tizianocavigliablog
Il blog che tutti dovrebbero leggere.

Cosa emerge dalle elezioni in Brasile 04.10.10

Siamo poco oltre il 69% dei voti scrutinati e si profila un ballottaggio tra la candidata socialista Dilma Rousseff, delfina di Lula, e José Serra.
Tra i due ci sono una decina di punti. Un risultato temuto da molti; una prova decisamente sotto le aspettative per la Rousseff.

La grande novità arriva da Marina Silva, la candidata ambientalista "nera e di umili origini" come ama definirsi, in grado di intercettare il voto giovane e di una nuova generazione di sinistra che non si riconosce più in Lula e nel Partito dei Lavoratori.
Al momento sfonda il tetto del 20%, diventando l'ago della bilancia del probabile secondo turno. Vince nettamente nel Distretto Federale della capitale Brasilia.

Da segnalare che i sondaggi davano alla Rousseff una vittoria schiacciante già al primo turno.

[01:26] Al 90% degli scrutini il risultato di fondo non cambia. Aumenta leggermente la forbice per Dilma Rousseff ai danni di Serra.

[07:11] Concluso di fatto lo spoglio cresce il vantaggio di Dilma Rousseff, che tuttavia resta sotto il 47%. Era data al 51 negli ultimi sondaggi.
Serra fa il suo - ovvero molto poco - e tuttavia conquista un secondo turno che sulla carta gli era negato. Poco sotto un terzo dei voti, era dato al 25%. Massimo risultato con il minimo sforzo.
L'exploit di Marina Silva - alla fine sarà giusto un pelo sotto il 20% - rovina la festa a Lula e al Partito dei Lavoratori. C'è un vento nuovo in Brasile e questo può solo fare bene.
Alla fine il 31 ottobre vincerà Dilma, prima donna a ricoprire la massima carica in Brasile, ma con quanta sofferenza. Paga il peso opprimente di Lula e alcuni recenti scandali che hanno segnato il Governo.
Si votava anche per eleggere i governatori federali e per rinnovare il Parlamento.

L'ombra delle amicizie iraniane di Lula sulle elezioni brasiliane 16.08.10

La scontata campagna elettorale brasiliana - in vista delle elezioni del 3 ottobre per rinnovare il Parlamento ed eleggere il nuovo presidente - ha avuto un sussulto nelle ultime settimane a causa delle strette relazioni tra il presidente Lula e Ahmadinejad.

Il programma nucleare iraniano e ancor di più la condanna a morte per lapidazione che pesa sulla testa di Sakineh Mohammadi Ashtiani sono entrati a gamba tesa nel dibattito politico scatenando gli attacchi dei due principali candidati dell'opposizione.
Il leader del Partito della Social Democrazia Brasiliana José Serra e Marina Silva, del partito ambientalista, si sono scagliati contro le amicizie iraniane di Lula. Critiche che hanno investito in pieno anche la candidata del Partito dei Lavoratori Dilma Rousseff, finora rimasta nell'ombra del popolarissimo presidente e offrendo quindi un ottimo bersaglio per i suoi detrattori.

E' ancora presto per capire quali saranno i contraccolpi politici per i candidati se e quando verrà eseguita la condanna a morte.
Quello che è certo è che ormai l'opinione pubblica è stata scossa.