tizianocavigliablog
Niente panico! Ok, panico.

L'uomo che sfidò Pechino 09.06.19

Nel 2010 alla cerimonia di consegna del premio Nobel per la Pace la sedia vuota di Liu Xiaobo fu un plastico esempio della sistematica violazione dei diritti umani in Cina.
Nella primavera del 1989 Xiaobo si trovava a Pechino. Come per migliaia di altri studenti e intellettuali, piazza Tiananmen rappresentava la speranza che un'altra via fosse possibile. Un processo ritenuto inevitabile verso la democratizzazione che già scuoteva il blocco sovietico.
Il 4 giugno i carri armati dell'Esercito Popolare di Liberazione sfondavano le barricate annegando nel sangue la speranza di una generazione.

L'uomo che sfidò Pechino è il documentario di Pierre Haski, corrispondente a Pechino di Libération, che ripercorre gli ideali e le battaglie dello scrittore diventato leader, suo malgrado, di una rivoluzione soffocata.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

Gli intellettuali cinesi sostengono Liu Xiaobo 15.10.10

Sassolini che rotolano a valle dalla granitica montagna cinese.

More than 100 Chinese writers, lawyers and activists have released a letter urging the government to release the Nobel peace prize winner Liu Xiaobo and other political prisoners.

The letter, issued late last night, comes amid the detention and monitoring of dissidents, which they believe reflects the government's anxieties about the award as well as a major political meeting that begins today.

It calls for the government to approach the award with "realism and reason" and follows a spate of angry denunciations of the prize. Yesterday a foreign ministry spokesman said the Nobel committee was "encouraging crime" in China by giving the award to Liu, who is serving 11 years for incitement to subvert state power.

Chi è Liu Xiaobo 08.10.10

E' l'unico premio che la Cina non avrebbe voluto vedersi consegnare.
Liu Xiaobo è il premio Nobel per la pace 2010.

Dissidente del regime comunista, è agli arresti per scontare una condanna a 11 anni per il reato di sovversione.
Liu ha preso parte al movimento piazza sfociato nell'evento di Tiananmen nel 1989 ed è stato tra i firmatari di Manifesto 08, il documento che rivendicava una maggiore democrazia in Cina.
Negli anni novanta è stato detenuto per tre anni in un campo di lavoro.

His activities in 1989 can be seen as formative in the entirety of his following writings and other works, characterised by an unwavering bravery and refusal to back down in the face of danger and suppression, by the pursuit and defence of human rights, humanism, peace and other universal values and, finally, adherence to the practice of rational dialogue, compromise and non-violence.

Manifesto 08 08.10.10

Foreign Policy pubblica il Manifesto 08, il documento a sostegno dei diritti civili e della democrazia in Cina, di cui è stato firmatario nel 2008 Liu Xiaobo, il vincitore del premio Nobel per la pace di quest'anno.

China, as a great nation of the world, one of the five permanent members of the United Nations Security Council, and a member of the Human Rights Council, ought to make its own contribution to peace for humankind and progress in human rights. Regrettably, however, of all the great nations of the world today, China alone still clings to an authoritarian way of life and has, as a result, created an unbroken nchain of human rights disasters and social crises, held back the development of the Chinese people, and hindered the progress of human civilization. This situation must change! We cannot put off political democratization reforms any longer. Therefore, in the civic spirit of daring to take action, we are issuing Charter 08. We hope that all Chinese citizens who share this sense of crisis, responsibility, and mission, whether officials or common people and regardless of social background, will put aside our differences to seek common ground and come to take an active part in this citizens' movement, to promote the great transformation of Chinese society together, so that we can soon establish a free, democratic, and constitutional nation, fulfilling the aspirations and dreams that our countrymen have been pursuing tirelessly for more than a hundred years.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

Fonte: BBC News