tizianocavigliablog
Il Lich.

Il rapporto con il cibo nella cinematografia di Hayao Miyazaki 26.12.18

La cucina del Castello errante di Howl
La cucina del Castello errante di Howl

L'importanza del cibo come trait d'union tra i rapporti interpersonali nella cinematografia di Hayao Miyazaki e in particolare nel suo splendido Castello errante di Howl.
Un aspetto affascinante per comprendere meglio la poetica dello Studio Ghibli, accennato da Sarah Welch-Larson.

Nei film dei Studio Ghibli, il cibo è una festa per gli occhi. Quasi tutti i film di Hayao Miyazaki includono un memorabile rapporto con il cibo. Un monaco che mescola una pentola di zuppa in una fredda notte nella Principessa Mononoke. Una torta di aringhe, dorata e fumante, appena sfornata, in Kiki consegne a domicilio servizio. Il ramen in Ponyo. Mucchi di carne arrostita e gnocchi che si rovesciano sul bancone di un ristorante incantato nella Città incantata. Persino i film di Miyazaki che non si concentrano così tanto sul cibo permettono comunque ai loro personaggi di fare una pausa e mangiare. Nausicaä si ferma per un momento a mangiare un piccolo sacchetto di frutta secca mentre il mondo crolla intorno a lei. Porco Rosso mangia spaghetti alla bolognese mentre si nasconde dalle autorità italiane. Stravaganti o semplici, veloci o languidi, le scene con il cibo nei film di Miyazaki tentano tutti i sensi.

[...] Nel castello mobile di Howl, il cibo è più di una necessità. Sostiene la vita in tutti i sensi: aiuta un corpo a tenere insieme carne e tendini e agisce come espressione di amore e cura. Abbiamo la sensazione che Howl sia una brava persona dal modo in cui prepara la colazione. Ha una mano sicura e un tocco leggero. Potrebbe essere agitato, ma gli importa abbastanza da mettere insieme una colazione ben cotta abbastanza grande per tutti nella stanza, inclusa Sophie l'intrusa.

Il cibo è anche un'espressione di identità. La cucina di Howl è semplice ed elegante, ma sembra una festa. La pancetta è spessa e scoppiettante, e le uova sono perfette, cotte al tegamino con un solo tuorlo rotto. Le scelte culinarie di Sophie sono semplici e pratiche, come lei, ma ciò non le rende meno preziose degli esempi più stravaganti di piatti che vediamo in altri film Miyazaki. Il suo pane e il suo formaggio sono altrettanto gustosi della pancetta e delle uova di Howl, e probabilmente sono altrettanto soddisfacenti. Anche Calcifer ha bisogno di mangiare, nonostante sia una creatura soprannaturale. Si infila i ceppi in bocca, uno per uno, ogni volta che ha bisogno di spostare il castello. Quando non è attivo, consuma continuamente il legno, anche se a un ritmo più lento; il fuoco è una creatura affamata e uscirà se non viene nutrito.

La fame in Howl è duplice: può essere il desiderio di essere sostenuto, e può essere il desiderio di possedere. Questo secondo desiderio assume la forma della gola, ed è una forza distruttiva.

[...] Si dice che la cucina sia il cuore di una casa, e la cucina di Howl era vuota finché Sophie non vi è entrata per pulirla. Il cibo e l'amore sono entrambi forze che sostengono la vita, ma solo se vengono vissuti senza pensare al possesso o al controllo.

Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Facebook Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Twitter Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su WhatsApp Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog su Telegram Condividi il post di Tiziano Caviglia Blog via Email