tizianocavigliablog
Il camerlengo? Sì, proprio lui.

82.730.460 emendamenti 23.09.15

L'inadeguatezza del senatore Calderoli spiegata con un numero.

[...] per dare la dimensione della goliardata di Calderoli, per contenere il testo di tutti i suoi emendamenti (alla riforma del Senato della Repubblica, n.d.r.) servirebbero 16 mila e 500 volumi da mille pagine l'uno. [...] oltre 41 tonnellate di carta.

Calderoli 14.07.13

Dopo vent'anni siamo ancora qui a parlare della retorica di Calderoli e della violenza verbale dei leghisti. Inaccettabile non averli ancora relegati in quella sana indifferenza che porta all'oblio.

Cotechino e lenticchie 04.01.12

Ovvero come Mario Monti ha perculato Calderoli sulla cena di Capodanno del presidente del Consiglio.

Il Presidente del Consiglio ha appreso da fonti di stampa che il Senatore Roberto Calderoli avrebbe presentato in data odierna un'interrogazione a risposta scritta con la quale chiede di dar conto delle modalità di svolgimento della cena del 31 dicembre 2011 del medesimo Presidente del Consiglio.

Il Presidente Monti precisa che non c'è stato alcun tipo di festeggiamento presso Palazzo Chigi, ma si è tenuta presso l'appartamento, residenza di servizio del Presidente del Consiglio, una semplice cena di natura privata, dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2011 alle ore 00.15 del 1° gennaio 2012, alla quale hanno partecipato: Mario Monti e la moglie, a titolo di residenti pro tempore nell'appartamento suddetto, nonché quali invitati la figlia e il figlio, con i rispettivi coniugi, una sorella della signora Monti con il coniuge, quattro bambini, nipoti dei coniugi Monti, di età compresa tra un anno e mezzo e i sei anni.

Tutti gli invitati alla cena, che hanno trascorso a Roma il periodo dal 27 dicembre al 2 gennaio, risiedevano all'Hotel Nazionale, ovviamente a loro spese.

Gli oneri della serata sono stati sostenuti personalmente da Mario Monti, che, come l'interrogante ricorderà, ha rinunciato alle remunerazioni previste per le posizioni di Presidente del Consiglio e di Ministro dell'economia e delle finanze.

Gli acquisti sono stati effettuati dalla signora Monti a proprie spese presso alcuni negozi siti in Piazza Santa Emerenziana (tortellini e dolce) e in via Cola di Rienzo (cotechino e lenticchie).

La cena è stata preparata e servita in tavola dalla signora Monti. Non vi è perciò stato alcun onere diretto o indiretto per spese di personale.

La riforma costituzionale di Calderoli 18.07.11

Se le linee guida della proposta di riforma costituzionale possono essere condivisibili, saranno i dettagli a chiarire quanto e se la proposta sarà efficace e applicabile.
Conoscendo i precedenti del ministro Calderoli il testo andrà passato al setaccio due volte. Minimo.

Senato federale. Il Senato diventa "Senato federale della Repubblica". Lo prevede l'articolo 2. Sarà composto da 250 senatori (attualmente sono 315). E verrà "eletto a suffragio universale e diretto su base regionale". Ai suoi lavori, prevede la proposta di legge del governo, potranno partecipare "senza diritto di voto, altri rappresentanti delle Regioni e delle autonomie locali".

Viene "soppressa" la circoscrizione Estero. "All'articolo 48 della Costituzione, il terzo comma è abrogato", si legge nel testo, con riferimento alla norma costituzionale che attualmente prevede l'esercizio del diritto di voto per l'elezione dei parlamentari, da parte dei cittadini residenti

all'estero. Inoltre l'indennità che i deputati e i senatori federali riceveranno sarà "corrispondente alla loro effettiva partecipazione ai lavori". La misura è contenuta nella bozza di ddl di riforma costituzionale che domani sarà esaminata in preconsiglio dei ministri e che in settimana potrebbe essere approvato in prima lettura dall'esecutivo.

Cancellati i 5 senatori a vita. Altra novità riguarda gli ex presidenti della Repubblica. "E' deputato di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica" si legge nella bozza. Il testo sostituisce integralmente l'articolo 59 della Costituzione e, vista la nascita del Senato federale, trasforma gli ex capi di Stato da senatori a 'deputati' a vita. Ma, eliminando il secondo comma dell'articolo 59, cancella anche la figura dei cinque senatori a vita che ad oggi il presidente della Repubblica può scegliere tra coloro che abbiano "illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario".

Iter più veloce.Il procedimento legislativo diventa più semplice e tempestivo: solo per poche materie (come ad esempio la revisione costituzionale) si procederà con il bicameralismo perfetto. Negli altri casi la competenza sarà o della sola Camera o del solo Senato, con la possibilità dell'altra camera di formulare un parere entro trenta giorni. Secondo il ddl, spetta ai regolamenti parlamentari definire più incisivi poteri del governo in parlamento e predisporre adeguate garanzie per le opposizioni parlamentari.

Cala l'età per essere eletti. Scende a 21 anni l'età per essere eletti sia alla Camera, sia al nuovo Senato federale. Mentre può essere eletto presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto quaranta anni d'età e goda dei diritti civili e politici.

Premier può sciogliere le Camere. Il Presidente della Repubblica può sciogliere la Camera dei deputati, sentiti il suo Presidente e i rappresentanti dei gruppi parlamentari, anche su richiesta del Primo Ministro". Viene modificata la parte dell'articolo 88 della Costituzione che attualmente recita: "Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse".

Presidente Camera supplente Quirinale. "Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente della Camera dei deputati". Dopo la nascita del Senato federale, la funzione di supplenza del capo dello Stato, oggi in capo al presidente del Senato, passerebbe dunque all'inquilino di Montecitorio. "In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica - si legge nella bozza di riforma - il Presidente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se la Camera è sciolta o manca meno di tre mesi alla sua cessazione".

La sfiducia costruttiva. Sarà la Camera dei deputati a dover votare la fiducia al governo. E potrà avvalersi anche di un meccanismo di "sfiducia costruttiva". "La riforma - si legge nella relazione illustrativa - mantiene il rapporto di fiducia esclusivamente fra il Governo e la Camera dei Deputati". Ma l'approvazione di una mozione di sfiducia nei confronti dell'esecutivo, "non comporta lo scioglimento necessario della Camera. Infatti, è possibile che il Presidente della Repubblica, sulla base dei risultati delle elezioni, nomini un nuovo Primo ministro oppure che la Camera dei Deputati stessa, nell'ambito della medesima maggioranza, individui un nuovo Primo Ministro".

I ministri di Monza 10.07.11

Il 23 luglio, alle ore 11:30, aprono i ministeri, il mio, quello di Bossi e quello di Tremonti, a Monza. Alla faccia di chi non li voleva, e non c'è Roma che tenga.

Secondo quanto dichiarato dal ministro Calderoli.
Monza. Prendete nota.

Nerone 24.03.10

Calderoli strikes back 1 12.12.04

Affermazione del ministro leghista Calderoli: "Sarà bene pensare di spostare le truppe dall'Iraq a Napoli, se le cose dovessero proseguire in questa maniera".

Calderoli strikes back 2 12.12.04

Calderoli: "La taglia è servita eccome!". Riferendosi alla cattura dei due ragazzi (17 e 18 anni), assassini del benzinaio di Lecco.