tizianocavigliablog
Sensei.

Mi devi un vaccino 06.10.15

Secondo i dati sono scese al di sotto del 95% le vaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B e la percentuale scende ulteriormente per le vaccinazioni contro il morbillo, la parotite e la rosolia che raggiunge una copertura dell'86%, in calo di oltre il 4% in appena un anno. Le conseguenze, sottolinea Ricciardi, sono per tutta la collettività. «Se non si ha più la cosiddetta 'immunità di gregge' - ricorda l'esperto - aumenta il rischio che bambini non vaccinati si ammalino, che si verifichino epidemie importanti, che malattie per anni cancellate non siano riconosciute e trattate in tempo».

Ambisco a uno Stato che tolga ogni sussidio sanitario a quelle famiglie che si assumono la libertà di non far vaccinare i propri figli.

Mettiamo un prezzo all'idiozia.

L'efficacia dei vaccini 01.03.15

Efficacia del vaccino del morbillo

L'efficacia dei vaccini spiegata visivamente grazie alle infografiche realizzate dal Washington Post. Questo è l'impatto del vaccino del morbillo.

La generazione che rifiuta i vaccini 10.02.15

Da cosa nasce il rifiuto di far vaccinare i propri figli? Essenzialmente è frutto di ignoranza e arroganza.
Per il National Geographic siamo vittime del nostro stesso successo.

L'eradicazione di malattie mortali e invalidanti, grazie ad avanzamenti scientifici ancora impensabili appena 100 anni fa, ha portato a vaccini così efficaci da immunizzare intere generazioni che oggi hanno dimenticato la familiarità drammatica di un'infanzia costellata da possibili deformità, paralisi, danni cerebrali, cecità e basse aspettative di vita e da adulti l'esperienza traumatica di sopravvivere ai propri figli morti dopo una lunga sofferenza.

L'uomo che sconfisse la polio 28.10.14

Il Googl doodle per Jonas Salk

Il doodle di Google di oggi onora il 100esimo anniversario della nascita di Jonas Salk, l'uomo che sviluppò un vaccino efficace contro la polio 1955.

Fino al 1955, anno dell'introduzione del suo vaccino, la poliomielite era considerata il problema più spaventoso in materia di salute pubblica negli Stati Uniti del dopoguerra. Le epidemie annuali erano sempre più devastanti: quella del 1952 fu la peggiore nella storia della nazione. Dei quasi 58.000 casi riportati quell'anno, 3.145 persone morirono e 21.269 restarono paralizzate in modo lieve o invalidante. La maggior parte delle vittime erano bambini. Gli scienziati si affannavano a trovare un modo per prevenire o curare la malattia. Il Presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt ne era forse la vittima più conosciuta al mondo e fondò l'organizzazione che avrebbe finanziato la realizzazione del vaccino.

[...] Il 12 aprile 1955 il Dottor Thomas Francis Junior, revisore dei risultati del test, dichiarò che il vaccino era sicuro ed efficace. "L'annuncio fu fatto nell'Università del Michigan, a dieci anni esatti dal giorno della morte del Presidente Roosevelt. Cinquecento persone, inclusi centocinquanta tra giornalisti, cronisti radiofonici e reporters televisivi, ingombravano l'aula; sedici telecamere erano posizionate su una lunga impalcatura sul retro; e 54.000 medici, seduti nelle sale cinematografiche di tutto il paese, guardavano la trasmissione dalla televisione a circuito chiuso. La multinazionale farmaceutica Eli Lilly and Company pagò 250.000 dollari per far trasmettere l'evento. Gli americani accesero le loro radio, i grandi magazzini predisposero degli altoparlanti e i giudici sospesero i processi. Anche gli europei erano sintonizzati sulla Voice of America. A proposito di ciò, Paul Offit riporta: "La presentazione fu oscura, ma la conclusione fu chiara: il vaccino funzionava. All'interno dell'auditorium gli americani accolsero il risultato con lacrime di gioia. Mentre Thomas Francis scendeva dal podio, le campane delle chiese risuonavano in tutto il paese, nelle fabbriche si osservava un momento di silenzio, nelle sinagoghe e nelle chiese si tenevano incontri di preghiera, e genitori e insegnanti piangevano. Un negoziante dipinse una scritta sulla propria vetrina: "Grazie, Dr. Salk". Era come se la guerra fosse finita [...]". Il Dottor Francis riferì che il vaccino era risultato efficace nell'80-90% dei casi sulla base dei risultati in undici Stati. Nel complesso, fu somministrato ad oltre 440.000 bambini in quarantaquattro Stati, tre province canadesi e ad Helsinki, in Finlandia. Dopo l'annuncio, quando gli fu chiesto se l'efficacia del vaccino potesse essere migliorata, Salk rispose: "In linea teorica, i vaccini del 1955 e le procedure di vaccinazione potrebbero essere portati ad una protezione del 100%".

Adulti e vaccinati 22.08.14

La guarigione del dr. Kent Brantly e dell'infermiera Nancy Writebol, curati dall'ebola grazie al vaccino sperimentale ZMapp, è la risposta della scienza alle teorie complottiste altomedievali che farneticano di pericolose devianze sessuali, mutazioni genetiche, autismo, tumori e altre deliranti ipotesi legate a Big Pharma e all'uso dei vaccini.

L'India ha sconfitto la polio 24.03.14

Nel 1988 l'India aveva 200.000 casi di polio riportati. Da tre anni il numero di nuovi casi riscontrati è sceso a zero e l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che la polio in India è stata debellata grazie a una campagna di immunoprofilassi senza precedenti e allo sforzo di oltre 2 milioni di operatori volontari che hanno vaccinato oltre 170 milioni di bambini sotto i cinque anni.

America experienced the height of polio in the 1940s and '50s, when about 35,000 people became disabled every year. Fear and panic spread and parents were known to warn their children to not drink from public water fountains, avoid swimming pools and stay away from crowded public places like movie theaters. Perhaps the most famous case of polio in America was Franklin Delano Roosevelt, the first president with a significant physical disability.

The development of the Salk and Sabine vaccines helped lead to eradication of polio in the United States in 1979. In India, too, vaccination was critical.

"There were three keys to our success," Kapur says. "Immunize, immunize and immunize."

Grazie scienza.