tizianocavigliablog

Res Publica archivio

La dottrina Obama

Res publica   10.03.16  

Un bilancio della presidenza Obama in politica estera nell'intervista rilasciata all'Atlantic dal 44esimo presidente degli Stati Uniti d'America.

Obama understands that the decision he made to step back from air strikes, and to allow the violation of a red line he himself had drawn to go unpunished, will be interrogated mercilessly by historians. But today that decision is a source of deep satisfaction for him.

"I'm very proud of this moment," he told me. "The overwhelming weight of conventional wisdom and the machinery of our national-security apparatus had gone fairly far. The perception was that my credibility was at stake, that America's credibility was at stake. And so for me to press the pause button at that moment, I knew, would cost me politically. And the fact that I was able to pull back from the immediate pressures and think through in my own mind what was in America’s interest, not only with respect to Syria but also with respect to our democracy, was as tough a decision as I've made—and I believe ultimately it was the right decision to make."

This was the moment the president believes he finally broke with what he calls, derisively, the "Washington playbook."

"Where am I controversial? When it comes to the use of military power," he said. "That is the source of the controversy. There's a playbook in Washington that presidents are supposed to follow. It’s a playbook that comes out of the foreign-policy establishment. And the playbook prescribes responses to different events, and these responses tend to be militarized responses. Where America is directly threatened, the playbook works. But the playbook can also be a trap that can lead to bad decisions. In the midst of an international challenge like Syria, you get judged harshly if you don't follow the playbook, even if there are good reasons why it does not apply."

LEGGI ALTRO...

Eau di Nolfi. Le vrai homme

Res publica   10.03.16  

Eau Di Nolfi, il profumo omofobo di Adinolfi

C'è del genio dietro a quest'opera di satira comparsa per le vie di Torino, ma è la piccata richiesta di attenzione dello stesso Adinolfi ad aver vinto l'internet oggi.

Mi auguro che Dolce&Gabbana smentiscano rapidamente di avere a che fare con questa ennesima violenza.

LEGGI ALTRO...

Guida al Super Tuesday 2016

Res publica   01.03.16  

Analisi, previsioni, curiosità e tutto quello che c'è da sapere sulla scorpacciata di primarie che possono valere una nomination presidenziale.

From Massachusetts to Wyoming to Texas, more than a dozen states are expected to hold presidential contests on March 1, known as Super Tuesday. And the results are sure to be a game-changer for Election 2016.

Not only will more states hold primaries or caucuses on Tuesday than on any other day this election cycle, the sheer number of delegates at stake could pose a make-or-break scenario for some candidates. Before Wednesday morning, we'll find out if Sens. Ted Cruz (R-Texas), Marco Rubio (R-Fla.) and Bernie Sanders (I-VT) are viable challengers or distant threats to frontrunners Hillary Clinton (D) and Donald Trump (R).

But it won't just be a numbers game. Super Tuesday represents a more geographically and demographically diverse swath of states than we've seen the 2016 presidential field encounter so far. This is why many consider Super Tuesday to be the first real test of national electability. Much of the South will be holding contests on Tuesday, so will traditional swing states like Colorado and Virginia.

LEGGI ALTRO...

Gianni Infantino alla presidenza della FIFA

Res publica   26.02.16  

Gianni Infantino, segretario generale della UEFA, è stato eletto nuovo presidente del massimo organo mondiale del calcio.

Infantino, who spent €500,000 of Uefa funds touring the globe in the run-up to the election, triumphed over the controversial Asian Football Confederation president, Sheikh Salman bin Ebrahim al-Khalifa, in the second round of voting by 115 votes to 88.

The Bahraini had assumed his presidential bid would end in a coronation when he resolved to stand following Platini's withdrawal in October, but his campaign has been marred by strenuously denied allegations over human rights breaches and vote-buying in previous elections.

After Infantino took a narrow 88-85 lead in the first round of voting, with the Jordanian Prince Ali bin al-Hussein in third place on 27 and the French former Fifa executive Jérôme Champagne in fourth with seven, he seized the initiative. Infantino’s energetic campaign, together with promises to more than double development money dispensed to Fifa's 207 federations to $5m over four years, won the day.

Il discorso di insediamento di Infantino.

Sarò il presidente di tutti, il presidente delle 209 federazioni. Voglio lavorare con tutti voi per ripristinare l'immagine, al fine di ricostruire una FIFA il cui cuore sarà il calcio. Abbiamo passato momenti difficili, attraversato delle crisi, ma è finita!

Tra gli obiettivi di riforma della FIFA che ha in mente Infantino c'è anche quello di ampliare il numero di squadre che partecipano al Campionato del Mondo da 32 a 40, a partire dall'edizione del 2026.

If we don't do something now about it, to restore the image of FIFA and the reputation of FIFA -- and to increase the development of football in the world -- then I see no future for FIFA.

LEGGI ALTRO...

Le unioni civili in Italia

Res publica   25.02.16  

Le unioni civili superano lo scoglio del voto al Senato.
Il primo importante passo avanti dopo decenni di battaglie, occasioni sprecate e rinvii sul tema dei diritti civili.
Oggi le coppie LGBT italiane, guardando al futuro, possono pensare solo ad amarsi.

L'impianto del ddl sulle unioni civili spiegato da Ivan Scalfarotto.

Il testo dice che due uomini o due donne che si amano possono andare davanti a un ufficiale dello stato civile e, davanti a due testimoni, formare un’unione civile. L'ufficiale dello stato civile iscrive la coppia nel registro dello stato civile (quello dove si iscrivono tutte le vicende della vita delle persone: nascite, morti, matrimoni, ora anche le unioni civili) e da quel momento a quelle due persone succedono molte cose nuove.

Le nostre due amiche o i nostri due amici da quel giorno avranno l’obbligo reciproco di prestarsi assistenza morale e materiale; potranno stabilire di avere un unico cognome; saranno tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni. Si obbligheranno vicendevolmente ad abitare insieme e concorderanno tra loro l'indirizzo della vita familiare (perché in quella casa, evidentemente, c'è una famiglia) e fisseranno la residenza comune.

I nostri due amici e le nostre due amiche, se non disporranno diversamente, stabiliranno una comunione dei beni e saranno reciprocamente eredi come fossero stati sposati. Avranno diritto, in caso di morte, al trattamento di fine rapporto dell’altra persona e alla pensione di reversibilità.

La dichiarazione del presidente del Consiglio Matteo Renzi.

La giornata di oggi resterà nella cronaca di questa legislatura. E nella storia del nostro paese. Abbiamo legato la permanenza in vita del governo a una battaglia per i diritti, mettendo la fiducia. Non era accaduto prima, non è stato facile adesso. Ma era giusto farlo. Leggo critiche, accuse, insulti. Rispetto tutti e ciascuno, dal profondo del cuore. Ma quel che conta è che stasera tanti cittadini italiani si sentiranno meno soli, più comunità. Ha vinto la speranza contro la paura. Ha vinto il coraggio contro la discriminazione. Ha vinto l'amore.

L'intervento al Senato della senatrice Monica Cirinnà, prima firmataria del ddl sulle unioni civili, con una nota di amarezza dopo il voltafaccia del Movimento 5 Stelle.

Lo stralcio della stepchild è un buco nel mio cuore, ma con i numeri del Senato questo è il risultato migliore possibile.

Le cose da sapere sulla stepchild adoption.

La stepchild adoption non è né una novità, né una prerogativa gay. Esiste in Italia dal 1983 (L. 184/1983) e permette l’adozione del figlio del coniuge, con il consenso del genitore biologico, solo se l'adozione corrisponde all’interesse del figlio, che deve dare il consenso (se maggiore di 14 anni) o comunque esprimere la sua opinione (se di età tra i 12 e i 14). L'adozione non è automatica ma viene disposta dal Tribunale per i minorenni dopo un accurato screening sull'idoneità affettiva, la capacità educativa, la situazione personale ed economica, la salute e l’ambiente familiare di colui che chiede l'adozione.

Perché nonostante lo stralcio dell'articolo 5 la stepchild adoption non è comunque compromessa.

Ci sono già stati casi che hanno riguardato coppie dello stesso sesso?
«A ottobre la Corte di appello di Milano ha trascritto la sentenza spagnola con cui una donna aveva adottato la figlia biologica della moglie. Il Tribunale dei minori di Roma invece ha concesso a una donna italiana di adottare la bambina partorita dalla compagna in base all'adozione in casi particolari».

Quindi questa decisione può essere un via libera alla stepchild adoption?
«La Corte Costituzionale, grazie all'iniziativa del Tribunale dei minorenni di Bologna, ha suggerito che il diritto c'è. E la sentenza di Roma è già stata confermata in Appello».

LEGGI ALTRO...

L'Europa senza confini

Res publica   25.02.16  

Borderline, Frontiers of Peace

Borderline, Frontiers of Peace

Borderline, Frontiers of Peace è il progetto fotografico di Valerio Vincenzo che racconta l'Europa senza confini.
La scomparsa di trincee, valli, steccati, palizzate, barriere, muri da un intero continente è uno dei traguardi più significativi mai raggiunti dall'Europa. Un messaggio di speranza, riconciliazione e pace che gli europei hanno condiviso con il mondo.

Una conquista che va difesa.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...