tizianocavigliablog

Wow archivio

La ronda di notte di Rembrandt a 45 gigapixel

Wow   16.05.20  
La ronda di notte di Rembrandt
La ronda di notte di Rembrandt

Uno di capolavori di Rembrandt, La ronda di notte, ospitato al Rijksmuseum di Amsterdam, ora si può ammirare ad altissima risoluzione.
L'immagine di circa 45 gigapixel si compone di 528 fotografie ed è grande abbastanza per esplorarlo oltre la singola pennellata.

La ronda di notte è stato dipinto nel 1642 su commissione dallo scabino Frans Banning Cocqed, che viene ritratto al comando della corporazione di archibugierieri, per celebrare l'ingresso in città di Maria de' Medici.

Nel 2013 un flash mob aveva celebrato la nuova esposizione al pubblico del dipinto dopo un lungo restauro durato dieci anni.

LEGGI ALTRO...

Come realizzare aerei di carta che volano a lungo

Wow   12.05.20  

Mahir Cave condivide su YouTube la sua passione: realizzare aerei di carta capaci di volare a lungo grazie a un attento design.

Se la materia vi appassiona John Collins, che ha stabilito il record per il lancio più lungo del mondo, può insegnarvi qualche trucco.
Tuttavia se a mancarvi sono la pazienza o il tempo, potete sempre affidarvi al lanciatore di aerei di carta costruito coi mattoncini LEGO.

LEGGI ALTRO...

Le risorse gratuite di Dungeons & Dragons per superare il distanziamento sociale

Wow   17.04.20  

Wizards of the Coast ha deciso di pubblicare quotidianamente risorse e materiali gratuiti su Dungeons & Dragons, disponibili sul suo sito web, per venire incontro alle esigenze di gioco durante questo periodo di distanziamento sociale e quarantena.
Si va dai moduli per giocare campagne in corso a risorse per creare avventure autonome, fino ai materiali e ai manuali per iniziare a esplorare le ambientazioni di questo gioco di ruolo.

LEGGI ALTRO...

Concatenazione

Wow   02.04.20  

Concatenation è il video sperimentale di Donato Sansone che sviluppa un rapporto di causa ed effetto attraverso un ipotetico movimento creato dall'accurato montaggio di filmanti diversi.

LEGGI ALTRO...

Leggere la guida del Dungeon Master per superare la quarantena

Wow   31.03.20  

Se i Sonetti di William Shakespeare, letti uno alla volta ogni giorno da Patrick Stewart, non sono sufficienti a riempire queste giornate di quarantena forse potrebbe riuscirci Ben, di Questing Beast, che ha iniziato la lettura dell'interminabile capolavoro del 1979 di Gary Gygax: la Guida dei Dungeon Master di AD&D.

Di tutti i libri di D&D, degli ultimi 40 anni, la Guida del Dungeon Master ha avuto l'impatto più profondo su di me e avrà sempre un posto speciale nel mio piccolo cuore nerd. Sono sicuro che molti altri giocatori della mia generazione (e oltre) si sentono allo stesso modo.

LEGGI ALTRO...

La leggenda medievale di un mitico regno cristiano perduto

Wow   22.03.20  

Sul finire del XII secolo iniziò a circolare la leggenda di un regno cristiano nestoriano perduto. L'origine del mito risale a una lettera scritta in latino secondo la quale un sedicente re e sacerdote di nome Prete Gianni descriveva i suoi possedimenti in una lontana terra orientale.
Il suo regno era immenso, straordinariamente ricco e popolato, secondo l'immaginario medievale, da esseri mitologici.
La figura di questo personaggio divenne talmente popolare nelle cronache e nella tradizione europea che la sua leggenda perdurò sino al XVII secolo, ispirando racconti e canzoni.

Nel corso dei secoli fiorirono ipotesi e indizi che appassionavano storici e ricercatori. Per Jacques de Vitry, Prete Gianni, altri non era se non Gengis Khan. Vincenzo di Beauvais credeva fosse un imperatore indiano. Ludovico Ariosto, nell'Orlando furioso, lo immagina quale re d'Etiopia di nome Senapo, che Astolfo libera da una maledizione divina che lo costringeva a soffrire la fame. Odorico da Pordenone era convinto che si trattasse di un principe cinese. Secondo gli Annales sancti Rudberti Salirburgensis il leggendario re sarebbe stato Abaka, il secondo re mongolo di Persia. Infine Marco Polo e Alberico delle Tre Fontane affermavano trattarsi di un sovrano keraita, una popolazione mongola convertita al cristianesimo nestoriano.
Innumerevoli furono anche i tentativi di cercare il regno, spostando di volta in volta i confini man mano che le esplorazioni avanzavano, dalla Persia all'India, dalla Nubia all'Etiopia, dalla Mongolia alla Cina, dall'Indocina alla Manciuria.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...