tizianocavigliablog
Tempesta di cervelli.

Mele marce 21.09.10

Il post di Daniele Sensi si riallaccia perfettamente a quanto si diceva qualche giorno fa a proposito della sproporzione di attenzione tra i presunti pericoli per la democrazia, portati da sparuti razzisti svedesi, e le taciute derive xenofobe di partiti di governo italiani.

I Democratici di Svezia, partito che l'altro ieri ha fatto gridare all'allarme xenofobia la stampa del mondo intero, alle europee del 2009 mirava ad entrare nello stesso gruppo parlamentare della Lega Nord. "Assieme a gente che in Italia propone di sparare sui barconi degli immigrati?", chiese all'epoca un giornalista ad un loro candidato. "In ogni gruppo ci sono partiti discutibili", fu la riposta.