tizianocavigliablog

Res Publica archivio

Bill Cunningham, vita di un fotografo diventato celebrità

Res publica   26.06.16  

Bill Cunningham a una sfilata di moda

Il necrologio del New York Times su uno tra i maggiori interpreti del ritratto che il mondo abbia conosciuto.
Le foto di Bill Cunningham non solo hanno cambiato il mondo di immaginare la fotografia, ma hanno contribuito a definire uno stile che ha influenzato la società che fotografava.

Mr. Cunningham was such a singular presence in the city that, in 2009, he was designated a living landmark. And he was an easy one to spot, riding his bicycle through Midtown, where he did most of his field work: his bony-thin frame draped in his utilitarian blue French worker's jacket, khaki pants and black sneakers (he himself was no one's idea of a fashion plate), with his 35-millimeter camera slung around his neck, ever at the ready for the next fashion statement to come around the corner.

Nothing escaped his notice: not the fanny packs, not the Birkin bags, not the gingham shirts, not the fluorescent biker shorts.

In his nearly 40 years working for The Times, Mr. Cunningham snapped away at changing dress habits to chart the broader shift away from formality and toward something more diffuse and individualistic.

At the Pierre hotel on the East Side of Manhattan, he pointed his camera at tweed-wearing blue-blood New Yorkers with names like Rockefeller and Vanderbilt. Downtown, by the piers, he clicked away at crop-top-wearing Voguers. Up in Harlem, he jumped off his bicycle — he rode more than 30 over the years, replacing one after another as they were wrecked or stolen — for B-boys in low-slung jeans.

LEGGI ALTRO...

Il telecronista perde tutta la sua freddezza nordica per il gol dell'Islanda

Res publica   23.06.16  

Il sogno dell'avventura europea dell'Islanda nella voce del telecronista al gol, decisivo per il passaggio del turno, contro l'Austria al 90esimo.

Everything's open! Theódór Elmar! Is he alone on their side of the field? Three on two! Emmi [short for Elmar]! Inside the box! Inside the box! Emmi!
YEEEEEES! YEEEEEES! YEEEEEES! YEEEEEES! YEEEEEES! YEEEEEES! We are winning! We have qualified to the 16 team final! We have qualified to the 16 team competition! We are winning Austria! The voice is gone, but that doesn't matter, we have qualified!
Arnór Ingvi Traustason! Just scored! Iceland two, Austria one! What a moment! What a moment! What! The referee has called the game, and I have never, I have never felt this good!
Arnór Ingvi Traustason guarantees us the first win in the Euros! We have never lost, don't forget that, we have never lost but the first win is a fact! Iceland two, Austria one.
Thanks for coming Austria, thanks for coming!

LEGGI ALTRO...

La fase a gironi di Euro 2016 in foto

Res publica   23.06.16  

Russia e Slovacchia a Euro 2016

Gareth Bale a Euro 2016

Pioggia e grandine a Lione a Euro 2016

Italia e Svezia a Euro 2016

La Spagna a Euro 2016

Cristiano Ronaldo a Euro 2016

L'inghilterra a Euro 2016

Il pallone scoppiato a Euro 2016

L'Islanda a Euro 2016

Belgio e Svezia a Euro 2016

I gol dopo l'80esimo, l'Italia che parte alla grande e poi non onora la terza partita facendo riposare 8/11 dei titolari. La rivincita delle piccole, il sogno dell'Islanda e la difficoltà delle grandi. Le deludenti Inghilterra e Portogallo. I campi da gioco in condizioni pessime. La solita Spagna e la solita Germania. Il tifo dei francesi. L'Ungheria prima del suo girone fa subito 1916. Il pallone scoppiato. Gareth Bale al cubo e le capigliature da podio nel ranking FIFA dei giocatori del belgio a Euro 2016, in attesa degli ottavi di finale con il tabellone diviso equamente tra le sfide tra l'Olimpo del calcio mondiale e quelle tra scapoli contro ammogliati.

LEGGI ALTRO...

Il dopo Ban Ki-moon

Res publica   21.06.16  

Un bilancio sui dieci anni di Ban Ki-moon a pochi mesi dallo scadere del suo mandato il 31 dicembre e le manovre politiche per individuare il possibile prossimo segretario generale delle Nazioni Unite tra undici candidati, tra cui cinque donne, nell'editoriale di Le Monde.

LEGGI ALTRO...

6.000 anni di urbanizzazione

Res publica   12.06.16  

6.000 anni di urbanizzazione in una mappa

La mappa della storia dell'urbanizzazione di tutte le maggiori città, a partire dal 3.700 a.C., creata dai ricercatori della Yale University e della University of Canterbury.

In this graphic the spatial coverage of points represents all cities included in the final dataset. Cities recording the earliest first population data point are pictured in red and are centered near Mesopotamia, while cities with the most recent first population data point are pictured in dark blue. It is important to note that the first population point for each city does not necessarily indicate its origin as a city.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...