tizianocavigliablog
Guardia di porta.

Noemi al debutto in Rai 27.01.10

La bravura paga ancora.

Le carole di Natale 27.12.09

Noemi Letizia si esibisce nella cover di "All I want for Christmas is you" di Mariah Carey.
Tenete l'audio basso.

Benvenuto nell'AIDS 31.07.09

La vignetta di Gipi

Via Gipi.

Mille e una notte (cheap edition) 21.06.09

I gioielli regalati dal premier Berlusconi alla escort Monte

Sia messo agli atti che il premier Berlusconi ha un pessimo gusto in fatto di gioielli e bigiotteria.

Giornali a confronto 20.06.09

Corriere della Sera e La Repubblica a confronto

Il D'Addario gate visto dal Corriere e da Repubblica.

Il vizio del re 20.06.09

Il topolanek del presidente 19.06.09

Feltri ci racconta da quando e perché il topolanek di Berlusconi non tira più, nel tentativo di smontare le tesi più spinte del Noemi gate e del D'Addario gate.
Articolo chiuso mettendo le mani avanti su di un prossimo (probabile) affaire cocaina.

Avercene di amici così.

Quella me la sono fatta, quell'altra pure 18.06.09

L'Express riprende alcune conversazioni tra Silvio Berlusconi e Jacques Chirac.

Une autre fois, Jacques Chirac remarque la présence de nombreux magazines avec des photos de femmes dénudées. "Je feuillette un peu, ce n'était pas très convenable, a raconté Jacques Chirac. Et je lui demande pourquoi il a laissé traîner toutes ces revues." Réponse de Silvio Berlusconi, qui joint le geste à la parole: "Celle-ci, je l'ai eue, celle-là aussi..."

Stampa e regime 18.06.09

Era una notte buia e tempestosa 17.06.09

Topolanek barzotto a Villa Certosa, residenza sarda del prem

Centinaia di foto a Villa Certosa. Viaggi privati su aerei di stato. Sgallettate che ronzano come mosche sul miele intorno al premier. Autisti e candidature. Escort pagate con le imposte dei contribuenti.
E l'unica foto compromettente ritrae Topolanek barzotto.

La Beatiful nostrana perde hype.
Per il cliffhanger di fine stagione tocca affidarsi a Patrizia D'Addario (candidata da 7 voti a Bari nella lista "La puglia prima di tutto") e alle sue presunte registrazioni compromettenti.
Ma forse era meglio considerare anche un'altra linea narrativa.

Lost in Berlusconi 13.06.09

La foto sul petto di Gheddafi 10.06.09

Dettaglio della foto sul petto di Gheddafi

Dettaglio della foto che il dittatore libico Gheddafi ha mostrato oggi durante la sua visita di stato in Italia.

Gheddafi con la foto al petto

Daddy 10.06.09

Rizzati 05.06.09

Volanti 05.06.09

Stregatto 29.05.09

"Is there anyone who has any questions about underage females?" Not the typical way for the leader of a G8 nation to begin a formal news conference. But this is Italy in the age of Silvio Berlusconi, the land of a flamboyant billionaire Prime Minister whose ambiguous relationship with an 18-year-old aspiring showgirl have dominated public debate for most of the month of may. Welcome to springtime in Berlusconistan.

Via Time.

Ella è mite 27.05.09

Scopri le differenze 26.05.09

Vale la pena ragionare ora sulla parola "scandalo" scelta da Berlusconi. Scandalo non è una festa di Capodanno, naturalmente. Scandalose sono le troppe scene contraddittorie, alcune inventate di sana pianta ("Elio era l'autista di Craxi"; "Ho discusso con Elio di candidature"; "Ho sempre visto Noemi accompagnata dai genitori"), che il premier ha proposto all'opinione pubblica per giustificare il suo legame con una minorenne e smentire le accuse di Veronica Lario. Ma c'è in queste ore un altro scandalo e prende forma giorno dopo giorno quando un "caso politico" che interpella il presidente del consiglio - quindi, un "caso Berlusconi" - si trasforma in un "caso Noemi" che piomba come un macigno sulle spalle di una famiglia senza potere, nascosta in un angolo di Portici, alle porte di Napoli. Una famiglia oggi smarrita dal clamore che l'assedia, disorientata nell'affrontare una tensione che non è pronta a fronteggiare, priva di punti di riferimento nell'impresa di proteggere se stessa e il futuro di una figlia. C'è uno squilibrio evidente che non rende onore al più potente che chiede al più debole di difenderlo. Uno squilibrio che diventa impudente quando gli avvocati del premier minacciano di "azioni civili" e quindi economiche Gino Flaminio, un operaio che guadagna mille euro al mese, "colpevole" di aver raccontato una "verità" che centinaia di persone hanno avuto per sedici mesi sotto gli occhi.

Appare cinico il calcolo di Berlusconi e la pretesa dei consiglieri dell'"unità di crisi": deve essere la famiglia Letizia a spiegare, a raccontare, a dimostrare. Quest'urgenza, che con ogni evidenza è di Berlusconi non dei Letizia, spinge alla luce del sole una famiglia sempre riservata e gelosa della sua privacy. La obbliga ad affrontare la visibilità delle copertine dei settimanali e la curiosità dei media.

I Letizia non devono spiegare niente a nessuno, in realtà. Non sono né Noemi né Anna né Elio i protagonisti di questo affaire. Il "caso politico" ha un unico mattatore, Silvio Berlusconi, "incaricato di un pubblico servizio". E' questa responsabilità che rende necessario che il presidente del consiglio risponda alle domande che Repubblica gli ha posto. Quelle domande non nascono da un ghiribizzo, ma dalle incoerenze di una versione che non ha retto, finora, alle verifiche ed è apparsa presto soltanto un rosario di menzogne.

Sono le tre accuse di Veronica Lario ("frequenta minorenni", "non sta bene", fa eleggere "vergini che si offrono al drago") e le repliche bugiarde del capo del governo all'origine di questo "caso" politico. Non una ragazza e una famiglia di Portici.

Via La Repubblica.

Inguaribile ottimista 25.05.09

Gad Lerner su Berlusconi e il caso Noemi.

Non credo che Berlusconi riesca a durare al vertice di questo paese ancora per molto più di un anno. Ci saranno prese di distanza fra i suoi stessi alleati e anche fra gli zelanti servitori di oggi. L'uomo che ha affidato tutto sè stesso all'immagine, dall'immagine verrà ricondotto a figura patetica. Saranno le donne a sancirne la caduta nel disonore.

Villa arzilla 24.05.09

Ecco io non provo nemmeno a immaginare del perchè Berlusconi conosca il padre di Noemi, che non è un politico, non è un autista, non è niente di quello che è stato detto fin'ora, ma può chiamarlo a qualsiasi ora per parlare di candidature, un messo comunale.

Ma voglio sapere, che razza di roba è questa che il Presidente del Consiglio passa delle giornate invitando decine di ragazze nella sua casa in Sardegna.

Non è che lo voglio sapere perchè sono morbosa, ma perchè quest'uomo pretende di legiferare anche su questioni morali, e la sua moralità di uomo cattolico, divorziato, risposato e padre di figli, deve proprio avere una valida motivazione per queste specie di ginecei che organizza, e io son qui che aspetto di saperla.

Via senza aggettivi.

Dieci domande a Berlusconi sul caso Noemi 14.05.09

Italia's Next Top Minister 12.05.09

Noemi nel servizio Chi

"Ma che lato B mozzafiato", afferma Domenico Cozzolino, "magari... Il sedere a mandolino è il risultato di photoshop. L'ha vista Noemi in tv? È una cosarella, esile, esile. Quando si fanno i book bisogna ritoccarsi un po', anche le labbra, quelle si gonfiano, si sgonfiano..."

Cartonato 04.05.09

Hugh Hefner è un pivello 29.04.09

Foto artistica di Noemi

Mi trattengo. Sappiate che è difficile.

Ecco la bella Noemi, la diciottenne che chiama Berlusconi «papi»

Lo adoro. Gli faccio compagnia. Lui mi chiama, mi dice che ha qualche momento libero e io lo raggiungo. Resto ad ascoltarlo. Ed è questo che lui desidera da me. Poi, cantiamo assieme.

Non ricordo il titolo della sua preferita: aspetti che vedo sui suoi cd. Li ho tutti. Ma come fa quella... "Mon amour, lalalala"

Nessuno può immaginare quanto Papi sia sensibile. Pensi che gli sono stata vicinissima quando è morta, di recente, la sorella Maria Antonietta. Gli dicevo che soltanto io potevo capire il suo dolore.

Noemi, quando la vedremo in politica, alle prossime regionali?
No, preferisco candidarmi alla Camera, al parlamento. Ci penserà Papi Silvio.