tizianocavigliablog
Il blog che non risponde ai sondaggi telefonici.

This is for my friend Ted Kennedy 24.12.09

Il Senato vota la sua riforma sanitaria.
Il testo dovrà ora essere armonizzato con quello uscito dalla Camera.

Siamo a metà dell'opera, ma è già un successo.

The Senate voted Thursday to reinvent the nation’s health care system, passing a bill to guarantee access to health insurance for tens of millions of Americans and to rein in health costs as proposed by President Obama.

The 60-to-39 party-line vote, on the 25th straight day of debate on the legislation, brings Democrats a step closer to a goal they have pursued for decades. It clears the way for negotiations with the House, which passed a broadly similar bill last month by a vote of 220 to 215.

Un diritto, non un privilegio 21.12.09

60 a 40 per la mozione procedurale. Ultimo voto nella serata della vigilia di Natale.

After a long day of acid, partisan debate, Senate Democrats held ranks early Monday in a dead-of-night procedural vote that proved they had locked in the decisive margin needed to pass a far-reaching overhaul of the nation's health care system.

Sessanta volte più vicini all'obiettivo 20.12.09

I Democratici hanno trovati i 60 voti necessari al Senato per procedere con l'iter della riforma sanitaria.

Thirty million people without health insurance stand to gain coverage under a deal announced on Saturday by Senate Democrats.

To get the 60 votes needed to pass their bill, Democrats scrapped the idea of a government-run public insurance plan, cherished by liberals, and replaced it with a proposal for nationwide health plans, which would be offered by private insurers under contract with the government.

Più Medicare per l'America 09.12.09

La riforma sanitaria americana va avanti.
Ieri notte è stato raggiunto un compromesso tra i senatori democratici, scompare la public option, ma viene estesa la Medicare. Inoltre viene proposta un'offerta di piani assicurativi non profit forniti dalla compagnie private sul modello delle assicurazioni dei dipendenti federali.
Tutto questo considerato che ora il testo andrà integrato con quello della Camera e poi votato.

Si segnala che sempre il Senato ha bocciato la proposta che puntava a vietare il rimborso delle spese di aborto nelle nuove regole assicurative previste dalla riforma. Una cavallo di Troia che tentava di usare la riforma sanitaria per impedire l'interruzione di gravidanza alle donne più povere. Due senatrici repubblicane del Maine, la Snowe e la Collins hanno votato con i democratici.