tizianocavigliablog
Extra omnes.

L'uomo che vive nella zona di evacuazione di Fukushima 06.10.13

Keigo Sakamoto

Il fotografo della Reuters Damir Sagolj racconta come nella zona di evacuazione di Fukushima tutto funzioni perfettamente sebbene nessuno ci viva. O quasi.

In Chernobyl's exclusion zone, a zombie-like creature bewildered by cheap vodka and loneliness might jump out from behind a bush. But here in Fukushima everything was in almost perfect order. In abandoned towns, traffic lights worked and a rare car would stop on red. Near the train station of a ghost town called Namie, sitting outside a shop whose window was stacked with undistributed copies of March 12, 2011 newspapers, a vending machine blinked. I dropped in a coin. The thing made the usual sound and gave me back a hot can of coffee! I tried to calculate how much energy the machine had consumed over these two and half years to heat my coffee in a ghost town with a population of zero.

Keigo Sakamoto ha infatti deciso di non abbandonare la sua casa e dal giorno dell'incidente si prende cura degli animali abbandonati.

Sakamoto said no to evacuation, stayed inside the zone and made animals his mission. He ventured into empty towns and villages and collected all the dogs and cats and rabbits and chocolate marmots abandoned by former owners when they left carrying sometimes as little as their wallets.

Now, Sakamoto lives with more than 500 animals in his mountain ranch near Naraha town in a scene reminiscent of experimental theater rather than modern Japan. It's a very noisy theater too, because many of his dogs have gone wild from the time they spent alone before Sakamoto rescued them. As if to confirm this observation, one dog bit me hard as I passed his little house.

"There are no neighbors," said Sakamoto. "I'm the only one here but I’m here to stay." Of his more than 20 dogs, only two are friendly to man. One is called Atom, a super-cute white mutt, named because it was born just before the disaster at Fukushima.

L'errore umano a Fukushima 05.07.12

La commissione d'indagine indipendente sull'incidente alla centrale di Fukushima è arrivata alla conclusione che la causa del disastro non è stata solo naturale.

The panel concluded, "The crisis management system of the prime minister's office and the regulatory authorities did not function."

The NAIIC also criticized TEPCO, operator of the Fukushima No. 1 plant, saying the utility has "organizational problems."

"It cannot be denied that TEPCO could have dealt with the accident more effectively if it had been prepared to issue concrete instructions to the workers," the report said.

The committee also rejected the assertion of Naoto Kan, who was prime minister when the accident started in March last year, and other politicians that TEPCO planned to withdraw "all of the workers" from the Fukushima plant.

TEPCO insisted that it wanted to withdraw "some of the workers."

The NAIIC's report said: "The prime minister's office misunderstood. We were not able to recognize the assertion that Kan prevented a 'total withdrawal'."

Ritorno a Fukushima 16.04.12

Bambine tornano all'asilo nella zona di evacuazione di Fukushima

Le autorità giapponesi hanno cominciato ad abolire i divieti di accesso alle città di Tamura, Minami Soma e Kawauchi, all'interno della zona di evacuazione di Fukushima.
Un ritorno alla normalità a un anno dallo tsunami.

Surfisti radioattivi 10.03.12

Il disastro nucleare del Giappone visto attraverso gli occhi dei surfisti locali.

Evacuare Tokyo 28.02.12

Nei momenti più bui dell'emergenza nucleare, in seguito allo tsunami che lo scorso marzo investì la centrale di Fukushima, il governo del Giappone valutò l'ipotesi estrema di evacuare la capitale nipponica.
E' quanto emerso dal rapporto indipendente della Rebuild Japan Initiative Foundation.

Il rapporto Fukushima 26.12.11

Il comitato di esperti indipendenti nominato dal governo giapponese per investigare sull'incidente alla centrale di Fukushima, in seguito allo tsunami di marzo, ha pubblicato la prima parte del suo rapporto in cui si evidenziano inadempienze dell'azienda elettrica Tepco e dell'agenzia giapponese per la sicurezza atomica nel predisporre adeguate misure di prevenzione in caso di eventi naturali eccezionali.

La centrale nucleare di Fukushima è in sicurezza 16.12.11

L'annuncio del governo giapponese sullo stato dei reattori danneggiati dallo tsunami di marzo.

Immagini da Fukushima 12.11.11

Giornalisti nella centrale nucleare di Fukushima

Per la prima volta giornalisti sono stati ammessi all'interno dell'impiante nucleare danneggiato dallo tsunami.

Sorgenti Fukushima 01.11.11

Yashiro Sonoda beve acqua decontaminata dell'impianto di Fukushima

Il portavoce del governo giapponese Yashiro Sonoda beve un bicchiere d'acqua presa da una collettore decontaminato dell'impianto di Fuskushima per rispondere alle domande dei giornalisti riguardo la sicurezza dell'area e della bonifica a sei mesi dallo tsunami.

L'uomo che vive nella zona di evacuazione a Fukushima 07.08.11

Shoji Kobayashi

Si chiama Shoji Kobayashi e non ha abbandonato la sua casa nonostante si trovi a 15 km dalla centrale di Fukushima, in piena zona di evacuazione in seguito allo tsunami di marzo.

Foto da Fukushima 29.07.11

Le immagini raccolte dal fotografo Dominc Nahr nell'area attorno alla centrale di Fukushima Daiichi, danneggiata dallo tsunami che ha colpito il Giappone a marzo.

Le foto dello tsunami che ha colpito la centrale di Fukushima Daiichi 20.05.11

Lo tsunami che ha danneggiato la centrale nucleare giapponese

Sono state rilasciate nuove foto dello tsunami che si è abbattuto sulla centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi.

Nove mesi per chiudere la questione a Fukushima 17.04.11

Tre mesi per fermare definitivamente ogni possibile fuga radioattiva e arresto a freddo entro sei, nove mesi.
Questo il piano della Tepco per risolvere in modo definitivo l'incidente nucleare di Fukushima in seguito allo spaventoso tsunami che ha devastato la costa nord orientale del Giappone.

Fukushima allo stesso livello, ma non alla stessa intensità di Chernobyl 12.04.11

Lontano dai comodi allarmismi per calcolo politico e dai titoli strillati sui quotidiani nazionali, la stessa Agenzia per la sicurezza nucleare giapponese spiega perché l'incidente provocato dallo tsunami a Fukushima non comporterà gli stessi rischi per la salute dell'evento sovietico, nonostante ne abbia elevato il livello dell'incidente allo stesso grado della scala INES. Il che per inciso ha fatto alzare più di un sopracciglio nella comunità scientifica proprio per l'evidente differenza tra i due casi.
E' stato aggiunto che la correzione di livello è da attribuirsi all'impatto iniziale che ha innalzato la radioattività dell'area a livelli critici e non alla situazione attuale. Il ritardo nell'annuncio è dovuto alla volontà di raccogliere, confrontare e esaminare quanti più dati possibili.

Tuttavia si continua a trattare di due episodi differenti per dinamiche e conseguenze.
A Fukushima infine le sostanze radioattive emesse sono state solo il 10% circa di quelle rilevate a Chernobyl.

Chernobyl exploded while the reactors were still active, which is completely different from the situation at Fukushima.

[...] The emission of radioactive substances from Fukushima Daiichi was about 10% of that detected at Chernobyl.

Entrare a Fukushima 10.04.11

L'incredibile video del giornalista giapponese Tetsuo Jimbo nel suo viaggio all'interno dell'area interdetta attorno ai reattori della centrale nucleare di Fukushima.

La situazione a Fukushima 21.03.11

Il New York Times pubblica la situazione aggiornata dei reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

La foto dei danni ai reattori di Fukushima Daiichi 16.03.11

I danni ai reattori 3 e 4 della centrale nucleare di Fukushima Daiichi

La crisi alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi in diretta.

400 millisievert 15.03.11

L'agenzia Kyodo annuncia la notizia di fughe radioattive dall'impianto di Fukushima Daiichi.

The government's Nuclear and Industrial Safety Agency said the explosion at the No 2 reactor may have damaged the "suppression chamber," a facility connected to the reactor's container which is designed to cool down radiation steam and lower the pressure in the reactor. It said a sharp decline in the pressure level of the chamber suggests damage.

Following the incident, the radiation level near the main gate of the Fukushima No. 1 plant exceeded the legal limit to reach 965.5 micro sievert per hour at 7:00 a.m. and jumped to 8,217 micro sievert at 8:31 a.m., the agency said. The latter amount is more than eight times the 1,000 micro sievert level to which people can safely be exposed in one year.

Lo stato dei quattro reattori.

Reactor 1: Earlier Hydrogen explosion has blown off the top of the reactor building.

Reactor 2: Containment vessel possibly damaged in explosion, coolant pumps damaged by earlier explosions and valves closed, fuel rods exposed and may be leaking radioactive water from suppression pool.

Reactor 3: Earlier Hydrogen explosion, cloud of steam still rising, top half of reactor's building blown off.

Reactor 4: Fire broke out late Monday, probably caused by nearby explosions, now put out, spent nuclear fuel may have been exposed, destroying the reactor's housing. The fire may be the cause of the high levels of radiation at the site.

L'atmosfera a Tokyo è pesante.
Il Nikkei sta evaporando. Le ambasciate invitano a lasciare il paese. Lunghe code in tutte le stazioni ferroviarie in cerca di treni che portino il più lontano possibile dalla città. Il megastore Don Chisciotte, a Rappongi, ha finito le scorte di radio, taniche di benzina, candele e sacchi a pelo.

La dichiarazione del primo ministro Naoto Kan.

Radiation has spread from these reactors and the reading of the level seems very high, and there is still a very high risk of further radiactive material coming out.
From the Fukushima 1 power plant a 20km radius has become an area for evacuation. Most of the people have evacuated from this area, We need now for everybody to move out from the 20km radius from the No1 plant, and in areas from 20-30km from the power plant, depending on what happens at the power plant, we would like to ask you to remain indoors, at home or in your offices. We would like to ask you to remain indoors and avoid going outside.

Credo sia importante sottolineare che a Fukushima Daiichi 50 persone stanno rischiando la vita per tenere sotto un qualche controllo la situazione.

[09:25] Il livello di radiazioni attorno alla centrale nucleare ha raggiunto i 400.000 microsieverts. Ad annunciarlo Yukio Edano.

[12:49] Il Guardian pubblica una tabella comparativa per comprendere il livello e la pericolosità delle radiazioni calcolato in sievert.
2 millisieverts/year: The level of natural background radiation we are all exposed to.
9 millisieverts/year: The typical dose received by an airline crew flying the New York to Tokyo polar route. Flying at altitude increases radiation exposure to cosmic rays.
100 millisieverts/year: The lowest level at which an increase in cancer is evident.
1.000 millisieverts accumulative: Estimated to cause a fatal cancer many years later in 5% of people.
1.000 millisieverts single dose: Temporary radiation sickness, including nausea, lower white blood cell count. Not fatal.
5.000 millisieverts single dose: Fatal within a month to half those who receive it.
10.000 millisieverts single dose: Fatal within weeks.

E' tutta una questione di acqua 15.03.11

Il professore David Hinde, a capo del dipartimento di fisica nucleare all'Australian National University, spiega l'importanza dell'acqua nel determinare la gravità della crisi nucleare ai reattori di Fukushima Daiichi.

We should always think about the worst case but if the water is simply boiling, and there is access to it, there is no danger to anybody – certainly outside the plant.

As long as the water level can be maintained, that shouldn't be a serious problem. The fact it is unit number 4, which was not operating at the time of the earthquake, means there should be no problems gaining access... I would worry more about the pool of reactor number 2.

If the water did boil away, there might be a problem.

The question is whether the zirconium alloy cladding could react with the steam and lose its containment ability. That, I'm not sure about.

I believe the upper part of the building is still largely intact, but a report suggested it may have been slightly damaged from the explosion in number 4. "The cladding should restrict the egress of radioactive material but if it's slightly compromised it will not be as effective as it would be ideally.

Qual è la situazione a Fukushima 15.03.11

L'agenzia Kyodo riepiloga la situazione dei dieci reattori nelle due centrali nucleari di Fukushima.

Fukushima Daiichi.

Reactor No. 1 - Cooling failure, partial melting of core, vapor vented, hydrogen explosion, seawater pumped in.

Reactor No. 2 - Cooling failure, seawater pumped in, fuel rods fully exposed temporarily, damage to containment system, potential meltdown feared.

Reactor No. 3 - Cooling failure, partial melting of core feared, vapor vented, seawater pumped in, hydrogen explosion, high-level radiation measured nearby.

Reactor No. 4 - Under maintenance when quake struck, fire caused possibly by hydrogen explosion at pool holding spent fuel rods, pool water levels feared receding.

Reactor No. 5 - Under maintenance when quake struck.

Reactor No. 6 - Under maintenance when quake struck.

Fukushima Daini.

Reactor No. 1 - Cooling failure, then cold shutdown.

Reactor No. 2 - Cooling failure, then cold shutdown.

Reactor No. 3 - Cold shutdown.

Reactor No. 4 - Cooling failure, then cold shutdown.

Perché Chernobyl e Fukushima sono eventi separati 15.03.11

L'esperto di programmi di sviluppo nucleare, Mark Hibbs, spiega al Deutsche Welle perché Fukushima non può trasformarsi in un'altra Chernobyl.

So now we have the reactor shutdown generating heat from the hot fuel but no cooling systems. So that is the same basic scenario that we had in Three Mile Island.

That is not the same, by any means, as the accident at Chernobyl in 1986, where because the reactor had a completely different design, the physics of the reactor produced a power excursion and that led to an explosion of the reactor under conditions in which the reactor had no containment to withstand the pressure from the blast.

And we know what happened: a hole was blown out from the side of the reactor, and a large amount of the radioactive inventory from the fuel was propelled outside of the reactor building. That cannot happen here. These reactors are water-moderated. They're not graphite-moderated. There won't be any power excursion of this kind. That's just physically not possible.

Cosa è successo nei reattori nucleari a Fukushima 14.03.11

Screenshot di The New York Times

Un video della CNN e l'infografica del New York Times spiegano cosa è andato storto nei reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

Una seconda esplosione alla centrale Fukushima Daiichi 14.03.11

Il reattore tre della centrale Fukushima Daiichi dopo l'esplosione

Una seconda esplosione, analoga a quella di sabato, ha polverizzato parte della copertura esterna del reattore numero 3 della centrale nucleare Fukushima Daiichi.

Almeno tre dipendenti sarebbero rimasti feriti dal crollo. L'agenzia di sicurezza nucleare ha tuttavia escluso danni al reattore.

[12:47] Il video dell'esplosione al reattore numero 3.



[12:58] La crisi seguita in diretta sul Guardian.
"The rods are usually submerged in several metres of water to stop them overheating. Water level gauges at reactors 1 and 3 also suggest that fuel rods are partially exposed, but engineers said pressure readings from the reactors conflict with this and that the water gauges may be faulty. Workers are trying to circulate seawater around all three reactors to keep them cool. Serious melting of fuel rods inside any of the reactors could block the circulation of water."

Il video dell'esplosione nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi 12.03.11

E' stata registrata un'esplosione nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi, colpita ieri dal terremoto. Le notizie sono ancora frammentarie e non si sa cosa esattamente sia andato storto, quello che emerge è che il contenimento esterno del reattore numero 1 sarebbe crollato.

[11:00] La conferenza stampa è in corso. Il tetto sarebbe crollato esponendo parte del nucleo. Il livello di radiazioni raggiunte al momento è particolarmente alto.
"The operator, Tokyo Electric Power Co., said the roof of the building has collapsed following an explosion that occurred 3:36 p.m. after a large tremor.
According to the Fukushima prefectural government, the hourly radiation from the Fukushima plant reached 1,015 micro sievert in its premises, an amount equivalent to that allowable for ordinary people in one year.
Four workers -- two from the company and two others from another firm -- were injured in the explosion, according to Tokyo Electric Power. The four were working to deal with problems caused by a powerful earthquake that hit northeastern Japan on Friday, it said."

[11:06] L'evacuazione attorno alle centrali di Fukushima Daiichi e Daini è stata estesa a 20km. Non è un buon segno.

[11:54] Secondo l'agenzia per la sicurezza nucleare giapponese, dopo aver controllato il livello di radiazioni, ha annunciato che il crollo del tetto non ha compromesso il reattore.

[14:00] Arrivano notizie confortanti dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Tecnici e Governo hanno confermato che non ci sono danni al reattore. L'esplosione è avvenuta nel tetto dell'edificio, ma ha compromesso solo la struttura esterna in calcestruzzo. Tutti i sistemi di contenimento sono operativi e non hanno subito danni in seguito al terremoto o all'esplosione di oggi. La radioattività nell'area non è giudicata al momento potenzialmente pericolosa per la salute umana.

[15:54] Il livello delle radiazioni sta scendendo. Delle 210.00 persone evacuate nell'area solo 3 sono risultate positive ai test sulla contaminazione. Queste tre persone sono state esposte direttamente alla nube di polveri sprigionata dal cedimento del tetto del reattore. Nessuna di loro è in pericolo di vita, tuttavia è stato predisposto di distribuire iodio agli sfollati per prevenire possibili problemi alla tiroide dovuti alle radiazioni.

[20:00] Il Governo conferma la riduzione di radiazioni al reattore 1, che lo ricordiamo ha retto a un terremoto di magnitudine 8,9 e alle successive scosse di assestamento, ad uno tsunami e all'implosione del tetto. Va dato atto di trasparenza, sicurezza e precisione dimostrati dai tecnici dell'impianto Fukushima Daiichi, dalla Tepco e dall'agenzia di sicurezza nucleare giapponese. L'incedente è stato classificato di livello 4 nella scala INES. Per paragone l'evento di Three Miles Island è stato classificato a livello 5, mentre Chernobyl è l'unico disastro che ha raggiunto il settimo grado della scala.
Il numero di persone contaminate potrebbe aggirarsi intorno alle 160, nessuna sarebbe al momento in pericolo di vita. La Reuters annuncia un guasto al sistema di raffreddamento di emergenza al reattore numero 3.

Ritorno a Fukushima 02.04.14

I coniugi Koyama tornano a casa dopo l'incidente di Fukushima

Circa 350 persone, evacuate dopo l'incidente alla centrale nucleare di Fukushima, hanno ricevuto il permesso di tornare a vivere nella città di Tamura, distretto di Miyakoji, all'interno della zona d'esclusione in seguito alla bonifica dell'area.

Per risolvere la crisi a Fukushima Daiichi potrebbero volerci settimane 17.03.11

A Nihonmatsu si controlla la raioattività

Idranti e elicotteri hanno lavorato senza sosta per abbassare la temperatura sui reattori dell'impianto. I getti d'acqua hanno raffreddato per ora solo la piscina del combustibile. La linea elettrica per riattivare il raffreddamento non è ancora in funzione. Una colonna di fumo bianco si è sprigionata dal reattore numero 2, segno dell'inizio del surriscaldamento delle barre di combustibile. Intanto si aggrava il bilancio dei morti dello tsunami superando quota 15.000.

Non da tregua la crisi alla centrale nucleare di Fukushima 16.03.11

Una donna si sottopone al controllo radiazioni

Incendio al reattore numero 4 della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. La vasca di stoccaggio non contiene più acqua e salgono i livelli di radiazione. La Tokyo Electric Power Company appronta una nuova linea elettrica per ridare corrente alla centrale e riattivare così il sistema di raffreddamento. Droni americani sorvolano l'area. Cannoni d'acqua hanno sostituito gli elicotteri delle Forze di Auto-difesa giapponese, impossibilitati a volare per il rischio radiazioni.
[17/03 02:22] Gli elicotteri hanno ricevuto il permesso di volare. E' incominciata la spola per portare acqua nel tentativo di raffreddarlo.

Fonte: Guardian

Sindrome giapponese 15.03.11

Soldati giapponesi indossano protezioni contro le radiazioni

Continua la crisi atomica all'impianto di Fukushima Daiichi. Tra nuove esplosioni e incendi domati cresce la paura nucleare. In mattinata le radiazioni intorno alla centrale avevano raggiunto i 400 millisievert per poi decrescere. Il Nikkei perde oltre il 10%, mentre in tutta la regione colpita dallo tsunami prosegue l'opera di salvataggio e recupero.

Fonte: Guardian

Il risveglio del Giappone nell'emergenza continua 14.03.11

Neonata giapponese partorita il giorno dello tsunami

Prosegue l'emergenza nucleare all'impianto di Fukushima Daiichi, dove oggi è crollato in seguito ad una esplosione il tetto del reattore numero 3, mentre nuove esplosioni si sarebbero verificate anche nel reattore 2. Il governo giapponese e l'AIEA minimizzano i rischi per la salute dei cittadini. Intanto il paese si concentrata sulle operazioni di salvataggio, appoggiate da centinaia di soccorritori provenienti da decine di nazioni, e pensa al futuro e alla ricostruzione. Le cifre ipotizzate per ridare un volto alle città distrutte si aggirano intorno ai 180 miliardi di dollari. Il 3% del PIL nazionale.

Fonte: Guardian

Allarme nucleare in Giappone 12.03.11

Il fumo di alza dopo l'esplosione nella centrale nucleare di

In seguito ad un'esplosione è crollato il tetto del reattore numero 1 nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi, colpita ieri dal terremoto. Il crollo ha esposto parte del reattore. Il livello di radiazioni è salito ed è stato deciso di estendere l'area di evacuazione a 20km intorno all'impianto e alla centrale gemella di Fukushima Daini.
[14:00] Arrivano notizie confortanti dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Tecnici e Governo hanno confermato che non ci sono danni al reattore. L'esplosione è avvenuta nel tetto dell'edificio, ma ha compromesso solo la struttura esterna in calcestruzzo. Tutti i sistemi di contenimento sono operativi e non hanno subito danni in seguito al terremoto o all'esplosione di oggi. La radioattività nell'area non è giudicata al momento potenzialmente pericolosa per la salute umana.

Fonte: TLUC Blog