tizianocavigliablog

Multimedia archivio

Ascoltare il cinema

Multimedia   26.01.23  

A differenza dei dialoghi, la maggior parte dell'audio che ascoltiamo in un film non viene creato sul palcoscenico, ma viene aggiunto in post-produzione da rumoristi e montatori del suono.
Il regista Paul E.T. esplora l'importanza degli effetti sonori, della musica e della parola nel cinema, utilizzando scene di film famosi e il cortometraggio che stava girando, per raccontarci le tre componenti di un paesaggio sonoro di successo, gli effetti speciali, i dialoghi e la colonna sonora.

LEGGI ALTRO...

Perché abbiamo sempre più bisogno dei sottotitoli

Multimedia   21.01.23  

Se hai mai guardato un espisodio di una serie tv o un film in cui un personaggio recita una battuta talmente incomprensibile da costringerti a risentirla o a dover aggiungere i sottotitoli, allora ti trovi in buona compagnia e no, non devi reoccuparti per la salute del tuo udito.

Vox, con il contributo della audio editor Austin Olivia Kendrick, prova a spiegare perché sempre più spesso il sonoro di molte produzioni rende incomprensibile l'ascolto di alcuni dialoghi. C'entra la messa in scena e la tecnologia.

LEGGI ALTRO...

La grande bufala sugli abitanti della Luna

Multimedia   19.01.23  

Nella prima metà del XIX secolo, come racconta la BBC, si sviluppò un movimento per cercare di conciliare le credenze religiose con le nuove scoperte scientifiche. Era anche un periodo in cui molti giornali appena nati avrebbero fatto di tutto per aumentare le vendite, a volte anche calpestando l'etica giornalistica.
In questo ambiente, Richard Adams Locke scrisse nel 1835 una serie di articoli satirici prendendo in giro alcune delle teorie astronomiche più stravaganti. Il Sun (che nulla ha a che fare con l'attuale tabloid britannico), per cui Locke lavorava, pubblicò sei articoli "dimenticando" però di etichettarli come satira e lanciando la Great Moon Hoax, la grande bufala lunare, in cui il nostro satellite naturale veniva descritto come ricco di vita animale e vegetale con tanto di uomini pipistrello senzienti, unicorni e castori bipedi. Inutile aggiungere che il Sun decise di non stampare mai una ritrattazione.

Una storia terribilmente attuale.

LEGGI ALTRO...

Dragon's Heaven e l'influenza di Moebius sulla fantascienza

Multimedia   11.01.23  

Nel 1988 usciva un OVA di 30 minuti diretto dal mecha designer Makoto Kobayashi, Dragon's Heaven.
Kenny Lauderdale recensisce questo piccolo gioiello dell'animazione, la cui particolarità è il suo stile artistico, così tanto influenzato dal genio di Moebius da far pensare che se Jean Giraud avesse mai realizzato un anime sarebbe stato proprio questo.

Una curiosità: esiste anche un versione manga di Dragon's Heaven, grauitamente consultabile su Internet Archive.

"In un futuro remoto, nel corso di una guerra, un robot da combattimento senziente perde il suo operatore umano durante la battaglia decisiva e si spegne finché i suoi sistemi interni non verranno risvegliati mille anni dopo da una ragazza che lo aiuterà a completare la sua missione".

LEGGI ALTRO...

10 film da vedere usciti negli ultimi 12 mesi

Multimedia   10.01.23  

Thomas Flight ripercorre l'anno appena trascorso per stilare un elenco dei più interessanti film usciti nelle sale in termini di temi trattati, solidità della sceneggiatura, qualità tecnica e risposta emotiva.

Il 2022 è stato un anno davvero affascinante per i film, sono abbastanza fiducioso per il cinema in generale. Penso che ci siano molte cose di qualità là fuori, ora devono solo emergere in questo vuoto infinito di contenuti quasi infiniti che ci arrivano da tutte le direzioni.

LEGGI ALTRO...

Star Wars 1880

Multimedia   07.01.23  

Non troppo tempo fa nella nostra stessa galassia, The Propp Shop ha reimmaginato Star Wars in chiave steampunk con un'ambientazione in stile XIX secolo, tra ufficiali imperiali britannici e stravaganti stormtrooper in armatura yoroi da samurai.

LEGGI ALTRO...

Una questione di satira

Multimedia   03.01.23  

Da migliaia di anni la satira viene usata con l'intento ridicolizzare e criticare i torti percepiti nella nostra società e nei nostri sistemi di credenze al fine di ispirare un cambiamento. StudioBinder ripercorre diversi tipi di satira e il loro utilizzo come espedienti narrativi usati nelle sceneggiature cinematografiche.

Il nostro primo tipo di satira, e tra i più popolari, viene da Orazio (65 a.C. - 8 a.C.), uno scrittore romano noto per aver deriso scherzosamente le figure di spicco del suo tempo nel suo lavoro. La satira di Orazio ha solitamente un tono comico e la critica può essere mite: è più una presa in giro giocosa che una condanna abrasiva. Nel nostro video, abbiamo scelto il dottor Stranamore di Stanley Kubrick come uno dei migliori esempi satirici della modalità oraziana. Il film prende di mira l'assurdità del rischio calcolato nucleare e i leader da cartone animato che ne sono responsabili.

Proseguendo, abbiamo la satira di Giovenale, uno dei tipi più oscuri e criptici. Prende il nome dal caustico scrittore romano Giovenale (I secolo d.C. - II secolo d.C.), questa modalità di satira è incentrata sulla commedia e molto più mirata nella sua critica alle istituzioni sociali come il governo, i politici e le strutture di classe. Un fantastico esempio moderno di satira di Giovenale è Parasite di Bong Joon-ho, che affronta il capitalismo e il modo in cui costringe sia i ricchi che i poveri ad agire come parassiti.

Infine, esamineremo la satira menippea, che può variare notevolmente di tono, ma concentra le sue critiche su atteggiamenti mentali e sistemi di credenze come il razzismo e la religione. Questa narrazione satirica prende il nome da Menippo (III secolo a.C.) anche se tutti i suoi scritti sono andati perduti nel tempo - tutto ciò che abbiamo è derivato da altri scrittori contemporanei che discutono il suo lavoro. Abbiamo scelto Jojo Rabbit di Taika Waititi come nostro principale esempio di satira menippea perché trasforma un movimento storico molto serio e pericoloso (la Germania nazista) in qualcosa di completamente assurdo.

LEGGI ALTRO...

L'arte dei primi piani nel cinema

Multimedia   17.12.22  

La guida definitiva di StudioBinder su come realizzare primi piani sul grande schermo.

Roger Ebert una volta disse che "i film sono come una macchina che genera empatia". Uno dei modi più comuni e diretti in cui ciò avviene è attraverso il primo piano. Gran parte del modo in cui comunichiamo e ci connettiamo con le persone è attraverso il viso. Ha senso quindi che l'inquadratura ravvicinata sia una delle inquadrature più onnipresenti. In questo video, esamineremo la miriade di modi per riprendere un primo piano, incluse le proporzioni, l'illuminazione, la profondità di campo e come modificare i primi piani in una scena.

Una delle decisioni prese durante la pre-produzione è quale formato verrà utilizzato. Le immagini più quadrate sono ottime per gli scatti ravvicinati perché possono isolare un singolo volto. D'altra parte, più immagini a forma di rettangolo possono fornire più contesto attorno al personaggio o persino consentire primi piani di due o tre personaggi alla volta.

Gli obiettivi della fotocamera offrono anche qualità distinte quando si riprendono primi piani nel film. Gli obiettivi con una lunghezza focale di 50 mm e oltre tenderanno ad appiattire il viso, mentre gli obiettivi grandangolari (come 28 mm e inferiori) allungheranno e distorceranno il viso. C'è anche l'illuminazione da considerare: una retroilluminazione morbida può dare al personaggio un bagliore, mentre una forte illuminazione inferiore crea ombre drammatiche.

LEGGI ALTRO...

Il pantheon cosmico di Lovecraft

Multimedia   25.11.22  

Tra i precursori della moderna narrativa horror Howard Phillips Lovecraft ha profondamente influenzato e ispirato numerosi artisti, siano essi scrittori, registi, musicisti o pittori, nel catturare l'immaginazione su orrori cosmici oltre l'umana comprensione.
Il suo stile letterario e le sue atmosfere, a distanza di un secolo, restano tra le più uniche nell'intera storia della letteratura horror.

Marvelous Videos ripercorre il Ciclo dei Sogni e i Miti di Cthulhu per presentare quel pantheon cosmico pervaso dal caos e da creature partorite da una mitologia perversa e abietta.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...