga tra ogni strato sociale della popolazione. Sgomberata Pearl Square a Manama a colpi di manganello. Bagno di sangue a Al Baida in Libia. La Giornata della collera si scontra con la determinazione dei mezzi corazzati, ma c'è da giurare che da domani riprenderà vigore con ancora più forza.

Fonte: TLUC Blog