tizianocavigliablog

Res Publica archivio

Il Giappone e la perdita dell'innocenza

Res publica   02.02.15  

La recente decapitazione da parte dello Stato Islamico di due ostaggi giapponesi, tra cui il giornalista Kenji Goto, sta mutando il sentimento della sfera istituzionale e dell'opinione pubblica riguardo la politica pacifista che ha guidato il Giappone negli ultimi 70 anni.
Una linea di condotta, figlia del dramma della Seconda Guerra Mondiale, che si rivela impotente contro la follia del fondamentalismo islamico. Un pacifismo oggi ritenuto incapace e inadeguato nel rispondere all'esigenza di proteggere il paese e i suoi interessi.

"This is 9/11 for Japan," said Kunihiko Miyake, a former high-ranking Japanese diplomat who has advised Mr. Abe on foreign affairs. "It is time for Japan to stop daydreaming that its good will and noble intentions would be enough to shield it from the dangerous world out there. Americans have faced this harsh reality, the French have faced it, and now we are, too."

LEGGI ALTRO...

Una discreta vittoria

Res publica   31.01.15  

Dunque, il M5S ottiene una discreta vittoria, anche se diversa da quella progettata:
1. ha stanato Renzi costringendolo a fare il nome prima dell’inizio delle votazioni
2. ha costretto Renzi a scegliere una persona decente
3. quindi ha sbarrato la strada ad Amato, Veltroni, Grasso ecc.
4. ha incrinato seriamente il patto del Nazareno.

Il percorso di irrilevanza iniziato un minuto dopo le chiusura dei seggi elettorali il 25 febbraio 2013 riassunto in un post sul blog di Beppe Grillo, a firma Aldo Giannuli.
Il dispurbo bipolare del Movimento 5 Stelle, impermeabile al senso del ridicolo, acuito nel giorno dell'elezione di Sergio Mattarella presidente della Repubblica, trionfo politico frutto di un capolavoro di Matteo Renzi.

LEGGI ALTRO...

Il presidente Mattarella e l'Europa

Res publica   31.01.15  

L'alleanza tra nazioni e popolo seppe battere l'odio nazista, razzista, antisemita e totalitario di cui questo luogo è simbolo doloroso. La stessa unità in Europa e nel mondo saprà battere chi vuole trascinarci in una nuova stagione di terrore.

Il commento del presidente Mattarella in visita alle Fosse Ardeatine.
Le stragi naziste paragonate al terrorismo islamico. Orrori da cui ci si salva non rinchiudendosi in giardinetti recintati, ma lavorando per unire e unirci; in Europa come tra la comunità delle nazioni democratiche.
Un europeista convinto al Quirinale. Il settennato non poteva iniziare con un atto più simbolico di questo.

LEGGI ALTRO...

Il tweet del presidente

Res publica   31.01.15  

Il pensiero va soprattutto e anzitutto alle difficoltà e alle speranze dei nostri concittadini. È sufficiente questo.

Le prime parole da presidente della Repubblica di Sergio Mattarella. Quasi un tweet, ma già capace di raccontare l'indirizzo del suo settennato.

LEGGI ALTRO...

Mediaset e il patto del Nazareno

Res publica   30.01.15  

Per ingannare il tempo mentre si attende la giornata di sabato per conoscere l'esito del quarto scrutinio, questa è la lettura di IBTimes sulla tenuta del patto per le riforme nonostante la possibile elezione di Sergio Mattarella al Quirinale e la conseguente vittoria politica di Matteo Renzi.

[...] a Mediaset conviene un Berlusconi 'nel patto', filo-governativo, com'è quasi sempre stato dopo la caduta del 2011.

LEGGI ALTRO...

La corsa al Quirinale

Res publica   29.01.15  

Presidenti della Repubblica Italiana

Guida minima dell'ANSA ai retroscena e ai compromessi che hanno segnato le elezioni presidenziali da 1946 a oggi. Da leggere oggi per arrivare preparati all'inizio delle votazioni in Parlamento che decideranno il futuro inquilino del Colle per i prossimi sette anni.

LEGGI ALTRO...

Gli eurodeputati italiani tra i più attivi al Parlamento Europeo

Res publica   28.01.15  

Secondo MEPRanking, il sito indipendente che monitora l'attività svolta dai 751 parlamentari europei, risulta che durante i primi sei mesi dell'VIII legislatura 5 tra i 10 eurodeputati più attivi tra Strasburgo e Bruxelles sono italiani.
La classifica prende in esame la presenza alle sessioni plenarie, la partecipazione al voto, le interrogazioni, le mozioni e le dichiarazioni parlamentari.

Guida la classifica (sia italiana sia europea) l'eurodeputato Nicola Caputo del Partito Democratico-PSE. E cinque sui primi dieci sono anche gli eurodeputati appartenenti al gruppo parlamentare S&D del PSE.

Sul fondo invece si piazzano Sergio Cofferati, 698esimo che ha lasciato il PD in seguito alla trombatura ricevuta alle primarie in Liguria, Raffaele Fitto e Giovanni Toti, di Forza Italia - PPE rispettivamente 738esimo e 742esimo.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...