tizianocavigliablog

La setta dei senza Dio

Res publica   14.01.09

Giglioli sulla questione degli autobus tappezzati con slogan dell'UAAR, tra ateismo e proselitismo:

secondo, andare a spendere dei soldi per annunciare al mondo che Dio non esiste puzza un casino di proselitismo, e se c'è una cosa che un agnostico non farebbe mai è tentare di convincere qualcun altro, dato che sospendere il giudizio è una scelta molto personale, intima e - per quanto consapevole - dolorosa.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email
consigliato da Rhadamanth
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.
Spoiler Alert
Il cinema racchiude in se molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.

Leggi i commenti

6 commenti

Cristina ha scritto:

Che pena vedere quegli autobus con quella sciocca scritta ......
Che Dio non esiste lo dicono gli atei e allora ricordiamoci che i più grandi scienziati furono anche credenti.
Vedendo tutte le meraviglie del creato solo uno sciocco privo di raziocinio potrebbe insinuare che Dio non esiste!
Ci vorrebbe un pò più di umiltà e buon senso!
Dio sia sempre lodato e glorificato!

postato il 14/01/2009 alle 15:25:22

Pierangelo ha scritto:

Sulla questione degli ateobus sono intervenuto anch'io, qui.

Ciao!

postato il 14/01/2009 alle 16:00:52

L'Eremita ha scritto:

Esattamente quello che si diceva l'altro giorno.

postato il 14/01/2009 alle 16:05:26

giorgio ha scritto:

Che poi bastava tradurre correttamente dall'inglese per evitare fraintendimenti.

postato il 14/01/2009 alle 17:11:45

Angelo Nardi ha scritto:

@giorgio: in effetti...

postato il 14/01/2009 alle 19:38:07

Perso nel blu ha scritto:

In italiano manca il "probabilmente" della versione in inglese, che fa un mondo di differenza in termini teorici, pratici e metodologici.

postato il 14/01/2009 alle 22:52:17