tizianocavigliablog

Geek archivio

Cosa differenzia le creature marine antartiche da quelle artiche

Geek   17.12.23  

La corrente circolare antartica, conosciuta come Corrente circumpolare Antartica, ha un impatto significativo sulla vita marina dell'Antartide ed è responsabile delle differenze biologiche tra le creature subacquee antartiche e quelle delle regioni settentrionali. Questa corrente oceanica è la più grande e veloce del pianeta, oltre ad essere la più profonda. Si estende come una gigantesca spirale d'acqua che va dalla superficie al fondo marino, agendo come una barriera capace di impedire alla maggior parte delle creature dell'Oceano Antartico di incrociarsi con quelle degli altri oceani negli ultimi 30 milioni di anni.

MinuteEarth analizza come la presenza della corrente e le sue caratteristiche benefiche abbiano contribuito alla salute della vita marina locale. La corrente, mentre si muove in spirale, porta in superficie nutrienti provenienti dalle profondità dell'oceano. Ciò significa che l'Oceano Antartico è ricco di cibo per tutte le sue curiose forme di vita. Inoltre, l'acqua dell'Oceano Antartico è molto salata, il che le permette di raggiungere temperature estremamente fredde senza congelare completamente.
Questa acqua fredda trattiene una grande quantità di ossigeno disciolto, il che potrebbe favorire la crescita di animali più grandi e rallentare il processo di invecchiamento rispetto ad altre regioni marine.

LEGGI ALTRO...

Un anno di esplorazione spaziale con l'ESA

Geek   14.12.23  
ESA Highlights 2023
ESA Highlights 2023

Il report annuale dell'ESA sullo stato dell'agenzia, sull'esplorazione spaziale, sulla ricerca e sullo sviluppo tecnologico.

Nel 2023 l'ESA ha conosciuto un anno di trasformazione con l'inaugurazione della sua rinnovata sede di Parigi. Al di là dei miglioramenti estetici, questa pietra miliare simboleggia l'evoluzione dell'ESA verso una maggiore agilità e prontezza per la nuova era spaziale. Eventi degni di nota includono i lanci di Juice ed Euclid, insieme all'arrivo di Andreas Mogensen sulla Stazione Spaziale Internazionale. L'anno è servito anche a ricordarci la fragilità del nostro pianeta, catturata dai satelliti di osservazione. L'ESA Highlights 2023 non solo racconta le tappe fondamentali, ma mette anche in luce il lavoro pionieristico, compresi gli sforzi nell'uso sostenibile dello spazio e i progressi nelle tecnologie quantistiche.

LEGGI ALTRO...

Un'avventura tra i lupi dell'Artico

Geek   04.12.23  

Una troupe della serie televisiva della BBC si è recata sull'isola di Ellesmere, la parte più settentrionale del Canada, per trovare i lupi dell'Artico e filmare la loro vita quotidiana per un documentario della serie Planet Earth III. L'isola è grande quasi quanto la Gran Bretagna, quindi trovare i lupi non è stato facile. Tuttavia sono stati i lupi, desiderosi di fare amicizia e rubare le provviste della troupe, ad avvicinarsi.

L'Artico è un luogo magico e maestoso, ma è anche un ambiente estremamente ostile. Le temperature possono scendere a -50 gradi e la neve e il ghiaccio coprono il terreno per gran parte dell'anno. In queste condizioni estreme, la vita è una lotta costante per la sopravvivenza.
I lupi dell'Artico sono perfettamente adattati a questo ambiente impegnativo. Hanno un folto pelo che li protegge dal freddo, zampe grandi che li aiutano a camminare sulla neve e il ghiaccio, e denti affilati che li aiutano a cacciare prede come caribù, buoi muschiati e foche.
La troupe della BBC ha trascorso mesi sull'isola di Ellesmere seguendo un branco di lupi e documentando la loro vita quotidiana. Hanno visto i lupi cacciare, giocare e allevare i loro piccoli. Hanno anche assistito alla dura realtà della vita nell'Artico, quando i lupi non riescono a trovare cibo e alcuni dei loro piccoli muoiono di fame.

LEGGI ALTRO...

La difficile discesa alpina di una rana per riprodursi

Geek   03.12.23  

Nelle Alpi, un maschio di rana comune esce dall'ibernazione, single e pronto a socializzare. Ma tutti sappiamo che il corso dell'amore non è mai tranquillo e questo è particolarmente vero quando devi combattere contro predatori, pendii ghiacciati e molta concorrenza.
In questo divertente filmato tratto dalla serie Planet Earth III, della BBC, David Attenborough racconta la precipitosa discesa di questa rana insieme ad altri maschi verso la pozza di riproduzione, dove le femmine della specie lo attendono dopo l'ibernazione invernale. Sfortunatamente, il nostro eroe incappa in qualche imprevisto ghiacciato e devia molto dalla sua traiettoria. Arriva in ritardo e sta per rinunciare quando vede un'ultima femmina ritardataria. È amore a prima vista.

LEGGI ALTRO...

Riciclare l'acqua per superare la crisi idrica

Geek   23.11.23  

La gestione delle risorse idriche rappresenta una sfida cruciale per molte regioni del mondo, specialmente per quelle che soffrono di carenze idriche e problemi di accesso all'acqua potabile. Tuttavia, grazie a recenti progressi nella tecnologia, il riciclaggio delle acque reflue sta emergendo come una soluzione promettente per affrontare questa problematica.

Francis de los Reyes, su TED-Ed analizza un esempio di successo in questo campo, Singapore. La città stato che ha adottato un processo innovativo per affrontare la scarsità di acqua potabile.
Nel 2003, l'ente nazionale per le acque di Singapore ha lanciato un programma senza precedenti per riciclare le acque reflue e fornire più del 50% dell'approvvigionamento idrico nazionale. Questo programma, pianificato per decenni, ha garantito che l'isola non si trovasse mai senza acqua potabile.

Il processo adottato da Singapore, chiamato riuso diretto, ha suscitato l'interesse di ricercatori di tutto il mondo che cercano modi innovativi per fornire acqua potabile a regioni che ne hanno maggiormente bisogno.
Uno dei processi di questo metodo prevede l'utilizzo di microfiltrazione. Membrane con pori un milionesimo di metro filtrano piccole particelle e microorganismi più grandi. Successivamente, l'acqua passa attraverso una membrana a osmosi inversa ancora più sottile. In questa fase, lampade a raggi ultravioletti vengono immerse nell'acqua, emettendo radiazioni che danneggiano in modo permanente il materiale genetico di eventuali organismi residui. Questo processo assicura che l'acqua trattata sia sicura da bere e adatta al consumo umano.
Tuttavia, i ricercatori stanno anche esaminando tecnologie su scala più piccola per riciclare le acque reflue direttamente sul luogo di utilizzo. Questo approccio consentirebbe di ridurre la dipendenza da sistemi centralizzati di trattamento delle acque reflue e potrebbe essere particolarmente vantaggioso per comunità che affrontano gravi problemi di igiene e depurazione dell'acqua.

La maggior parte dei sistemi attuali adotta invece il riuso indiretto, che richiede un collegamento a un sistema fognario. In questo caso, le acque reflue trattate vengono scaricate in un serbatoio ambientale come un lago, una palude o una falda acquifera. Successivamente, l'acqua può essere estratta e immessa nella rete di approvvigionamento dell'acqua potabile. Tuttavia, questo sistema è fattibile solo in luoghi dotati di infrastrutture di fognatura centralizzate e di sistemi di pompaggio per portare l'acqua nelle abitazioni delle persone. Di conseguenza, non può aiutare le comunità che affrontano i problemi di igiene più gravi, dove l'accesso all'acqua pulita è una lotta quotidiana.

Affrontare la sfida dell'approvvigionamento idrico richiede un approccio che combini entrambe le strategie di riuso diretto e indiretto. Il riciclaggio delle acque reflue può svolgere un ruolo fondamentale nel garantire una fornitura sostenibile di acqua potabile, riducendo la dipendenza da fonti di acqua tradizionali e proteggendo l'ambiente. Tuttavia, è cruciale adottare metodi specifici in base alle esigenze e alle risorse disponibili in ciascuna regione.

LEGGI ALTRO...

La fine dell'universo

Geek   22.11.23  

Kurzgesagt analizza una delle teorie sul destino ultimo dell'universo, il Big Freeze.
Attualmente l'universo brulica di vita e di energia. Tuttavia, come ogni ciclo naturale, anche questo avrà la sua fine tra molti miliardi di anni. Arriverà un momento in cui la notte calerà definitivamente. Tutto ciò che un tempo era vibrante e pieno di vita si addormenterà pacificamente per sempre.
Ma cosa accadrà veramente nell'ultimo istante dell'universo? È una domanda affascinante e misteriosa. La morte entropica prevede un momento in cui l'energia si disperderà completamente, le stelle si spegneranno e i buchi neri evaporeranno lentamente nel nulla.

In questo scenario lontano nel tempo, l'universo sarà un luogo freddo e desolato. Tutte le fonti di calore e luce si esauriranno, lasciando solo il silenzio e l'oscurità. Gli atomi stessi si disintegreranno, poiché l'energia che li tiene insieme verrà dispersa. Non ci saranno più interazioni fisiche, né movimenti o cambiamenti. L'universo diventerà un vuoto statico, privo di vita e di ogni forma di esistenza.
Mentre immaginiamo questo momento finale, dobbiamo riflettere sul fatto che il concetto stesso di tempo perderebbe significato. In una realtà così estremamente alterata le leggi della fisica che conosciamo oggi potrebbero non essere più valide e questo crea l'incertezza sull'ultimo istante del nostro universo in bilico tra una fine eterna o un modello oscillante, in cui l'universo nasce e finisce per poi rinascere ancora in un ciclo infinito.

LEGGI ALTRO...

Il viaggio verso la Luna di Artemis I

Geek   18.11.23  

Il 16 novembre 2022 la nave spaziale Orion della NASA è stata lanciata con razzo SLS dallo storico Launch Pad 39B presso il Kennedy Space Center.
Nel corso di 25 giorni e mezzo, Orion ha effettuato due sorvoli lunari, arrivando a soli 129 chilometri dalla superficie del nostro satellite naturale, e nel suo percorso ha raggiunto una distanza massima dalla Terra di 435.000 chilometri. L'11 dicembre ha completato con successo l'ammaraggio assistito da paracadute nell'oceano Pacifico.

A un anno di distanza, la NASA ripercorre i traguardi della missione Artemis I, che ha stabilito nuovi record di prestazioni, superato le aspettative di efficienza e posto nuovi standard di sicurezza per i viaggi di esseri umani nello spazio profondo.
Preludio al ritorno dell'umanità sulla Luna, questa volta per lasciare una presenza permanente, e all'esplorazione di Marte e di altre destinazioni nel sistema solare.

LEGGI ALTRO...

La trasformazione della materia sottoposta a immense pressioni

Geek   18.11.23  

All'interno dei pianeti e delle stelle, la forza di gravità comprime e supera le forze elettromagnetiche e nucleari che mantengono separati gli atomi. Quando ciò accade avviene qualcosa di inaspettato.

Utilizzando una varietà di strumenti, tra cui alcuni laser enormi per simulare i nuclei planetari, gli scienziati osservano e studiano il comportamento della materia sottoposta aenormi pressioni. E i risultati sono eccezionali, come illustra Vox.
L'acqua assume la forma di un cristallo nero che conduce elettricità.
L'idrogeno sottoposto a tali pressioni si trasforma dallo stato gassoso in un metallo lucido.
Il sodio, che sulla superficie terrestre si presenta come un metallo soffice e dal colore argenteo, diventa trasparente.

LEGGI ALTRO...

L'evoluzione della Terra in 4 miliardi e mezzo di anni

Geek   13.11.23  

Kurzgesagt ha ripercorso gli ultimi 4 miliardi e mezzo di anni di evoluzione del nostro pianeta.
Ogni secondo nel video rappresenta un milione di anni e in un'ora l'animazione abbraccia ciascuno dei quattro eoni geologici della Terra, Hadeano, Archeano, Proterozoico e Fanerozoico.

L'inizio della storia della Terra è segnato dall'eone Hadeano, che rappresenta un periodo estremamente violento e caotico, in cui il nostro pianeta era ancora in formazione. Successivamente, l'eone Archeano ci mostra il fiorire delle prime forme di vita, organismi unicellulari che hanno iniziato a popolare l'oceano primordiale. È un'immagine affascinante del nostro passato lontano, quando la vita era ancora nelle sue fasi iniziali.
Il Proterozoico è un eone che ci offre uno sguardo sullo sviluppo di organismi più complessi, come le prime piante e gli invertebrati marini. Questo periodo è caratterizzato da cambiamenti significativi nell'atmosfera e nell'ambiente terrestre, che hanno aperto la strada all'evoluzione di forme di vita sempre più sofisticate.
Infine, l'eone Fanerozoico ci porta ai giorni nostri, mostrandoci la diversità e la complessità della vita sulla Terra. Le varie ere, periodi, epoche ed età in questo eone sono testimoni di eventi importanti come l'estinzione dei dinosauri, l'evoluzione dei mammiferi e, infine, l'avvento dell'umanità.

Attraverso questa straordinaria animazione, Kurzgesagt ci offre un'occasione unica per riflettere sulla scala dei tempi geologici e sulla complessità dei processi che hanno portato alla formazione del nostro pianeta e alla diversità della vita che ospita.

LEGGI ALTRO...

Restaurare il computer di bordo delle missioni Apollo

Geek   11.11.23  

Nel 1976, in un magazzino in Texas, Jimmie Locke acquistò due tonnellate di attrezzature dismesse della NASA. Anni dopo si rese conto che tra queste vi era un computer proveniente da un modulo lunare Apollo, simile a quello utilizzato per guidare il lander sulla superficie della Luna durante la missione Apollo 11.
Il Wall Street Journal ripercorre gli sfordi di un gruppo di ingegneri, esperti di restauro informatico guidati da Mike Stewart, per rimetterlo in funzione.

Il processo di restauro ha richiesto un'attenta analisi delle componenti hardware e software del computer. Gli esperti hanno dovuto studiare i vecchi schemi e documenti per comprendere appieno il funzionamento del sistema e identificare eventuali parti mancanti o danneggiate.

Oltre alla sfida tecnica affrontato, il restauro dell'Apollo Guidance Computer ha un valore simbolico significativo. Rappresenta la volontà di preservare e celebrare il patrimonio storico dell'esplorazione spaziale e fa rivivere l'entusiasmo e la meraviglia dell'umanità nell'esplorare l'ignoto e realizzare imprese straordinarie.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...