tizianocavigliablog

Geek archivio

Seguire il viaggio di Perseverance verso Marte in tempo reale

Geek   26.08.20  
Screenshot della mission timeline della missione Mars 2020
Screenshot della mission timeline della missione Mars 2020

La NASA ha realizzato un sito per seguire la rotta e controllare i progressi della missione Mars 2020.
La sonda, in viaggio verso Marte, depositerà sulla superficie del cratere Jezero il rover Perseverance, evoluzione di Curiosity, e il piccolo drone elicottero Ingenuity nel febbraio del 2021.

Attraverso questa pagina chiunque potrà vedere il rover durante il suo viaggio ed esplorare lo spazio circostante, ottenendo informazioni sui corpi celesti che verranno incrociati o si troveranno nelle vicinanze della rotta della sonda.

LEGGI ALTRO...

L'origine del fango

Geek   25.08.20  

Qualcuno direbbe che è meglio non cascarci, ma allo stesso tempo c'è chi ci si azzuffa dentro e per alcuni sport è imprescindibile.
Per qualcuno è qualcosa da eliminare al più presto, per altri è un sedimento fertile che rinnova il terreno coltivabile.
Parliamo del fango.

Adesso i petrologi indagano su come si è formato inizialmente e in che modo le piante hanno contribuito a trattenerlo e crearne in abbondanza, aiutando lo sviluppo della vita animale sul pianeta.

Prima che le piante arrivassero sulla terraferma, il fango era già presente - sebbene principalmente sul fondale marino e nei letti dei fiumi. Una volta che le piante si sono diffuse su tutto il pianeta, non solo sono state capaci di trattenere i sedimenti, ma le loro radici hanno frantumato la roccia sia per effetto meccanico sia rilasciando sostanze chimiche capaci di sbriciolarla. In questo modo, le piante hanno accelerato quella che i geologi chiamano "fabbrica di fango continentale".

Senza le piante, i fiumi avrebbero spogliato i continenti dal limo e dall'argilla - costituenti chiave del fango - e avrebbero trasportato questi sedimenti sul fondo del mare. Ciò avrebbe lasciato i continenti pieni di roccia sterile e ambienti marini inospitali per i pesci.

Una volta che le piante si sono diffuse le cose hanno cominciato a cambiare. Il fango si attaccava alla vegetazione lungo le sponde dei fiumi e si raggrumava piuttosto che proseguire la sua corsa sino a raggiungere il fondo del mare. Davies [...] e i suoi colleghi hanno scoperto che l'espansione delle piante terrestri all'incirca tra 458 milioni e 359 milioni di anni fa coincise con un aumento di oltre dieci volte la quantità di fango presente sulle terre emerse - e un cambiamento significativo nei modi in cui i fiumi scorrevano. L'arrivo delle prime piante e poi del fango "ha cambiato radicalmente il modo in cui funziona il mondo".

LEGGI ALTRO...

La natura degli oceani

Geek   24.08.20  

Salvaguardare la natura ha senso dal punto di vista economico, è la nostra migliore assicurazione sanitaria ed è il nostro imperativo morale.
National Geographic ha intervistato, in occasione dell'uscita del saggio The Nature of Nature, Enric Sala, il biologo e attivista che ha proposto il progetto che combina esplorazione, ricerca e comunicazione mediatica per ispirare i governi a creare riserve marine; un'intuizione che ha contribuito sino a oggi alla conservazione di quasi 6 milioni di km quadrati di oceano.

LEGGI ALTRO...

Rilassarsi e dormire come gli astronauti

Geek   12.08.20  

L'ESA ci guida in una rapida visita guidata agli alloggi dell'equipaggio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.
Il video segue l'astronauta Samantha Cristoforetti che a fine turno dopo un'intensa giornata di lavoro si ritirara nel proprio alloggio privato. Uno spazio della dimensione di un camerino che ospita oggetti personali, alcuni laptop e un sacco a pelo come letto da assicurare alla parete o, come piace al capitano Cristoforetti, libero di fluttuare a bassa gravità.

LEGGI ALTRO...

La scoperta dei barioni mancanti

Geek   11.08.20  

Sappiamo quanta materia si è creata all'inizio nell'universo. Nelle prime fasi di espansione dopo il Big Bang la materia ordinaria formata essenzialmente da barioni, un gruppo di particelle subatomiche composte costituite da un numero dispari di quark, era un sesto rispetto alla materia oscura.
Osservando l'universo attuale metà di quella materia sembra essere scomparsa.

Era stato ipotizzato che la materia mancante fosse diffusa come un alone di gas, a temperature che superano il milione di kelvin, che circonda le galassie. Tuttavia a causa della sua densità estremamente bassa risultava difficilmente osservabile.
Sino a ora.

Questa è la storia di come sono stati rilevati i barioni mancanti osservando i fast radio burst.

LEGGI ALTRO...

Sorvolare Marte

Geek   03.08.20  

Il 25 dicembre 2003 la sonda Mars Express dell'ESA è entrata in orbita attorno a Marte.
Questo video mette in evidenza alcuni dei panorami mozzafiato di Marte svelati nel corso della missione, ricostruiti in 3D partendo dalle immagine scattate dalla High Resolution Stereo Camera.
Panorami mozzafiato di Marte tra dune spazzate dalle tempeste di sabbia, valli scolpite dall'acqua e dai vulcani, immensi canyon e calotte polari ricoperte di ghiaccio.

Miliardi di anni di evoluzione geologica del pianeta rosso ripercorsi in pochi minuti.

LEGGI ALTRO...

Costruire il ponte Genova San Giorgio

Geek   03.08.20  

Il corto di Webuild sulla realizzazione del nuovo ponte Genova San Giorgio, progettato da Renzo Piano, che con i suoi 1.067 metri torna a unire la città di Genova e le due Riviere della Liguria.
Un'opera che, come la città su cui è stata edificata, è tessuta con l'impegno e poggia sulla consapevolezza di una tragedia evitabile, capace di trarre forza dal passato per guardare nuovamente avanti.

Acciaio, calcestruzzo e tecnologia, un mix di materia, competenza e intelligenza per una moderna opera d'arte. Un ponte come la chiglia di una nave, un guscio per attraversare il Polcevera, ricucire la città e ricollegare Genova all'Europa e al mondo.

10 mesi il tempo record dei lavori per realizzare la struttura del nuovo #PonteGenova, al ritmo di 7 giorni su 7 in 20 cantieri contemporanei e paralleli. 40 mestieri e 1.000 uomini che hanno lavorato sotto terra, in quota, dentro l'impalcato e sopra la soletta, protetti dai più alti standard di sicurezza.

Bellezza, sicurezza, qualità, ambiente e futuro per una grande opera made in Italy fatta di visione, attenzione e cura dei dettagli.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...