Grande Giove 13.04.17

Giove fotografato dal telescopio spaziale Hubble

Giove fotografato al perielio con la Terra dal telescopio spaziale Hubble. Una delle più belle immagini mai scattate al gigante del sistema Solare.

L'aurora polare di Giove 01.07.16

L'aurora polare di Giove

La gigantesca aurora polare di Giove, fotografata nello spettro dell'ultravioletto lontano dal telescopio spaziale Hubble.

Not only are the auroras huge in size, they are also hundreds of times more energetic than auroras on Earth. And, unlike those on Earth, they never cease. While on Earth the most intense auroras are caused by solar storms — when charged particles rain down on the upper atmosphere, excite gases and cause them to glow red, green and purple — Jupiter has an additional source for its auroras. The strong magnetic field of the gas giant grabs charged particles from its surroundings. This includes not only the charged particles within the solar wind but also the particles thrown into space by its orbiting moon Io, known for its numerous and large volcanoes.

Una galassia lontana lontana 04.03.16

L'ESA ha pubblicato l'immagine della più distante galassia mai osservata, fotografata dal telescopio spaziale Hubble.
GN-Z11 esisteva già dopo appena 400 milioni di anni dal Big Bang; una distanza pari a un redshift di 11,1. Il precedente record era detenuto dalla galassia EGSY8p7 con un redshift di 8,68.

Grazie anche alle osservazione del telescopio spaziale Spitzer sappiamo che GN-Z11 era una galassia 25 volte più piccola della Via Lattea in rapida crescita. Infatti nonostante le sue stelle fossero appena l'1% della massa della nostra galassia, il tasso della loro formazione era superiore di circa 20 volte rispetto a quanto avvenga ora nella Via Lattea.

25 anni di Hubble in immagini 24.04.15

Nebulosa ripresa dal telescopio Hubble

Collisione di galassie ripresa dal telescopio Hubble

Una delle prime foto riprese dal telescopio Hubble

Il New York Times celebra i 25 anni di Hubble con una spettacolare galleria fotografica di alcune delle più iconiche immagini scattate dal telescopio spaziale, collaborazione dalla NASA e dell'ESA.

Hubble raccontato 16.04.15

Nature ha chiesto a ingegneri e scienziati di ricordare la loro esperienza con il programma Hubble per celebrare il 25esimo anniversario del telescopio spaziale che ci ha permesso di guardare l'universo sotto una luce diversa.

La lente gravitazionale che sorride 10.02.15

Una lente gravitazionale che assomiglia a uno smile

Un caso di pareidolia spaziale che al contempo è anche una dimostrazione della teoria della relatività generale.

Si tratta dell'ammasso SDSS J1038+4849. L'immagine di questo smile cosmico, scattata dal telescopio spaziale Hubble, mostra un anello di Einstein che si verifica quando la sorgente, la lente gravitazionale e l'osservatore si trovano allineati.
La forza attrattiva prodotta da questo ammasso galattico è così massiva da essere in grado di piegare lo spazio-tempo, deformando con un effetto lente la luce che vi passa attraverso.
Questo ci regala una delle più suggestive lenti gravitazionali conosciute.

La foto di Hubble scattata alla galassia di Andromeda 08.01.15

La galassia di Andromeda

Questa è la più grande immagine composita scattata dal telescopio spaziale Hubble e mostra il panorama di una parte del disco che forma la galassia di Andromeda. L'immagine originale pesa ben 1,5 gigapixel.

Hubble è così potente che nonostante la distanza di Andromeda dalla Terra, oltre 2,5 milioni di anni luce, è in grado di mostrare singole stelle nella porzione del disco mostrata che si estende per 61,000 anni luce. A volerle contare le stelle visibili in questa foto sarebbero oltre 100 milioni.

I Pilastri della Creazione come non li avete mai visti 06.01.15

Due foto dei Pilastri della Creazione a confronto

È una delle immagini più iconiche mai scattate da Hubble.
Vent'anni fa il telescopio spaziale ci regalava la visione dei Pilastri della Creazione, colonne di gas interstellare e polveri visibili nella Nebulosa Aquila distante circa 7.000 anni luce dal sistema Solare.

In occasione di questo anniversario Hubble ha scattato nuove foto per una visione più nitida e più ampia dei Pilastri.
Le colonne ora appaiono in tutta la loro estensione, le stelle in formazione sono più nitide e nella banda a infrarossi, capace di penetrare la maggior parte dei gas e polveri fatta eccezione per le regioni più dense, si può cogliere la vastità della nostra galassia e dell'universo. Basti pensare che la foto inquadra un'area di appena 5 anni luce.

Il panorama più lontano nell'universo fotografato da Hubble 26.09.12

Lo Xtreme Deep Field realizzato da Hubble

Si chiama Xtreme Deep Field ed è il risultato di un collage di oltre 2.000 immagini riprese dal telescopio spaziale Hubble nel corso di 10 anni che mostrano 5.500 galassie.
Le galassie sono distanti da noi 13,2 miliardi di anni. Si tratta quindi dell'immagine più in profondità mai realizzata. Appena a 450 milioni di anni dall'origine dell'universo.

La quinta luna di Plutone 12.07.12

La luna P5 di Plutone

A distanza di un anno è stata scoperta una nuova luna di Plutone, che va ad aggiungersi alle 4 già conosciute.
P5 è stata individuata dal telescopio spaziale Hubble. Il cielo di Plutone (di recente declassato a pianeta nano) appare così molto affollato.

Il pianeta nano, al centro di un vero e proprio micro sistema, sarà raggiunto dalla sonda della NASA New Horizons nel 2015.

Un'altra luna per Plutone 21.07.11

Il sistema Plutone

Il telescopio spaziale Hubble ha scoperto un quinto oggetto nel sistema di Plutone-Caronte. La luna è stata identificata come P4 e va ad aggiungersi a Nix e Hydra.

Cantiere spaziale 14.05.09

Via MSNBC.

Fusioni galattiche 19.02.15

Una nuova immagine catturata dal telescopio spaziale Hubble mostra la catastrofica deformazione dei bracci della galassia a spirale NGC 7714, a 100 milioni di anni luce dalla Terra, causata dalla vicinanza della più piccola NGC 7715 appena fuori dall'inquadratura. Nella foto una grande quantità di materiale galattico viene espulso creando un ponte tra le due galassie.

Fonte: Mashable

La danza cosmica di quattro galassie fotografata da Hubble 20.06.15

Quattro galassie fotografate dal telescopio spaziale Hubble

La nuova immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble mostra quattro dei sette membri del gruppo galattico HCG 16, nel dettaglio le galassie NGC 839, NGC 838, NGC 835 e NGC 833. Questa nuova foto si basa sulle osservazioni compiute dal Wide Field Planetary Camera 2 di Hubble combinate con i dati raccolti dall'ESO Multi-Mode Instrument installato nel New Technology Telescope dell'European Southern Observatory in Cile.

La grandiosa morte di una stella 29.02.16

Descrizione della foto

Blue Bubble è la foto scattata dal telescopio spaziale Hubble alla bolla di idrogeno, elio e altri gas che si espande sospinta dal vento solare prodotta stella super massiccia WR31a che si prepara a esplodere in una supernova. WR31a si trova a 30.000 anni luce dalla Terra nella costellazione della Carena, ha una massa di almeno 20 volte quella del Sole ed è circa 5 volte più calda.

Fonte: NASA

Le stelle gargantuesche dell'ammasso R136 18.03.16

Il cluster R136

9 stelle gigantesche, con una massa di olte 100 volte maggiore rispetto al Sole, sono state identificate nell'ammasso R136 dal telescopio spaziale Hubble e costituiscono il più grande gruppo di stelle massicce mai osservate fino a oggi. R136 è un cluster appartenente alla Grande Nube di Magellano, nella costellazione del Dorado, e si trova a circa 170.000 anni luce dalla Terra. Insieme all'ammasso Hodge 301, R136 rende brillante la Nebulosa Tarantola che lo avvolge completamente.

Il centro della Via Lattea fotografato dal telescopio spaziale Hubble 02.04.16

Il centro della Via Lattea fotografato dal telescopio spaziale Hubble

L'immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble mostra l'ammasso stellare che circonda il gargantuesco buco nero al centro della Via Lattea. L'ammasso stellare fotografato contiene oltre mezzo milione di stelle orbitanti, assieme al resto della galassia, attorno al buco nero supermassiccio che ha un massa di circa 4 milioni di volte quella del nostro Sole.

Fonte: NASA

La Nebulosa Bolla fotografata da Hubble 21.04.16

Descrizione della foto

Lontana dalla Terra 8.000 anni luce e con un diametro di circa 10 anni luce, la Nebulosa Bolla fu scoperta nel 1787 dall'astronomo William Herschel nella costellazione Cassiopea. La nebulosa, generata dalla stella SAO 20575, è stata fotografata dal telescopio spaziale Hubble, che questa settimana festeggia i suoi 26 anni di attività.

La luna di Makemake 27.04.16

La luna di Makemake

Il telescopio spaziale Hubble ha scattato le prime foto di MK 2, la piccola luna di Makemake il terzo pianeta nano per dimensioni del sistema Solare. La luna ha un diametro di appena 160 km e appare completamente scura. L'orbita di Makemake, al contrario di quella di Plutone, è per intero situata esternamente rispetto all'orbita di Nettuno, pertanto è corretto definirlo un oggetto transnettuniano appartenente al gruppo dei cubewani. MK 2 è stata scoperta da Alex Parker del Southwest Research Institute di Boulder in Colorado.

Fonte: NASA
© 2017 Tiziano Caviglia. Anno XVII. Powered by Rhadamanth. Cookie policy. Abbracciamo HTML5 e il responsive webdesign.