tizianocavigliablog

Wow archivio

Il processo di realizzazione delle maschere del teatro No

Wow   08.06.23  

Il No è una forma d'arte teatrale giapponese che comprende la danza drammatica e che viene rappresentata sin dal XIV secolo. Ma non sono solo le esibizioni a essere degne di nota: anche la realizzazione delle maschere utilizzate dai personaggi è a sua volta una forma d'arte.
Process X mostra un esperto artigiano creare una maschera No partendo da un singolo blocco di cipresso, per poi dipingerla con pigmenti ottenuti dalla lavorazione delle conchiglie.

LEGGI ALTRO...

L'orologio LEGO che segna il tempo per un miliardo di anni

Wow   04.06.23  

Brick Technology ha costruito un orologio di mattoncini LEGO, alimentato a energia solare, capace di segnare il tempo per un miliardo di anni.
L'orologio ha quadranti per visualizzare secondi, minuti, ore, giorni, settimane, mesi, anni, decenni, secoli, millenni, mega anni (l'equivalente di un milione di anni) e anni galattici (il tempo necessario al Sole per orbitare intorno al centro galattico della Via Lattea, ovvero 230 milioni di anni terrestri).

Per gli appassionati, è doveroso ricordare anche il completo orologio analogico da parete in LEGO e l'orologio da (appena) 10.000 anni di Danny Hillis.

LEGGI ALTRO...

Il processo creativo alla base delle lingue artificiali

Wow   03.06.23  

PBS Storied esamina il complesso processo etimologico alla base delle lingue costruite, ovvero quei lessici deliberatamente creati e non frutto della naturale evoluzione linguistica.
Queste lingue artificiali sono presenti principalmente nella letteratura, nei film e nella televisione in opere di genere fantasy e fantascientifico, come l'Elfico, il Quenya e il Sindarin ne Il Signore degli Anelli, il Klingon, il Vulcaniano e il Ferengi nell'universo di Star Trek o le lingue valyriane del Trono di Spade, ma ci sono anche alcuni esempi nel mondo reale, tra cui forse il più noto è l'Esperanto.

LEGGI ALTRO...

David Bowie il collezionista d'arte

Wow   30.05.23  

La musica di David Bowie ha ispirato persone in tutto il mondo, ma cosa ha ispirato David Bowie?
Bowie era un appassionato collezionista d'arte e possedeva una vasta collezione di opere che spaziavano dal Rinascimento italiano all'arte contemporanea.
Sotheby's Institute of Art ci mostra cinque opere appartenute alla collezione d'arte di David Bowie e ci racconta come queste abbiano influenzato la sua produzione artistica.

LEGGI ALTRO...

Da dove vengono le creature leggendarie

Wow   29.05.23  

Anche le leggende più stravaganti sui criptidi possono essere ricondotte a esperienze reali che hanno fatto da base per una buona storia, in qualche luogo e in qualche momento. E come ogni buona storia tenderà a diventare sempre più grande e dettagliata a ogni nuova narrazione.
Abbiamo una certa familiarità con gli artisti medievali che cercavano di rappresentare animali esotici senza averli mai visti, basandosi solo su testimonianze di seconda mano. Questo stesso processo potrebbe essere alla base di molte creature leggendarie.
In fondo una serie di narratori poco affidabili può facilmente trasformare un fenomeno naturale in una fantastica fiaba.

Weird History analizza una serie di creature mitologiche, dai ciclopi ai vampiri e agli unicorni, collegandoli a spiegazioni plausibili, mostrando quanto si facile lascirsi trasportare dal mondo reale e quello immaginario e viceversa.
Ad esempio, la leggenda del cyclope potrebbe essere stata tratta da osservazioni di scheletri di elefanti o di altri animali giganteschi, che in epoca antica erano molto più rari e misteriosi di oggi. Invece, la figura del vampiro potrebbe essere stata ispirata da malattie come la tubercolosi, che causavano sintomi come pallore, magrezza e sensibilità alla luce. In entrambi i casi, la leggenda ha amplificato e trasformato l'esperienza reale in qualcosa di straordinario e fantastico.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che le leggende non sono solo il prodotto di malintesi o fraintendimenti. Spesso, nascono dalla necessità di dare un senso al mondo che ci circonda, di spiegare ciò che non riusciamo a comprendere razionalmente. In questo senso, le leggende possono essere considerate come una sorta di metafora della realtà, che ci permette di affrontare le sfide e le incertezze della vita in modo più profondo e significativo.
Per esempio, la figura dell'unicorno potrebbe essere stata creata per rappresentare la purezza e la bellezza dell'anima umana, o per simboleggiare la speranza e la ricerca della felicità. In questo caso, la leggenda non si limita a riferirsi a un evento reale, ma diventa un modo per esprimere un valore o un'idea più profonda.

LEGGI ALTRO...

La lunga e affascinante storia della pasta

Wow   25.05.23  

La storia della pasta attraversa i continenti e le culture. Dall'Italia, dove la sua produzione è considerata un'arte da secoli, al Medio Oriente e all'Asia.
Sono molte le varietà di pasta, dai sottili spaghetti ai grandi rigatoni, ma tutte queste forme non sono solo decorative, ma anche profondamente funzionale; gli chef infatti sostengono che queste caratteristiche e la loro consistenza influenzino l'esperienza gastronomica complessiva, come racconta Weird History Food.

La rivoluzione industriale ha contribuito alla diffusione della pasta, grazie alla produzione di massa sia della materia prima sia delle salse da abbinare, ma è stato soprattutto il fenomeno migratorio a portare la pasta in ogni parte del mondo. Fino a farlo diventare uno dei piatti più amati e a declinarlo a seconda della cultura e della tradizione culinaria locale.
La pasta rimane ancora oggi una fonte primaria per un'alimentazione sana ed equilibrata. Simbolo di convivialità e di condivisione; un piatto che unisce le persone intorno alla tavola e che rappresenta la bellezza della diversità culturale. Una storia di scambi e di contaminazioni, di conoscenze e di sperimentazioni, di creatività e di passione.
Buon appetito!

LEGGI ALTRO...

Decine di luoghi comuni sugli animali smentiti

Wow   30.04.23  

Justin Dodd di Mental Floss smentisce alcuni tra i più diffusi miti che riguardano 64 diverse specie animali.
Dalla pigrizia del bradipo, alla paura degli elefanti dei topi, dagli stomaci delle mucche all'appetito delle capre, dalla vista dei cani alle ghiandole sudoripare dei maiali.

LEGGI ALTRO...

70 mocktail per celebrare il lancio della sonda spaziale Juice dell'ESA

Wow   29.04.23  
Space Juice ESA
Space Juice ESA

L'Agenzia Spaziale Europea ha dato vita a un concorso culinario in occasione del lancio della sonda spaziale Juice, destinata a esplorare le lune del sistema gioviano Ganimede, Europa e Callisto, candidate ideali per la ricerca di vita extraterrestre. alla ricerca di forme di vita.
Il concorso Space Juice ha raccolto 70 ricette di cocktail analcolici, gli ormai famosi mocktail, ognuna delle quali può essere visualizzata con contenuti aggiuntivi, come video tutorial, schede di ricette supplementari e dietro le quinte della creazione di queste fantasiose bevande.

Come vincitore è stato scelto il mocktail chiamato Europa Geology, creato da Margherita Gagnoni. La bevanda ha una somiglianza con una sezione trasversale della luna Europa, con il nucleo roccioso e la crosta di ghiaccio. Inoltre, contiene un po' di vita sotto forma di spirulina blu. Tuttavia, per chi non ha a disposizione l'alga, si può utilizzare del colorante alimentare blu.

LEGGI ALTRO...

Breve storia del popcorn

Wow   24.04.23  

La storia del popcorn risale a molto tempo fa. Gli archeologi hanno trovato in Perù prove fossili di questo alimento risalenti al 4.700 a.C.
Sappiamo che il popcorn era un alimento importante per molte tribù delle Americhe, che lo usavano come offerta sacra durante le cerimonie religiose e anche come decorazione per i loro abiti e per le loro maschere.
Quando i colonizzatori europei arrivarono in America, scoprirono il popcorn e ne furono affascinati. Tuttavia fu solo sul finire del XIX secolo che diventò universalmente popolare.

Come racconta Andrew Smith su TED-Ed, uno dei primi fattori che contribuì alla diffusione del popcorn furono le fiere agricole, ma per la vera rivoluzione sarà necessario aspettare il 1885, quando Charles Cretors presenterà a Chicago la macchina per fare il popcorn, diffondendo questo snack come cibo da strada e successivamente come snack nei cinema.

LEGGI ALTRO...

La tradizione secolare della Processione del Venerdì Santo di Savona

Wow   07.04.23  

La Processione del Venerdì Santo di Savona è considerata uno dei momenti più importanti e sentiti della Settimana Santa nella città ligure. Questo evento biennale di devozione religiosa e manifestazione culturale si tiene tradizionalmente negli anni pari e viene talvolta annullato in caso di pioggia per preservare lo stato di conservazione delle preziose casse lignee. In via del tutto eccezionale quest'anno la processione si svolgerà ugualmente per recuperare un'attesa che durava da sette anni, prolungata non solo dal maltempo, ma anche dalla pandemia di COVID-19.

La storia della processione risale al Medioevo, infatti già a partire dal XV secolo le cronache riportano come le confraternite celebrassero ognuna una propria processione pasquale per le vie cittadine. Le prime casse lignee portate a spalla iniziano a comparire nel XVII secolo e continueranno ad aumentare sino al XX secolo.
Oggi queste opere d'arte, alcune delle quali raggiungono i 18 quintali, sono 15 e vengono custodite e preservate gelosamente dalle confraternite savonesi.
Le ultime aggiunte risalgono al 1926: L'Annunciazione opera del Maragliano nel patrimonio della confraternita del Cristo Risorto e il Bacio di Giuda, commissionata a Giuseppe Runggaldier nel patrimonio della confraternita dei Santi Agostino e Monica.
Nel 1978 venne ricreata da Renata Cuneo la cassa Ecce homo, per sostituire la più antica opera settecentesca del Torre perduta durante un bombardamento nella seconda guerra mondiale.

La Processione del Venerdì Santo di Savona si compone di 700 portatori e 56 comandanti per le 15 casse lignee, 30 cristanti per la Croce di Passione che apre la processione circondata da lampioni e torcioni, centinaia tra musicisti e coristi e viene chiusa dalla settecentesca Arca della Reliquia della Santa Croce, portata come la Croce di Passione dalla Confraternita cui spetta a turno l'onore di Priore Generale.
Le casse, il cui percorso viene scandito da rintocchi di martelletto che segnalano le tappe ai confratelli portatori, seguono quest'ordine: la Promessa del Redentore, L'Annunciazione, L'orazione nell'orto, Il bacio di Giuda, Gesù legato alla colonna, La Flagellazione, L'incoronazione di spine, l'Ecce Homo, Cristo cade sotto la croce, Cristo spirante, Cristo morto in croce, La deposizione dalla croce, La pietà, la Deposizione nel sepolcro, L'Addolorata.
Una curiosità. Nel 1830, in seguito all'invasione napoleonica, fu proibito l'uso del cappuccio sul capo. Da allora, e ancora oggi, i confratelli continuano a indossarlo piegato e appoggiato sulle spalle in segno degli originari significati di anonimato e umiltà.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...