tizianocavigliablog
Lasciate un messaggio dopo il glor.

Cordiali censure 01.03.10

Gad Lerner pubblica sul suo blog lo scambio epistolare avuto con Giovanni Stella, amministratore delegato di Telecom Italia Media, sulla puntata cancellata de L'Infedele.

Caro Gad,
come da accordi telefonici del 27 febbraio u.s., Ti rappresento che ragioni di opportunità –anche al fine di non turbare in alcun modo le delicate indagini giudiziarie in corso e le eventuali misure cautelari al vaglio delle competenti Autorità Giudiziarie in relazione alla vicenda della società Telecom Italia Sparkle S.p.A.- mi consigliano di soprassedere, per ora, alla decisione presa da Te congiuntamente con il Direttore, da me approvata, di dedicare la puntata dell'Infedele del 1° marzo 2010 al tema del "riciclaggio per il tramite di società telefoniche".
Cordiali saluti,
Giovanni Stella

Caro Gianni,
mantengo il dissenso che ti ho già manifestato. Ritengo che la trasmissione dell'Infedele da noi concordata secondo le procedure aziendali, e già pubblicizzata, non avrebbe turbato nè le indagini nè le decisioni che competono alla magistratura. Avrebbe informato e approfondito, come da otto anni usa L’Infedele anche su vicende riguardanti Telecom Italia e come spero torni a fare dopo lo spiacevole salto di una puntata. Ti ringrazio per la correttezza con cui riconosci la coerenza del mio operato al contratto e alla fiducia reciproca che ci legano.
Cordiali saluti,
Gad Lerner

Infedele censura 01.03.10

La7 ha cancellato la puntata di questa sera de "L'Infedele" sul riciclaggio.
La decisione, stupida e controproducente, odora di censura. La scusa della par condicio poi non fa che aumentare il tanfo.

L'Italia, unico paese nell'Unione Europea, ha un sistema televisivo incapace di esprimere libertà di informazione. Oggi è sempre più difficile fare giornalismo d'inchiesta e sul principale mezzo di informazione del paese è di fatto impossibile fare del giornalismo libero.

Ricordatevene la prossima volta che un'elezione passerà di qua.

Inguaribile ottimista 25.05.09

Gad Lerner su Berlusconi e il caso Noemi.

Non credo che Berlusconi riesca a durare al vertice di questo paese ancora per molto più di un anno. Ci saranno prese di distanza fra i suoi stessi alleati e anche fra gli zelanti servitori di oggi. L'uomo che ha affidato tutto sè stesso all'immagine, dall'immagine verrà ricondotto a figura patetica. Saranno le donne a sancirne la caduta nel disonore.