tizianocavigliablog

Geek archivio

Antares è ancora più grande di quanto si ipotizzava

Geek   20.06.20  
Dimensioni della stella Antares
Dimensioni della stella Antares

Antares, al centro della costellazione dello Scorpione con il suo caratteristico colore rosso-arancio che la fa risaltare fra le stelle luminose che la circondano quasi tutte di colore azzurro, è una delle stelle più brillanti dell'intera volta celeste.
Questa supergigante rossa, situata a circa 600 anni luce dal sistema solare, si pensava avesse una dimensione circa 700 volte superiore al nostro Sole, tuttavia di recente gli astronomi hanno scoperto che Antares è ancora più immensa.

Grazie ai dati raccolti dall'Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA) e dal National Science Foundation's Karl G. Jansky Very Large Array (VLA) i ricercatori hanno potuto creare la mappa radio più dettagliata di sempre della sua atmosfera stellare.
La cromosfera di Antares si estende per 2,5 volte il raggio della stella. Per il nostro Sole il rapporto è dello 0,5%.

"La dimensione di una stella può variare notevolmente a seconda della lunghezza d'onda della luce con cui viene osservata", ha dichiarato Eamon O'Gorman, ricercatore presso il Dublin Institute for Advanced Studies in Irlanda e autore principale di questo studio. "Le lunghezze d'onda più lunghe del VLA hanno rivelato l'atmosfera stellare della supergigante fino a quasi 12 volte il raggio della stella."

LEGGI ALTRO...

L'invenzione di quel primo codice a barre rotondo

Geek   12.06.20  
Brevetto del primo codice a barre
Brevetto del primo codice a barre

Il 26 giugno 1974 in un supermarket della catena Marsh a Troy, in Ohio, venne venduto il primo prodotto al mondo utilizzando un lettore di codici a barre Universal Product Code. Quel pacchetto di gomme fece la storia e oggi si trova conservato allo Smithsonian's National Museum of American History, tuttavia l'idea di un codice a barre risale a molto tempo prima.

L'Atlantic ripercorre la storia di un'invenzione che ha rivoluzionato il metodo di identificazione e classificazione dei prodotti, partendo dal prototipo dei codici a barre sviluppato e brevettato da Norman Joseph Woodland e Bernard Silver, nel 1951, con il suo caratteristico aspetto rotondo.
Il codice a barre si basava sul codice Morse che veniva esteso a barre sottili e spesse. Tuttavia ci vollero più di venti anni prima che questa invenzione ottenesse un successo commerciale, venendo utilizzati per automatizzare i sistemi di pagamento dei supermercati con un design a barre verticali sviluppato da George Laurer nel 1973.

LEGGI ALTRO...

Il ruolo della Galassia del Sagittario nel processo di evoluzione della Via Lattea

Geek   10.06.20  

I ricercatori dell'Istituto di Astrofisica delle Canarie hanno presentato uno studio, pubblicato su Nature Astronomy che svela il ruolo cruciale avuto dalla Galassia Nana Ellittica del Sagittario nel processo di accrescimento ed evoluzione della Via Lattea nel corso degli ultimi 7 miliardi di anni.
La ricerca, basata sui dati raccolti dalla sonda Gaia dell'ESA, che sta compilando un catalogo astrometrico di circa un miliardo di stelle fino alla magnitudine 20, indica come gli eventi di formazione stellare associati alle numeose interazioni tra la galassia del Sagittario e la nostra galassia potrebbero aver dato origine anche al Sole e al nostro sistema planetario.

La Galassia Nana Ellittica del Sagittario è una galassia satellite della nostra Via Lattea all'interno del Gruppo Locale, il gruppo di circa 70 galassie legate insieme gravitazionalmente i cui componenti maggiori sono la Via Lattea, la Galassia di Andromeda e la Galassia del Triangolo. La Galassia del Sagittario ha un diametro di circa 10.000 anni luce e si trova a 70.000 anni luce di distanza dalla Terra, in un'orbita polare rispetto alla Via Lattea.

LEGGI ALTRO...

Come può nascere un pianeta

Geek   29.05.20  
AB Aurigae fotografato dal VLT dell'ESO
AB Aurigae fotografato dal VLT dell'ESO

Questa fotografia potrebbe essere una delle prime prove dirette della nascita di un pianeta.
L'immagine ottenuta dal Very Large Telescope dell'ESO raffigura il sistema stellare in formazione AB Aurigae, che si trova a circa 520 anni luce di distanza dalla Terra.

I dati ottenuti confermano la presenza del disco protoplanetario, la struttura discoidale di gas e polveri in orbita attorno a una protostella che rappresenta uno degli indizi per la possibile formazione di un nuovo pianeta.

LEGGI ALTRO...

La mappa geologica della Luna

Geek   25.05.20  
Mappa geologica della Luna a cura dell'USGS Astrogeology Science Center
Mappa geologica della Luna a cura dell'USGS Astrogeology Science Center

L'USGS Astrogeology Science Center ha pubblicato la più accurata mappa geologica del nostro satellite naturale.
I dati sono stati raccolti a partire dalle sei mappe utilizzate durante il programma Apollo e aggiornati con le più recenti osservazioni satellitari per disegnare questa carta in scala 1: 5.000.000.

I colori dividono la mappa in unità stratigrafiche, così da rappresentare l'intera scala dei tempi geologici lunari, quindi ogni colore rappresenta il tipo di roccia e la sua epoca. Ad esempio, il giallo sulla mappa rappresenta il periodo copernicano.

LEGGI ALTRO...

Atraccare alla Stazione Spaziale Internazionale col simulatore della Crew Dragon di SpaceX

Geek   15.05.20  
Il simulatore della Crew Dragon di SpaceX
Il simulatore della Crew Dragon di SpaceX

Il 27 maggio la Crew Dragon di SpaceX decollerà alla volta della ISS con a bordo gli astronauti della NASA Bob Behnken e Doug Hurley, inaugurando l'era del trasporto spaziale privato.

La Crew Dragon è stata progettata per attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale in modalità automatica, tuttavia a bordo sono presenti comandi manuali in caso di necessità.
Il simulatore di SpaceX propone proprio questa situazione, mettendo alla prova gli aspiranti astronauti con un attracco manuale alla ISS attraverso la riproduzione dell'interfaccia della navicella.

Mi raccomando, leggeri coi comandi e delicati nei movimenti.

LEGGI ALTRO...

Il buco nero più vicino alla Terra

Geek   13.05.20  

Gli astronomi dell'European Southern Observatory (ESO) hanno rilevato quello che probabilmente è il buco nero più vicino al nostro sistema Solare.
Il piccolo buco nero si trova a circa 1.000 anni luce dalla Terra nel sistema stellare triplo HR 6819.

Questo sistema stellare aveva attirato per anni l'attenzione dei ricercatori per via dello strano comportamento orbitale delle due stelle e della loro differente velocità nello spazio. Ora il mistero è stato spiegato aggiungendo all'equazione la massa gravitazionale del buco nero, come si può vedere nella simulazione che rappresenta il moto dei tre corpi celesti.

LEGGI ALTRO...

Costruire un drone coi mattoncini LEGO

Geek   08.05.20  

Realizzare un drone passo passo, di errore in errore sino al volo finale.
Brick Experiment Channel mostra la costruzione di un drone di mattoncini LEGO perfettamente funzionante e riproducibile, con una spesa che non supera i 450 euro. Geniale.

LEGGI ALTRO...

La escape room online a tema Harry Potter

Geek   04.05.20  

Sydney Krawiec, bibliotecario dei servizi per i giovani presso la biblioteca pubblica di Peters Township a McMurray in Pennsylvania, ha creato una escape room testuale, realizzata su Documenti Google.
Il giocatore di Hogwarts Digital Escape Room analizzando indizi e rispondendo a domande dovrà cercare di fuggire dalla stanza che si trova all'interno del castello che ospita la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, frequentata da Harry Potter.

È possibile completare questa escape room in gruppo o da soli. Puoi competere contro amici e giocarci più volte. Assicurati solo di divertirti! Se accedi tramite un'app di social media, ti consiglio di aprire questa escape room in un browser separato in modo da non perdere i progressi avanzando attraverso il gioco.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...