tizianocavigliablog

Geek archivio

L'orologio con il metronomo

Geek   07.10.22  

Il Seiko MetronomeWatch ha una particolarità unica tra le complicazioni presenti sugli orologi a movimento meccanico, un metronomo programmabile perfettamente funzionante.
Il Seiko MetronomeWatch si presenta in 6 modelli standard e 4 variazioni casual, capace di ingolosire musicisti, amanti degli orologi e musicofili in pari misura.

LEGGI ALTRO...

Il meme dei NAFO fellas

Geek   17.09.22  
NAFO fellas
NAFO fellas

Con l'inizio dell'invasione russa in Ucraina, sui social network si è diffuso un meme che coinvolge uno shiba inu che riprende l'analogo cane Doge.
Questo meme è portato avanti dalla NAFO, acronimo di North Atlantic Fella Organization ed evidente riferimento ironico alla NATO, un collettivo che celebra i risultati militari ucraini, si fa beffe della propaganda e dei simpatizzanti russi, si concentra sull'infomation warfare e sulla raccolta fondi per la difesa ucraina.

Il Fella, come viene soprannominato lo shiba inu, è comparso sul Twitter per la prima volta a maggio sull'account Kama_Kamilia.
Il meme NAFO è stato descritto come una risposta della società civile occidentale alle campagne di propanda russe e anche più volte apprezzato e condiviso sia da militari di alto rango sia da personalità politiche e pubbliche dei paesi della NATO, della coalizione internazionale riunita a Ramstein e dell'Ucraina.

LEGGI ALTRO...

L'esplorazione di un antico delta fluviale marziano

Geek   17.09.22  

Il rover Perseverance della NASA sta esplorando l'area chiamata cratere Jezero su Marte, dove miliardi di anni fa scorreva un imponente fiume, un luogo ideale per ricostruire con precisione la geocronologia della regione e rivelare la presenza di molecole organiche per potenziali firme biologiche di antiche forme di vita.

Rachel Kronyak, un membro del team delle operazioni scientifiche di Perseverance, guida lo spettatore attraverso questo panorama marziano e le sue intriganti rocce sedimentarie. È la vista più dettagliata mai restituita dalla superficie marziana, composta da 2,5 miliardi di pixel e generata da 1.118 singole immagini Mastcam-Z. Quelle immagini sono state acquisite il 12, 13, 16, 17 e 20 giugno 2022 (il 466°, 467°, 470°, 471° e 474° giorno marziano, o sol, della missione di Perseverance).

LEGGI ALTRO...

La cerimonia dei Premi Ig Nobel 2022

Geek   16.09.22  

Il 32° appuntamento annuale con gli improbabili premi per le ricerche e i risultati scientifici che prima fanno sorridere e poi fanno riflettere.

Tra i vincitori di quest'anno le ricerche sulle correlazioni tra successo e fortuna, i crash test con manichini a forma di alce, onde e anatroccoli, clisteri rituali sulle ceramiche Maya, i benefici del gelato usato come crioterapia, studi sul controllo delle manopole e molti altri.

LEGGI ALTRO...

L'archivio di Steve Jobs

Geek   09.09.22  
Steve Jobs Archive
Steve Jobs Archive

Steve Jobs Archive, come annunciato da Laurene Powell Jobs, è un archivio di materiali storici relativi a Steve, alcuni dei quali inediti.

Nel rispetto del passato e dell'entusiasmo per il futuro, lo Steve Jobs Archive offre alle persone gli strumenti e le opportunità per dare il proprio contributo.

Stiamo costruendo programmi, borse di studio, raccolte e partnership che riflettono i valori di Steve e portano avanti il suo senso di possibilità.

LEGGI ALTRO...

Una rotazione completa di Giove

Geek   08.09.22  

Il planetologo James O'Donoghue ha montato un video che una rotazione completa di Giove, utilizzando le immagini scattate dal telescopio spaziale Hubble.
Il gigante gassoso compie una rotazione in 9 ore 55 minuti e 30 secondi. Questo fa di Giove il pianeta con la rotazione più veloce del sistema Solare.

LEGGI ALTRO...

La Nebulosa Tarantola fotografata dal telescopio spaziale James Webb

Geek   06.09.22  
La nebulosa Tarantola fotografata dal JWST
La nebulosa Tarantola fotografata dal JWST

Il telescopio spaziale James Webb ha catturato in questa immagine composita di 122,5 megapixel la regione dello spazio conosciuta come Nebulosa Tarantola.
La nebulosa si estende per 340 anni luce e include decine di migliaia di stelle in formazione mai viste prima d'ora. Situata nella galassia Grande Nube di Magellano è la più grande regione di formazione stellare conosciuta nel Gruppo Locale, l'insieme di galassie di cui fa parte anche la nostra Via Lattea.

Uno dei motivi per cui gli astronomi sono interessati alla Nebulosa Tarantola è che ha un tipo di composizione chimica simile alle gigantesche regioni di formazione stellare che esistevano quando l'universo aveva solo pochi miliardi di anni e la formazione di protostelle era più alta. Grazie al JWST, gli astronomi possono confrontare i dati ottenuti dalla Nebulosa Tarantola con altre osservazioni di galassie lontane attive durante quel periodo di formazione stellare.

LEGGI ALTRO...

La via per la colonizzazione dello spazio

Geek   03.09.22  

Robert Curbeam, intervistato da Big Think, esamina come la colonizzazione della Luna e di Marte, e nel futuro dello spazio, passi attraverso la capacità di rendere questi avamposti autosufficienti.
Avere l'intenzione di fondare colonie permanenti nel sistema Solare significa imparare a utilizzare al meglio le risorse che troveremo liberandoci il più possibile dal cordone ombelicale che ci lega alla Terra. Una transizione non soltanto tecnologica.

LEGGI ALTRO...

L'arte realizzata dall'intelligenza artificiale

Geek   02.09.22  

Negli ultimi anni i ricercatori di OpenAI, Google, Facebook e altri hanno sviluppato strumenti di conversione da testo a immagini. Questi software sfruttano le capacità di deep learning delle IA per generare immagini originali da semplici suggerimenti testuali, simulando efficacemente l'immaginazione umana.
Ciò rappresenta un enorme cambiamento culturale capace di eliminare il requisito del lavoro tecnico dal processo di creazione dell'immagine. Sebbene le implicazioni finali siano ancora difficili da prevedere nel loro complesso, questi algoritmi annunciano una nuova forma di espressione che darà inizio a nuovi impulsi nella creazione di immagini creative prodotte da artisti, designer e illustratori umani.

Vox ripercorre la genesi di questa tecnologia e analizza alcune delle sue conseguenze.

LEGGI ALTRO...

Il satellite che ha cambiato il nostro modo di comunicare

Geek   27.08.22  

Con i suoi 77 chilogrammi e gli 88 centimetri di diametro, Telstar 1 fu lanciato il 10 luglio 1962 dalla Air Force Station di Cape Canaveral, a bordo di un razzo Thor-Delta.
Tredici giorni dopo ebbe luogo la prima trasmissione in diretta di un programma televisivo tra gli Stati Uniti e l'Europa e sebbene il suo trasmettitore inviasse segnali così deboli da dover essere ingranditi 10 miliardi di volte dalle stazioni di terra attraverso antenne paraboliche di 30 metri di diametro prima di essere trasmessi, segnò l'inizio di una nuova era della comunicazione. Questa è la sua storia raccontata da Curious Droid.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...