tizianocavigliablog
Ha studiato legge con Murphy.

Another one bites the dust 24.06.14

Suarez lo squalo

Il lato positivo dell'eliminazione dell'Italia dal mondiale brasiliano, il meme stupidino del morso di Suarez a Chiellini che impazza sui social network.

La marijuana dell'Uruguay 11.12.13

Grazie all'approvazione in senato, l'Uruguay è il primo paese al mondo ad aver legalizzato la coltivazione, la vendita e il consumo di marijuana.

L'abito di piume 18.07.05

La copertina de 'L'abito di piume' di Yoshimoto BananaL'abito di piume o Hagoromo, in giapponese, è un tipo di kimono tradizionale leggerissimo con dei lunghi nastri, indossato dalle tennyo (le donne-angelo) che secondo la cultura nipponica aiuta a superare la distanza tra il nostro mondo e l'aldilà.

La vicenda si intreccia dopo il ritorno di Hotaru al suo paese natale.
Proprio il suo viaggio rappresenta simbolicamente l'hagoromo che le permette di ritrovare la pace interiore dopo la perdita di un amore.

Nel suo romanzo, Banana Yoshimoto, inserisce tutti quei valori che da tempo sembrano svaniti nel caotico stile di vita arrivista e consumista occidentale.
Amicizia, affetti, amore, famiglia e speranza in un futuro migliore.

La storia, ambientata nella provincia giapponese, è una continua lotta tra un passato triste nel ricordo della madre deceduta quando Hotaru era ancora bambina e un presente fatto di tradimenti e dispiaceri.

La fine di una storia d'amore e la perdita di fiducia in chi si è amato sarà lo stimolo per ritrovare se stessa e i valori che davvero contano nella vita.

Hotaru che viaggia tra i ricordi del passato incontrerà Mitsuru, un ragazzo che in qualche modo è legato a lei.

Con l'aiuto di sua nonna e di una vecchia amica, Rumi, Hotaru scoprirà che è ancora capace di risvegliare i suoi sentimenti.

L'ennesimo terzo posto - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 24] 10.07.10

Finale 3° e 4° posto

Uruguay [2 - 3] Germania

Partita divertente come le finali di consolazione spesso sanno essere.
Cinque titoli mondiali in campo non sono pochi. Vince la Germania, ancora un terzo posto per la squadra che storicamente ha avuto più occasioni di arrivare a disputarsi un mondiale e che più di tutte le altre non ha saputo gestirle.
Al 10' subito occasione per i tedeschi angolo di Oezil e colpo di testa di Friedrich con palla che centrava la traversa. Nove minuti dopo una conclusione di Schweinsteiger, respinta malissimo da Muslera, permette a Mueller di insaccare il suo quinto gol nel torneo.
Al 28' arriva il meritato pareggio dei sudamericani, sempre in attacco. Suarez in contropiede apre al centro per Cavani. Gol.
Nella riprese la "Celeste" va all'attacco e Forlan trova il suo quinto gol.
La Germania pareggia qualche minuto dopo con Jansen, ancora su errore di Muslera. Non certo in giornata il portiere uruguaiano.
Al 36' la rete decisiva di Khedira. Nel recupero clamorosa traversa di Forlan. Per l'Uruguay avrebbe significato prolungare il sogno.
Ancora terza la Germania. Ancora quarta l'Uruguay. E il polpo Paul aveva indovinato anche questo risultato.

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5, day 6, day 7, day 8, day 9, day 10, day 11, day 12, day 13, day 14, day 15, day 16, day 17, day 18, day 19, day 20, day 21, day 22, day 23.

Olanda all'appuntamento con la storia - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 22] 06.07.10

Semifinali

Uruguay [2 - 3] Olanda

Un'Olanda spregiudicata riesce a tenere a bada il miglior Uruguay degli ultimi quarant'anni.
Iniziano di slancio gli "arancioni", a tratti incontenibili.
Il gol arriva dalla distanza a firma van Bronckhorst. Incontenibile, trova il sette. Muslera si lancia, ma invano.
La partita rallenta anche grazie al possesso di palla soporifero dei sudamericani.
Il primo tempo sembra debba concludersi con il vantaggio olandese, ma un gran tiro da fuori di Forlan riequilibra la partita.
L'inizio del secondo tempo è di marca "celeste". L'Olanda sembra spenta. Ricorda la prestazione contro il Brasile, ma quando l'Uruguay sembra sul punto di segnare Sneijder si inventa una magia riportando in vantaggio i Paesi Bassi.
L'Olanda sembra ritrovare il carburante e pochi minuti dopo Robben, lasciato solo in area, colpisce di testa. Palo, gol.
Sembra finita, ma nel recupero un sussulto di Maxi Pereira fa tremare gli olandesi. Ci si mette anche l'arbitro che dei tre minuti concessi di recupero ne fa giocare cinque.
Olanda, sempre vincente, accede meritatamente alla sua terza finale. La storia le è sempre stata avversa. L'11 luglio avrà la possibilità di riscattarsi.
Uruguay tra le prime quattro squadre al mondo. Non è poco.

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5, day 6, day 7, day 8, day 9, day 10, day 11, day 12, day 13, day 14, day 15, day 16, day 17, day 18, day 19, day 20, day 21.

Di emozioni, ricorsi storici, sorprese e clamorosi errori - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 20] 02.07.10

Quarti di finale

Olanda [2 - 1] Brasile

Il Brasile di Dunga torna a casa dopo una pessima gara e un mondiale mediocre. Olanda va avanti e contro i "verde oro" non capitava dal '74. Tanti gli errori, ma nervi saldi e concretezza.
Primo tempo che i chiude con il Brasile in vantaggio. Segna Robinho in velocità. Il Brasile si adagia. L'Olanda cresce e ci crede.
Il pareggio arriva dai piedi di Sneijder su calcio di punizione. Pasticcio difensivo con uscita di Julio Cesar a vuoto e Melo che sfiora di testa, palla in rete.
I brasiliani sembrano morti viventi, gli olandesi sbagliano, ma non mollano un attimo e su calcio d'angolo la testa di Sneijder regala il meritato vantaggio degli europei.
Cresce il nervosismo dei brasiliano, Kaka inesistente e Melo - ancora lui - si fa espellere per un pedata su Robben fermato irregolarmente in precedenza.
Vince l'Olanda contro un Brasile in maglia blu come nel '74, quella volta segnarono Neeskens e Cruijff. 2 a 0. I corsi e i ricorsi del calcio.

Uruguay [5 - 3 rigori] Ghana

Il Ghana butta via il più clamoroso appuntamento con la storia e difficilmente si ripresenterà un'occasione tanto favorevole. L'Uruguay raggiunge l'obiettivo semifinali grazie all'esperienza.
Uno stadio e un continente intero questa sera tifavano per le "Black Stars". Un calore che con l'eliminazione immediata del Sud Africa si era un po' perso nei precedenti incontri.
Occasioni molte per entrambe nel primo tempo. Quindici minuti iniziali giostrati Dall'Uruguay e poi un crescendo del Ghana sino al magnifico gol di Muntari da fuori area nei minuti di recupero del primo tempo.
Paura per una spaventosa caduta di Fucile che impatta la testa con il terreno di gioco. Il calciatore resta immobile per alcuni interminabili secondi prima di essere rianimato dai medici. Proseguirà poi la gara. Tragedia sfiorata.
Ripresa che vede i ghanesi crederci e l'Uruguay soffrire. Pagano gli errori, troppi quelli degli africani. Forlan ringrazia e segna magistralmente su punizione.
Si va ai supplementari. Ghana più reattivo. Uruguay senza più fiato che si affida al miglior controllo di palla.
Occasione decisiva all'ultimo secondo dell'ultimo tempo supplementare. Serie di rimpalli in area. Due salvataggi sulla linea per gli uruguaiani. Il secondo parato con le mani da Suarez. Rigore ed espulsione.
Gli occhi di tutta l'Africa sono su Gyan. La storia lo attende. La traversa pure.
Si va alla lotteria dei rigori e come di consuetudine paga la freddezza.
Forlan, gol. Gyan, gol (cinque minuti prima sarebbe stato meglio). Victorino, gol. Appiah, gol. Scotti, gol. Mensah senza ricorsa, para Muslera. Pereira, alto. Adiyiah ancora senza ricorsa e ancora para Muslera nel medesimo punto. Abreu, cucchiaio e vittoria.
Un Uruguay dimezzata affronterà la lanciatissima Olanda in una semifinale che odora di altri tempi.

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5, day 6, day 7, day 8, day 9, day 10, day 11, day 12, day 13, day 14, day 15, day 16, day 17, day 18, day 19.

L'Africa e i vecchi campioni del mondo - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 16] 26.06.10

Ottavi di finale

Uruguay [2 - 1] Corea del Sud

Prosegue il cammino di un Uruguay in forma strepitosa e in grado di andare lontano.
La Corea del Sud si affida alla velocità e parte bene. Park Chu-Young al 5' prende un palo su punizione.
Tre minuti dopo Sung-Ryong esce goffamente e Suarez da posizione invidiabile mette dentro.
L'Uruguay rallenta e cresce la velocità dei coreani che vanno più volte vicini al pareggio.
Pareggio che arriverà al 23' del secondo tempo su colpo di testa di Lee Chung-Yong.
La reazione dell'Uruguay è veemente e Suarez quasi allo scadere infila un gol straordinario.
Dopo quarant'anni i bi-campioni del mondo accedono ai quarti di finale. Esce una Corea del Sud che non demerita. L'Asia inizia a trovare la sua via al calcio mondiale.

USA [1 - 2 d.t.s.] Ghana

Ad inizio mondiale i soliti esperti avevano predetto l'uscita di tutte le squadre africane già dai gironi eliminatori. Il Ghana sembra avere un'opinione diversa.
Apre le marcature Boateng. Partita vibrante. Kingson, portiere del Ghana, salverà a più riprese il risultato.
Gli USA ancora una volta trovano la via del gol e del recupero. E' Donovan a trasformare un rigore netto. Finisce al cardiopalmo. Altidore ad un passo dal segnare uno storico vantaggio americano. Si va a tempi supplementari.
Cinque minuti e arriva il gol di Gyan. Gli assalti americani si infrangono sull'esperienza e la bravura dei ghanesi.
Le "Black Stars" raggiungono i quarti di finale. Affronteranno l'Uruguay.

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5, day 6, day 7, day 8, day 9, day 10, day 11, day 12, day 13, day 14, day 15.

Agli ottavi con gli occhi a mandorla - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 12] 22.06.10

Messico [0 - 1] Uruguay

Molti ad aspettarsi il pareggio che avrebbe permesso ad entrambe di passare il turno e invece ci siamo trovanti davanti ad una partita vivace e combattuta.
Uruguay pericolosa, Messico che non molla mai. Primo tempo giocato a viso aperto, poi al 43' la botta di Suarez incrina le certezze messicane, sull'altro campo i sudafricani sono a più due.
Nel secondo tempo la difesa d'acciaio dell'Uruguay non lascia spazi alla Tri. Il Sud Africa resta al palo e la Francia segna. Si attende il fischio finale e scoppia la festa in campo e sugli spalti per una partita che vede due vincitori.

Francia [1 - 2] Sud Africa

La Francia chiude ultima, il Sud Africa gioca la carta dell'orgoglio e va a vincere la sua prima partita. Non servirà, ma almeno chiude in bellezza.
Un Sud Africa trascinante si porta sul due a zero grazie a Khumalo e Mphela e costringe al fallo e all'espulsione Gourcuff per una gomitata. Due gol dalla qualificazione.
In avvia di ripresa acora Mphela cartavetra il palo. Sfiora il sogno, andrà diversamente.
Malouda sigla il gol della bandiera.
Sud Africa eliminata per la differenza reti. Francia non pervenuta.

Gruppo A

7 Uruguay (4-0)
4 Messico (3-2)
4 Sud Africa (3-5)
1 Francia (1-4)

Nigeria [2 - 2] Corea del Sud

Nigeriani spreconi buttano via una qualificazione a portata di mano sbagliano tre palle gol di cui una a porta vuota a non più di trenta centimetri dalla linea. Corea del Sud spesso sonnacchiosa, ma che punge ad ogni occasione.
Passa in vantaggio la Nigeria con Uche, risponde Lee Jung-soo.
Al 3' del secondo tempo ci pensa Park Chu-young a mettere in cassaforte la qualificazione. Al 24' Yakubu - che pochi minuti prima ha fallito da meno di mezzo metro da una porta vuota - trasforma un rigore.
La Corea del Sud affronterà l'Uruguay negli ottavi. Per la Nigeria non resta che mangiarsi le mani.

Grecia [0 - 2] Argentina

L'Argentina scenda in campo per allenarsi e trova una discreta Grecia.
Guizzi da entrambe le parti per una partita destinata a non incidere sulla qualificazione. Nel secondo tempo arrivano i gol di Palermo e Demichelis per blindare i novi punti e pensare al prossimo appuntamento col Messico.
Alla Grecia resta l'amarezza di un campionato mondiale disputato con prestazioni altalenanti.

Gruppo B

9 Argentina (7-1)
4 Corea del Sud (5-6)
3 Grecia (2-5)
1 Nigeria (3-5)

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5, day 6, day 7, day 8, day 9, day 10, day 11.

Quelli del formaggio coi buchi - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 6] 16.06.10

Honduras [0 - 1] Cile

La partita più insignificante del mondiale si chiude con il gol di Beausejour nel primo tempo.
Cile che vince contro nessuno Tre punti facile, da rivedere contro Svizzera e Spagna.

Spagna [0 - 1] Svizzera

Passo falso della "candidata al mondiale" Spagna.
La Svizzera giocando all'italiana strappa una vittoria che potrebbe già significare passaggio del turno.
La Spagna ci prova, c'è la traversa di Xabi Alonso, ma poco altro. Un assedio alla porta elvetica sempre inconcludente.
La Svizzera punge in contropiede. Due volte. All'8' della ripresa arriva il gol di Fernandes e Derdiyok colpisce un palo con Casillas battuto.
Svizzera quadrata, difensivista, concreta. Spagna che si arrende alle velleità e al possesso di palla, che in questo caso non significa controllo della partita e del risultato.

Gruppo H

3 Cile (1-0)
3 Svizzera (1-0)
0 Honduras (0-1)
0 Spagna (0-1)

Sud Africa [0 - 3] Uruguay

Partita confezionata da un Uruguay concreto e deciso.
Decide Forlan, prima con un gran tiro da fuori e poi su calcio di rigore con conseguente espulsione di Khune.
A tempo scaduto arriva il terzo gol dell'Uruguay a firma Pereira.
Un risultato troppo pesante per il pur spento Sud Africa.
L'Uruguay torna alla vittoria in una fase finale di un mondiale dopo quasi vent'anni.
Brutta la scena dello stadio che si svuota dopo il secondo gol. La squadra del Sud Africa merita molto più rispetto. Oggi hanno perso anche i tifosi.

Gruppo A

4 Uruguay (3-0)
1 Messico (1-1) una partita in meno
1 Francia (0-0) una partita in meno
1 Sud Africa (1-4)

FIFA World Cup South Africa 2010: day 1, day 2, day 3, day 4, day 5.

La sorpresa delle piccole - FIFA World Cup South Africa 2010 [day 1] 11.06.10

Sud Africa [1 - 1] Messico

Il favoritissimo Messico, la promessa Messico, la miglior squadra che il Messico ha mai portato ad un mondiale, partito all'attacco per tutto il primo tempo si è visto ridimensionare da un Sud Africa che ha preso coscienza di sé nella seconda parte della partita, permettendo a Tshabalala di segnare un gol spettacolare dopo una travolgente azione di contropiede.
Il Messico raggiunge il pareggio solo grazie ad un ingenuo (ma è un eufemismo) errore della difesa. Marquez solo davanti alla porta non può sbagliare.
Un palo quasi allo scadere nega la gioia più grande al Sud Africa.
Khune, il portiere dei Bafana bafana, straordinario in ogni occasioni. Al contrario Perez oggi andava per farfalle.
Messico annichilito. Il solito Messico di sempre. Risultato giusto.
Da segnalare l'atmosfera da "nido delle vespe" grazie alle migliaia di vuvuzelas - le tipiche trombette sudafricane - che non hanno smetto di un attimo di fare da colonna sonora dell'incontro.

Uruguay [0 - 0] Francia

Noia. Al cubo.
Una partita quella tra Uruguay e Francia giocata sugli errori, sul nervosismo (ci sarà un espulsione per l'Uruguay a 10 minuti dalla fine) e sulla mancanza di fantasia.
Il pareggio annulla la giornata completando un girone di squadre ferme a un punto ciascuna.
La Francia dovrà crescere molto se vorrà continuare a giocare a lungo in terra sudafricana.

Gruppo A

1 Sud Africa (1-1)
1 Messico (1-1)
1 Uruguay (0-0)
1 Francia (0-0)

Svolta politica in Uruguay 01.11.04

Per la prima volta nella storia il presidente dell'Uruguay e' un esponente della sinistra. Il candidato di Encuentro progressista-Frente amplio (Ep-Fa) Tabare' Vasquez e' stato eletto al primo turno con il 51% dei voti. Molto distante il candidato del partito Nacional (Blanco), Jorge Larranaga, che non ha superato il 34% dei consensi.

Il ponte con la rotonda in mezzo 22.01.16

Il Laguna Garzon Bridge

Si chiama Laguna Garzon Bridge, è stato progettato dall'architetto Rafael Viñoly per collegare le città di Rocha e Maldonado in Uruguay superando l'omonima laguna. La sua particolare forma a rotonda ha lo scopo di rallentare gli automobilisti preservando al contempo il delicato ecosistema della laguna e fornendo un'occasione per ammirarla con più tranquillità. Il design inoltre è stato studiato per ricreare un laguna stilizzata all'interno del ponte che possiede anche una passeggiata per i turisti.

Fonte: Architizer

L'Uruguay vince la Copa America 24.07.11

Suarez esulta per il gol

L'Uruguay conquista a Buenos Aires la sua quindicesima Copa America battendo il Paraguay, arrivato in finale senza mai vincere un match, per 3 a 0.

Fonte: Guardian