tizianocavigliablog
Ha studiato legge con Murphy.

Chi ha vinto e chi ha perso nel braccio di ferro sullo shutdown 17.10.13

The Week analizza lo scontro tra democratici e repubblicani sul nodo dell'indebitamento che ha portato all'accordo per fermare lo shutdown. Se indicare il Tea Party come lo sconfitto di questa battaglia politica appare scontato, più difficile è stabilire chi abbia vinto la guerra.

Few would argue that anybody came out a "winner" after the disaster known as the government shutdown. The polls show that Americans are pretty much tired of everybody in Washington, and nobody sounded all that triumphant when it was over.

"There are no winners here," said White House Press Secretary Jay Carney after Senate leaders reached a deal to fund the government until Jan. 15 and extend the debt ceiling to Feb. 7. The House and the Senate are expected to pass the deal later tonight, ending our two-week-long national nightmare.

Still, some people were hurt more badly by the shutdown than others, which could have serious consequences in the world of politics -- not to mention future budget battles.

Declino e caduta del Tea Party 09.01.13

Nel 2010 un sondaggio di Rasmussen rilevava che il 24% degli elettori si identificava con il Tea Party, il movimento populista di destra interno al Partito Repubblicano. Oggi quella cifra è scesa all'8%.

As the Tea Party peaked, I told NPR's Guy Raz that the protest movement was a 2010 phenomenon, and would fade unless its membership supplemented its presence in the streets with a clearer idea of the policy changes it sought. Ensuing months offered evidence that I was right. The Tea Party could never square its demands for smaller government with the desire of its membership to hold Social Security and especially Medicare sacrosanct. Its electoral wing failed to put forth any viable candidates in the 2012 primaries and was scarcely mentioned at the RNC. But even I'm surprised by the decline in support that Rasmussen is reporting based on a recent telephone survey of voters. Back in 2010, the polling organization found that 24 percent of voters identified as Tea Party members. In its most recent poll, only 8 percent of voters identify with the Tea Party and just 30 percent of voters have a favorable opinion of it.

Clown repubblicani 09.11.12

Romney e Ryan truccati da clown

Il set di Flickr che trasforma gli esponenti del partito repubblicano americano in un allegro spettacolo circense.

Clint Eastwood ruba la scena a Romney 31.08.12

L'unica intuizione alla convention repubblicana di Tampa è arrivata grazie all'ottuagenario regista che ha improvvisato una conversazione con un presidente Obama fantasma.

Paradisi presidenziali 29.08.12

Per non smentire le voci che vedono il candidato repubblicano Mitt Romney implicato in trucchi fiscali per pagare meno tasse sfruttando i paradisi fiscali, si è pensato bene di tenere un party per i suoi donatori migliori a bordo di uno yacht battente bandiera delle Cayman.

Come Paul Ryan ha conquistato il GOP 13.08.12

Il candidato repubblicano alla vicepresidenza, l'ultraconservatore deputato del Wisconsin Paul Ryan, raccontato dal New Yorker.

Ryan won his seat in 1998, at the age of twenty-eight. Like many young conservatives, he is embarrassed by the Bush years. At the time, as a junior member with little clout, Ryan was a reliable Republican vote for policies that were key in causing enormous federal budget deficits: sweeping tax cuts, a costly prescription-drug entitlement for Medicare, two wars, the multibillion-dollar bank-bailout legislation known as TARP. In all, five trillion dollars was added to the national debt. In 2006 and 2008, many of Ryan's older Republican colleagues were thrown out of office as a result of lobbying scandals and overspending. Ryan told me recently that, as a fiscal conservative, he was "miserable during the last majority" and is determined "to do everything I can to make sure I don't feel that misery again."

In 2009, Ryan was striving to reintroduce himself as someone true to his ideological roots and capable of reversing his party's reputation for fiscal profligacy. A generation of Republican leaders was gone. Ryan had already jumped ahead of more senior colleagues to become the top Republican on the House Budget Committee, and it was his job to pick apart Obama's tax and spending plans. At the table in his office, Ryan pointed out the gimmicks that Presidents use to hide costs and conceal policy details. He deconstructed Obama's early health-care proposal and attacked his climate-change plan. Obama's budget "makes our tax code much less competitive," he said, as if reading from a script. "It makes it harder for businesses to survive in the global economy, for people to save for their own retirement, and it grows our debt tremendously." He added, "It just takes the poor trajectory our country's fiscal state is on and exacerbates it."

Santorum si è arreso a Gettysburg 10.04.12

L'abbandono di Rick Santorum spiana la strada alla nomination di Mitt Romney.
Termina la miglior corsa di un candidato repubblicano totalmente improbabile sin dai tempi della campagna di Steve Forbes nel 1996.

All'inizio delle primarie presidenziali in pochi avrebbero scommesso che un senatore con un budget ridotto e uscito perdente dalla sua ultima campagna elettorale con un distacco di 18 punti, perdendo oltre 700.000 voti, sarebbe riuscito a imporsi in 11 caucus.

On the night he lost the Illinois primary, former Pennsylvania senator Rick Santorum vowed to fight on, not from the Land of Lincoln but from Gettysburg, Pennsylvania.

Three weeks later, Gettysburg is where Santorum chose to end his presidential campaign.

The choice to stage two major events in Gettysburg shows how Santorum would like his campaign to be seen: not as another longshot presidential bid but as an important part of world history.

"What I tried to bring to the battle was what Abraham Lincoln brought to this battlefield back in 1863," Santorum said in his concession speech, "when he talked about this country being conceived in liberty and dedicated to the proposition that all men are created equal."

Mitt Romney è il nuovo Bob Dole? 09.03.12

La debolezza del principale candidato alle primarie repubblicane sta diventando un marchio di fabbrica e impone scelte drastiche per risollevare una campagna deludente.

Vincitori e sconfitti nel Super Tuesday 07.03.12

L'analisi politica di The Fix sulla vittoria/non vittoria di Mitt Romney alle primarie repubblicane e sul suo deludente appeal elettorale.

The Republican presidential primary campaign's busiest night - 10 states voted in all - turned more into a marathon than a sprint as the Ohio primary wasn’t called for former Massachusetts governor Mitt Romney until early Wednesday morning.

After a (short) night's sleep to think on what we witnessed, we came up with a handful of winners and losers from the night that was.

La diretta del Super Tuesday 06.03.12

Il liveblog di FiveThirtyEight sul giro di primarie repubblicane del Super Tuesday.

Il Super Tuesday stato per stato 05.03.12

La guida di The Caucus al martedì delle primarie repubblicane.

The closest that Americans get to a national presidential primary comes every four years when a large group of states hold their primaries and caucuses on the same day.

It's called Super Tuesday, a phrase that dates back more than two decades. And it happens again tomorrow.

Ten states, stretching geographically more than 4,500 miles - from Alaska to Massachusetts - will hold Republican contests on Tuesday, giving the candidates a chance to accumulate delegates and prove their vote-getting abilities.

Historically speaking, Tuesday will not be the most "super." In 2008, nearly two dozen states or territories held primary contests to choose a presidential nominee. But with 437 delegates at stake in the contests, Tuesday's results could dramatically shape the direction of the campaign as it moves into the spring.

La conta dei delegati 15.02.12

The Fix propone un grafico interattivo sulle primarie repubblicane che mostra quanti delegati sono ancora in gioco, quanti sono già stati conquistati dai candidati e quanti ne occorrono per raggiungere la nomina.
Per gli appassionati c'è poi la tabella riassuntiva con le regole di assegnazione dei delegati in ogni stato.

Romney è un cavallo azzoppato 08.02.12

La vittoria di Santorum nei caucus di Colorado e Minnesota e alle primarie in Missouri non è rilevante ai fini del conteggio dei delegati per la convention del 27 agosto a Tampa. Il candidato della Pennsylvania resta un outsider.
Il dato politico è il fatto che Mitt Romney è al momento incapace di polarizzare consensi e fare breccia nei cuori della base repubblicana. Un grosso problema in vista della sfida decisiva di novembre contro Barack Obama.

L'ultima possibilità per Gingrich 02.02.12

Politico analizza le strategie che Newt Gingrich potrebbe mettere in capo come ultima possibilità per recuperare il divario che lo separa da Mitt Romney.

The former House speaker didn't just lose to Mitt Romney in Florida this week; he got beaten within an inch of his life. Now, Gingrich – along with Rick Santorum and Ron Paul – heads into a weeks-long lull in the campaign, with a lapse of 20 days before the next debate and nearly a month before the next major primaries in Arizona and Michigan.

If Gingrich is going to stop Romney’s candidacy from becoming a runaway train, he needs to change the terms of the race much sooner than that. And short of a hit-the-jackpot stroke of luck – another massive super PAC donation from casino mogul Sheldon Adelson, or a dramatic screw-up on Romney's part – Gingrich is going to have to be creative.

Il lungo febbraio di Romney 01.02.12

Il trionfo di Mitt Romney nelle primarie repubblicane in Florida rilancia la sua campagna in vista dei tre attesissimi appuntamenti di febbraio.
Se Romney riuscirà a strappare il Nevada il 4 febbraio e l'Arizona e il Michigan il 28 febbraio con vittorie schiaccianti avrà la nomination in tasca. Sarà infatti molto difficile per gli altri candidati, Newt Gingrich in testa, riacquistare terreno sufficiente da poter ribaltare i giochi nel Super Tuesday del 6 marzo.

Gingrich e l'invenzione del popolo palestinese 27.01.12

Newt Gingrich durante il recente dibattito per le primarie in Florida ha affermato che i palestinesi sono un popolo inventato.
In seguito ha cercato di correggere il tiro ribadendo la sua posizione, ma aggiungendo che la definizione di "palestinesi" è stata inventata nel 1970, dato che prima di quella data erano semplicemente identificati come arabi.

Fly me to the Moon 26.01.12

Newt Gingrich promette di realizzate una colonia permanente sulla Luna entro il 2020 se sarà eletto presidente per due mandati.

As Charles Homans notes, the former House Speaker has been touting extravagant lunar missions since at least 1984: "At first, it would be a rough, provisional thing: Crews of four to six people would shunt to and from the outpost on three or six month shifts... preparing for a more permanent lunar presence," Homans writes. "It would be a hardscrabble frontier life, but if all went according to plan, a decade later, the base would have blossomed into a full-blown colony, home to as many as 300 people. By mid-century, it would have a population the size of a respectable Midwestern dairy town, its residents busy tending to bustling robot-assisted manufacturing and agricultural industries."

5 cose sulle primarie in South Carolina 21.01.12

La guida dell'Huffington Post alle primarie repubblicane in South Carolina.

The Palmetto State has already proven to be something of a proving ground for the 2012 GOP field -- it was here that Jon Huntsman and Rick Perry realized that they no longer had a viable path to the nomination. Now, four major players remain, and tonight's result is going to go a long way in determining whether the remainder of the early primary season goes as many have predicted, or if there's a sudden twist in the plot.

Rick Perry in cinque mosse 19.01.12

Dalle gaffe, ai comizi, agli spot elettorali. The Fix racconta la breve campagna presidenziale di Rick Perry nel giorno del suo ritiro ufficiale.

Perry ha annunciato che sosterrà l'ex speaker della Camera Newt Gingrich.

Ha vinto Santorum, forse 19.01.12

Il riconteggio dei voti in Iowa assegna la vittoria a Santorum.
Il primo scrutinio nei caucus repubblicani aveva visto prevalere Romney per una manciata di voti.
Tuttavia nonostante il vantaggio risicato Santorum - 34 voti - non può essere dichiarato vincitore nell'Iowa in quanto mancherebbero i voti di otto distretti che, secondo il presidente del partito repubblicano dello stato Chad Olsen, sarebbero scomparsi.

Passi falsi repubblicani 19.01.12

A due giorni dalle primarie in South Carolina i due principali contendenti repubblicani inciampano su finanza e famiglia.

Secondo ABC Mitt Romney ha 8 milioni di dollari depositati in 12 fondi registrati nel paradiso fiscale delle Isole Cayman.

L'ex speaker della Camera Newt Gingrich viene accusato dalla sua seconda moglie, Marianne, di aver voluto un matrimonio aperto che gli consentisse di frequentare l'allora amante, e attuale consorte, Callista.

Il piano B di Huntsman 16.01.12

L'apprezzatissimo, da stampa e commentatori, candidato repubblicano Jon Huntsman, con un passato da ambasciatore in Cina, si ritira dalla corsa presidenziale dopo i più che deludenti primi risultati alle primarie.
Appoggerà la campagna di Mitt Romney sperando in un futuro posto da segretario di Stato.

Il consiglio al candidato ipercentrista, sempre terzo rispetto ai fervori religiosi dei suoi compagni di partito, non può che essere quello di puntare da subito a un piano C.

Obama è troppo europeo 11.01.12

La posizione di Mitt Romney, neo vincitore anche alle primarie in New Hampshire, si trasforma incidentalmente in un complimento per il presidente Obama.

1. Obama "wants to turn America into a European-style entitlement society. We want to ensure that we remain a free and prosperous land of opportunity."

2. "This President takes his inspiration from the capitals of Europe; we look to the cities and small towns of America."

3. "I want you to remember when our White House reflected the best of who we are, not the worst of what Europe has become."

Il candidato di guerra 04.01.12

Per il candidato alle primarie repubblicane Rick Santorum, arrivato secondo per un soffio dietro a Romney nei caucus in Iowa, è tempo di invadere l'Iran.

I caucus in Iowa in due minuti 04.01.12

Tutto secondo previsioni in Iowa. Incertezza e vittoria di Romney per appena 8 voti su 100.000 rispetto a Santorum.
Ora inizia la vera sfida tra i più tristemente impresentabili candidati repubblicani degli ultimi anni.

I caucus in Iowa 03.01.12

La diretta dei risultati delle primarie repubblicane. E comunque qualunque sarà il risultato di questi caucus inciderà pochissimo sulla scelta finale del candidato.

L'ultimo dei repubblicani 23.09.11

A quanto pare sono tutti d'accordo sul fatto che Perry sia uscito con le ossa rotte dall'ultimo dibattito tra i candidati alle primarie repubblicane.
Ora non resta che piallare anche Romney per garantirci altri quattro anni di rassicurante, anche se non troppo entusiasmante, amministrazione Obama.

La retorica di Steve Perry 15.09.11

To sum up, Perry's rules of rhetorical engagement boil down to 1) constantly impugn your opponents' motives by insinuation; 2) shamelessly misrepresent their policies; 3) tag existing federal programs and functions with inflammatory and manifestly inaccurate labels; 4) eschew presenting any specific reform programs for "broken" programs; and 5) when you do offer policy prescriptions, ignore any likely obstacles to their success. A democracy that allows such a candidate to get anywhere near consideration for its highest office is in danger of not remaining a democracy for long.

Il candidato alle primarie repubblicane per la corsa alla Casa Bianca analizzato da Andrew Sprung.

La corsa alle presidenziali 2012 09.09.11

La mappa con la previsione dei grandi elettori per il 2012

In una mappa la previsione dei grandi elettori.

So Republicans are a lock or lead in 24 states for 206 electoral votes, and Democrats have or lead in 19 states for 247 electoral votes. Seven super-swing states with 85 electors will determine which party gets to the 270 Electoral College majority: Colorado (9), Florida (29), Iowa (6), Nevada (6), New Hampshire (4), Ohio (18) and Virginia (13). Prior to Obama’s 2008 victories in each state, several of these toss-ups had generally or firmly leaned Republican for most elections since 1980.

Verso le presidenziali 2012 15.08.11

I candidati possono cambiare ogni quattro anni, ma le tappe della campagna elettorale verso le presidenziali rimangono sempre le stesse.

Il racconto di Politico dei primi passi delle primarie repubblicane in America.

La White House vista dal Texas 13.08.11

Il governatore del Texas Rick Perry si è candidato ufficialmente alla primarie repubblicane in vista delle presidenziali del prossimo anno.
Il suo mandato è stato una boccata di ossigeno per ogni repubblicano che si rispetti. Bassa pressione fiscale, uno stato minimo, favorevole alla pena di morte, felice possessore di un'arma, ex pilota nell'Air Force, fervente metodista.
La forte economia texana è tuttavia controbilanciata dal basso livello degli indicatori sociali. Povertà, ragazze madri e istruzione, le piaghe che flagellano lo stato della stella solitaria.

Una spina nel fianco per Mitt Romney.

Tenete d'occhio Michele Bachmann 04.04.11

La spina nel fianco alla corsa presidenziale di Sarah Palin potrebbe arrivare dall'interno.
La cinquantacinquenne Michele Bachmann, deputata repubblicana del Minnesota, ha tutte le carte in regola per rubarle la scena.

Christopher Lee lascia la Camera dopo lo scandalo sessuale legato a Craiglist 10.02.11

Christopher Lee in atteggiamenti equivoci

Il deputato Christopher Lee, eletto alla Camera nel collegio di New York tra le file dei Repubblicani e sposato, si è dimesso dopo lo scoop su Gawker che lo ritraeva intento a inviare foto a torso nudo a ragazze sul noto sito di annunci Craiglist.

Ring a bell?

It has been a tremendous honor to serve the people of Western New York. I regret the harm that my actions have caused my family, my staff and my constituents. I deeply and sincerely apologize to them all. I have made profound mistakes and I promise to work as hard as I can to seek their forgiveness.

The challenges we face in Western New York and across the country are too serious for me to allow this distraction to continue, and so I am announcing that I have resigned my seat in Congress effective immediately.

Le predizioni degli esperti sulle elezioni di mid-term 03.11.10

A seggi che iniziano a chiudersi ecco le predizioni degli esperti su come andrà a finire la serata.

Se siete seduti alla Casa Bianca non c'è da stare allegri.

Breve guida alle elezioni di mid-term 2010 03.11.10

Elettori americani

Time pubblica una guida alle elezioni di mid-term in America.
Orari, dati, curiosità e sfide da tenere d'occhio.

Il nuovo corso dell'amministrazione Obama 03.11.10

I democratici subiscono la più pesante sconfitta elettorale fal dopoguerra. Se la Camera è irrimediabilmente persa al Senato resiste una risicatissima maggioranza.
Il Tea Party non è una moda e ora anche lo zoccolo duro del partito repubblicani dovrà fare i conti con loro. Volti nuovi e giovani si stagliano all'orizzonte. Il neo eletto senatore della Florida Marco Rubio, figlio di emigranti cubani, ne è l'esempio.

L'amministrazione Clinton dopo la sconfitta del '94 si spostò al centro e riconquistò una base in grado di permettergli un'agevole rielezione due anni dopo. Difficilmente Obama seguirà la stessa strada.
Ora ogni minimo dettaglio andrà contrattato con i repubblicani. Scordate i l'interventismo del governo federale in economia e riforme come quella sull'immigrazione o quella energetica sui cambiamenti climatici.
Le riforme già attuate sono tecnicamente al sicuro, penso a quella sanitaria, grazie al veto presidenziale. Va però tenuto in conto il peso politico e il riflesso elettorale di eventuali simili scelte.

Esce di scena la speaker della Camera Nancy Pelosi, probabilmente sostituita dal repubblicano John Boehner.

Sarah Palin piace alla base, ma i suoi candidati vengono bocciati.

Il sogno di Obama andrà ridimensionato. L'errore più grande sarebbe comunque quello di chiudersi in difesa.

Se queste elezioni di mid-term erano un referendum sull'ammistrazione Obama il risultato appare evidente. Il presidente perde tra le minoranze, la classe media, i bianchi e le donne.
L'America ha espresso il suo giudizio, meno ideologia e più pragmatismo.

Non è la fine del mondo. Non sarà una passeggiata.

A proposito di referendum, nessuna liberalizzazione della marijuana in California.

Il contratto con gli americani 24.08.10

Le dieci cose che i Repubblicani devono fare in dieci settimane (tanto manca alle elezioni di medio termine) per assicurarsi il dominio completo del Congresso.

La caduta di Arlen 19.05.10

L'analisi del voto nelle primarie e nelle supplettive di ieri in America evidenzia qualche sorpresa e alcune incertezze.

Il dato più rilevante è la sconfitta del senatore Arlen Specter nelle primarie in Pennsylvania per mano del democratico Joe Sestak.
Segue la consacrazione di Rand Paul, nelle primarie repubblicane del Kentucky, come elemento chiave del Tea Party.
Il terzo dato è la vittoria del democratico Mark Critz sul repubblicano Burns nelle supplettive per il Congresso in Pennsylvania. Un candidato di rottura, Critz. Spesso in contrasto con l'amministrazione Obama. Un successo agrodolce per i democratici.

Obama mattatore nella tana del lupo 30.01.10

Obama ha partecipato al caucus dei deputati repubblicani a Baltimora, chiedendo e ottenendo la presenza della stampa in sala.
Un'ora di domande a raffica e risposte convincenti. Al punto da aver tolto la scena ai padroni di casa.

Nella tana del lupo 14.01.10

Il presidente Obama andrà a parlare al congresso dei repubblicani. Si preannuncia un discorso caldo.

Un Mastella capita a tutti 28.04.09

Il senatore repubblicano Arlen Specter passerà con i democratici, dando al presidente Obama un considerevole margine di vantaggio al Congresso.
La speranza di Specter è di essere rieletto il prossimo anno. Il casus belli sarebbe invece da ricondurre alle politiche troppo di destra del Partito Repubblicano.

Il New Hampshire al voto 10.01.12

Le primarie in New Hampshire

La corsa delle primarie repubblicane entra nel vivo con l'appuntamento in New Hampshire. Secondo i sondaggi Mitt Romney guida la truppa repubblicana. Resta da capire quanto sarà decisiva la sua vittoria.

Fonte: Guardian

L'incertezza delle primarie repubblicane 30.12.11

Membri dello staff di Romney testano una sedia

Il 3 gennaio si apriranno i seggi in Iowa per le incerte primarie repubblicane. Il favorito Mitt Romney è tallonato da Ron Paul e Rick Santorum. La partita si giocherà sul filo del rasoio e su quanti punti percentuali i restanti sfidanti, Gingrich, Bachmann, Perry e Paul riusciranno a erodere ai tre candidati in testa nei sondaggi. L'Iowa è il primo appuntamento del lungo percorso che porterà il Partito Repubblicano a scegliere lo sfidante del presidente Obama nelle presidenziali di novembre.

Fonte: CBS News

Herman Cain si ritira 03.12.11

Herman Cain

Il candidato alla nomination repubblicana per la presidenziali del 2012 ha annunciato il suo ritiro dopo le accuse sempre più pressanti di di molestie sessuali e il suo scarso appeal elettorale.

Fonte: Guardian

L'America si tinge di GOP 03.11.10

Il neo eletto senatore repubblicano Marco Rubio

La vittoria dei repubblicani e del Tea Party chiama in causa gli errori dell'amministrazione Obama e la paura del futuro post crisi.