tizianocavigliablog
Il blog che non risponde ai sondaggi telefonici.

Un telescopio planetario per osservare il buco nero al centro della galassia 10.10.18

Realizzare un telescopio virtuale grande quanto la Terra per fotografare il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea.
È il progetto Event Horizon Telescope. L'idea è sfruttare le capacità di un supercomputer per analizzare i dati rilevati da osservatori sparsi sulla superficie terrestre e tutti indirizzati verso il centro galattico.

Avery Broderick, un astrofisico teorico che lavora con l'Event Horizon Telescope, ha affermato nel 2014 che la prima immagine di un buco nero potrebbe essere altrettanto importante di "Pale Blue Dot", la foto della Terra del 1990 che la sonda spaziale Voyager scattò dagli anelli di Saturno, in cui il nostro pianeta è un puntino insignificante in un vasto vuoto. Avery sostiene che la nuova immagine di una delle più pure incarnazioni della natura del caos e del disagio esistenziale avrebbe un messaggio diverso: direbbe, ci sono mostri là fuori.

Uno sguardo sino al centro della nostra galassia 09.09.18

Con i dati raccolti dai telescopi dello European Southern Observatory in 26 anni, è stato realizzato questo video che ci porta attraverso circa 7,6 kpc sino al centro della nostra galassia per osservare gli effetti gravitazionali che il buco nero supermassiccio della Via Lattea produce sulle stelle che gli orbitano intorno.

Una galassia di materia oscura 27.08.16

Si chiama Dragonfly 44 ed è la prima galassia scoperte composta al 99,9% di materia oscura.
Situata nell'Ammasso della Chioma, Dragonfly 44, è una galassia ultra diffusa che ha dimensioni paragonabili a quelle della Via Lattea, ma che emette solo l'1% della luce visibile rispetto alla nostra galassia.

La materia oscura è una prevista componente di materia che non è osservabile direttamente, in quanto non emette radiazione elettromagnetica e si manifesta unicamente attraverso effetti gravitazionali.
Secondo le osservazioni sperimentali si è arrivati a ipotizzare che la materia oscura costituisca quasi il 90% della massa presente nell'universo.

Come si formano le galassie 30.06.16

La guida minima sulla formazione delle galassie di MinutePhysics.

Abbiamo scoperto un'altra galassia satellite della Via Lattea 18.04.16

Si chiama Crater 2 e si trova a circa 380.000 anni luce dalla Terra in direzione della costellazione del Cratere e ha un diametro di 7.000 anni luce.
Questa piccola galassia fa parte delle galassie nane che orbitano intorno alla Via Lattea e va ad aggiungersi alle decine già conosciute del Gruppo Locale.

The galaxy eluded detection for so long because its stars are spread out from one another, giving it a ghostly appearance.

Torrealba says it may not be alone. The Crater 2 dwarf is near four other new-found objects: the Crater globular star cluster as well as three dwarf galaxies in Leo. All may be part of a group that is just now falling into the Milky Way.

Until now, though, the new galaxy has led a quiet life, never venturing near a giant galaxy. We know this because the galaxy is round. If it had encountered a giant, gravity would have bent the dwarf out of shape.

Elezioni indiane 2009 16.04.09

La mappa delle elezioni indiane - 714 milioni di indiani al voto

Le elezioni indiane sul Guardian.

La Via Lattea in una foto enorme 25.10.15

Foto della Via Lattea

Questa è la più grande immagine della nostra galassia mai ripresa. La foto composita, scattata grazie al lavoro dei ricercatori della Ruhr-Universität Bochum, contiene qualcosa come 46 miliardi di pixel e ha permesso agli astronomi di scoprire oltre 50.000 oggetti prima sconosciuti.

L'intera foto è navigabile sul sito del progetto.

Scorci liguri (-18) 07.12.08

Celle Ligure

Celle Ligure.

Calendario dell'Avvento 2008: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6

Via askino.

Gli uomini giusti nei posti giusti 10.10.08

Intervistato da La Repubblica il senatore Guido Paravia, co-autore del criticato emendamento salva-manager, ha dichiarato:

Ero del tutto inconsapevole dell'estensione di questi benefici. Io faccio l'industriale, non il giurista. E il collega Cicolani è ingegnere.

La foto di Hubble scattata alla galassia di Andromeda 08.01.15

La galassia di Andromeda

Questa è la più grande immagine composita scattata dal telescopio spaziale Hubble e mostra il panorama di una parte del disco che forma la galassia di Andromeda. L'immagine originale pesa ben 1,5 gigapixel.

Hubble è così potente che nonostante la distanza di Andromeda dalla Terra, oltre 2,5 milioni di anni luce, è in grado di mostrare singole stelle nella porzione del disco mostrata che si estende per 61,000 anni luce. A volerle contare le stelle visibili in questa foto sarebbero oltre 100 milioni.

Collisioni galattiche 01.06.12

Gli astronomi della NASA hanno calcolato - grazie ai dati ottenuti attraverso le osservazioni del telescopio spaziale Hubble - l'impatto tra la nostra Via Lattea e la galassia di Andromeda, destinate a fondersi entro 4 miliardi di anni.
Anche la piccola galassia Triangulum potrebbe seguire la stessa sorte, attratta e dalla nuova gigantesca galassia in formazione.

Secondo i ricercatori il nostro sistema solare dovrebbe essere interessato solo marginalmente dalla collisione, assumendo un'orbita diversa attorno al centro galattico.

100 miliardi di pianeti 12.01.12

Secondo uno studio statistico basato sulla rilevazione degli exopianeti scoperti, che verrà pubblicato oggi da Nature, la nostra galassia conterrebbe almeno 100 miliardi di pianeti e almeno un decimo di questi sarebbero di tipo terrestre.

I risultati dell'indagine mostrano che ogni stella della Via Lattea contiene in media almeno un pianeta.
E' statisticamente probabile dunque che ci siano almeno 1.500 pianeti nei sistemi stellari presenti entro un raggio di 50 anni luce dalla Terra.

Chromoscope 05.12.09

Il cielo come non l'avete mai visto. Chromoscope.

Il centro della Via Lattea fotografato dal telescopio spaziale Hubble 02.04.16

Il centro della Via Lattea fotografato dal telescopio spaziale Hubble

L'immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble mostra l'ammasso stellare che circonda il gargantuesco buco nero al centro della Via Lattea. L'ammasso stellare fotografato contiene oltre mezzo milione di stelle orbitanti, assieme al resto della galassia, attorno al buco nero supermassiccio che ha un massa di circa 4 milioni di volte quella del nostro Sole.

Fonte: NASA

La danza cosmica di quattro galassie fotografata da Hubble 20.06.15

Quattro galassie fotografate dal telescopio spaziale Hubble

La nuova immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble mostra quattro dei sette membri del gruppo galattico HCG 16, nel dettaglio le galassie NGC 839, NGC 838, NGC 835 e NGC 833. Questa nuova foto si basa sulle osservazioni compiute dal Wide Field Planetary Camera 2 di Hubble combinate con i dati raccolti dall'ESO Multi-Mode Instrument installato nel New Technology Telescope dell'European Southern Observatory in Cile.

Fusioni galattiche 19.02.15

Una nuova immagine catturata dal telescopio spaziale Hubble mostra la catastrofica deformazione dei bracci della galassia a spirale NGC 7714, a 100 milioni di anni luce dalla Terra, causata dalla vicinanza della più piccola NGC 7715 appena fuori dall'inquadratura. Nella foto una grande quantità di materiale galattico viene espulso creando un ponte tra le due galassie.

Fonte: Mashable