tizianocavigliablog

Geek archivio

Cosa c'è scritto sulla stele di Rosetta

Geek   09.12.22  

Tutti conoscono la stele di Rosetta e la sua fondamentale importanza per comprendere la lingua egizia, ma non tutti sanno qual era la sua funzione originale.
Ilona Regulski, curatrice della cultura scritta egiziana al British Museum di Londra, descrive le tre incisioni in demotico, geroglifico e greco e analizza il testo di questo decreto emesso nel 196 a.C. in onore del faraone Tolomeo V Epifane in occasione del primo anniversario della sua incoronazione.

LEGGI ALTRO...

Un bestiario degli animali estinti

Geek   03.12.22  
A Bestiary of Loss
A Bestiary of Loss

Sebbene l'estinzione delle specie sia una parte naturale dell'evoluzione, governare questo processo e cercare di mitigarlo è una sfida che l'umanità sta affrontando.
Attualmente 3.797 specie animali vulnerabili sono in pericolo di estinzione, secondo l'elenco stilato dall'International Union for Conservation of Nature and Natural Resources.

Per focalizzare l'attenzione dell'opinione pubblica sul problema, la Public Domain Review ha realizzato un bestiario parziale di animali perduti: A Bestiary of Loss.

LEGGI ALTRO...

Visitare la Grande Piramide di Giza

Geek   30.11.22  
Necropoli di Giza
Necropoli di Giza

Inside the Great Pyramid regala un affascinante tour virtuale delle camere interne della Piramide di Cheope a Giza, tra cui la Camera del Re, la Camera della Regina e la camera inferiore che è posta nella roccia sotto la piramide stessa.

La tomba del faraone Cheope è la più antica delle sette meraviglie del mondo antico ed è stata l'edificio più alto del mondo per oltre 3.800 anni.
Il tour inizia con l'ingresso nella piramide attraverso un tunnel scavato nell'820 a.C dagli operai del califfo al-Ma Mun per esplorare l'interno del monumento, e presenta due opzioni di esplorazione.
La visita guidata utilizza immagini panoramiche a 360° per condurci all'interno della piramide e nelle tre camere. Questa visita include annotazioni che illustrano i passaggi e le stanze.
L'opzione esplorazione libera consente invece di adddentrarsi nella piramide e visitarla a piacimento.

LEGGI ALTRO...

Una mappa interattiva dell'universo

Geek   28.11.22  

Gli astronomi della Johns Hopkins University hanno realizzato una nuova mappa interativa dell'universo conosciuto, basata sui dati estratti nel corso di due decenni dallo Sloan Digital Sky Survey, che raffigura la posizione effettiva e a colori reali di 200.000 galassie, rappresentate come singoli pixel colorati.

La scala di questa mappa è davvero sconvolgente.
La parte superiore rivela il primo lampo di radiazioni emesse subito dopo il Big Bang, 13,7 miliardi di anni fa. Sul fondo il punto di osservazione. Un unico pixel che non rappresenta soltanto la Terra, ma l'intera nostra Via Lattea.

LEGGI ALTRO...

Il terremoto che ha cambiato la storia

Geek   21.11.22  

Il primo novembre del 1755 un devastante terremoto colpì Lisbona. Il sisma, stimato di una magnitudo compresa tra gli 8,5 e i 8,7 della scala Richter, provocò un successivo tsunami che inghiottì gran parte della città.
La centralità dell'impero portoghese fece sì che la notizia si diffuse rapidamente e in ogni angolo del mondo.
La catastrofe arrivò in un momento storico in cui il metodo scientifico era in ascesa e la lotta tra lo studio dei fenomeni naturali e l'attribuzione di tutti gli eventi alla volontà di Dio era in pieno vigore, tanto da stimolare il dibattito sull'illuminismo e colpire profondamente l'immaginario di Voltaire.

BBC Reel offre una rapida panoramica degli effetti politici, sociali e filosofici di questo terremoto, che portarono a rivoluzioni del pensiero e della scienza che si diffusero ben oltre i confini del Portogallo.

LEGGI ALTRO...

La nuova immagine dei Pilastri della Creazione ottenuta dal JWST

Geek   23.10.22  

Il James Webb Space Telescope ha catturato una foto da 122 megapixel della formazione stellare nota come i Pilastri della Creazione.
Fotografati per la prima volta nel 1995 dal telescopio spaziale Hubble, i Pilastri sono formati da colonne di gas interstellare e polveri ai margini della Nebulosa Aquila a circa 5.700 anni luce dalla Terra.
L'immagine ottenuta dal JWST aiuterà i ricercatori ad aggiornare i loro modelli sulla formazione stellare poiché ora saranno in grado di ottenere dettagli più precisi sulle protostelle, nonché rilevare con maggior efficacia i gas e la polvere interstellare della regione, come spiega l'ESA.

Le stelle in formazione lanciano periodicamente getti supersonici di plasma che si scontrano con nubi di polvere, come questi spessi pilastri. Questo a volte si traduce in formazioni di onde, simili a quelle prodotte da una barca mentre si muove attraverso l'acqua. Il bagliore cremisi proviene invece dalle molecole di idrogeno cariche risultanti da queste emissioni. Questa attività è evidente nel secondo e nel terzo pilastro come mostra l'immagine ottenuta dalla Near-Infrared Camera (NIRCam). Si stima che queste giovani stelle abbiano solo poche centinaia di migliaia di anni.

LEGGI ALTRO...

La ricerca per sequenziare il genoma di un uomo di Neanderthal

Geek   16.10.22  

Svante Pääbo, direttore del dipartimento di antropologia evolutiva all'Istituto Max Planck, è considerato il fondatore della paleogenetica. Insieme al suo team Pääbo ha sequenziato per la prima volta il genoma completo di un uomo di Neanderthal, rivelando che questi ominidi e l'Homo Sapiens si erano mescolati tra loro condividendo parte del patrimonio genetico.

In questa conversazione telefonica, registrata subito dopo aver appreso la notizia dell'assegnazione del Premio Nobel per la medicina, Pääbo riflette sul nostro rapporto con le specie estinte dei primi ominidi e su come la sua esplorazione della loro genetica potrebbe influenzare la visione di noi stessi e il nostro posto nella natura.

LEGGI ALTRO...

I colori più mortali della storia

Geek   15.10.22  

Quando è stato scoperto il radio, il suo colore verde brillante ha invogliato le persone a usarlo per tingere abiti e colorare prodotti e gioielli. Solo molto più tardi furono scoperti i suoi effetti nocivi. Sfortunatamente il radio non è stato l'unico elemento che veniva considerato innocuo, ma che poi si è rivelato mortale.
J.V. Maranto su TED-Ed fornisce un resoconto dettagliato dei colori più letali della storia.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...