tizianocavigliablog
One nerd to rule them all.

La malattia di Steve Jobs 17.01.11

Ad un anno e mezzo dal suo trapianto di fegato Steve Jobs si allontana nuovamente da Apple con una lettera ai dipendenti, lasciando la gestione all'ottimo numero due Tim Cook.

La notizia circolata oggi ha spaventato i mercati. Il tonfo di Apple a Francoforte lascia presagire un analogo risultato domani a Wall Street, chiusa oggi per il Giorno di Martin Luther King.
Jobs è infatti inscindibile da Apple agli occhi di clienti e investitori.
Gli analisti invitano tuttavia alla calma. Apple è infatti capace di badare a se stessa come ha saputo dimostrate negli ultimi anni di ripetute assenze per malattia dell'iCEO.

Secondo il New York Times la condizione di salute di Steve Jobs rispecchierebbe i normali alti e bassi di un paziente che ha subito un trapianto di fegato. Un augurio a restare tranquilli e a una pronta guarigione per Steve Jobs, sicuri che il suo ritorno lo vedrà al solito ancora più combattivo e pronto a stupire ancora il mondo.

Mr. Jobs suffers from immune system issues common with people who have received liver transplants and, as a result, his health suffers from frequent "ups and downs," according to a person with knowledge of the situation, who agreed to speak on condition of anonymity because he was not authorized to discuss it. In recent weeks, Mr. Jobs began a down cycle and slowed his activities at Apple, the person said. Mr. Jobs has been coming to the office about two days a week, and appeared increasingly emaciated, the person said. He frequently lunched in his office, rather than in the company cafeteria, the person said.