tizianocavigliablog
Il blog che tutti dovrebbero leggere.

La bolla del bike sharing in Cina 27.03.18

Un immenso cimitero di bici a Shanghai
Un immenso cimitero di bici a Shanghai
Pile di bici abbandonate a Xiamen
Pile di bici abbandonate a Xiamen

L'esplosione del fenomeno del bike sharing in Cina raccontato attraverso gli scatti fotografici dei cimiteri di biciclette abbandonate o sequestrate.

La bolla delle bici condivise è esplosa quando decine di aziende di hanno rapidamente invaso le strade delle città con numeri di gran lunga superiori alla domanda reale. Le città cinesi, impreparate per infrastrutture non adeguate, scarso senso civico e regolamenti lacunosi, sono state sommerse da milioni di biciclette a noleggio, incapaci di gestire il fenomeno.
Oggi i cimiteri di bici sono diventati l'ennesimo monito; una crescita sostenibile non può più essere ignorata. Neppure in Cina.

La vittoria politica della rivoluzione degli ombrelli 05.09.16

I leader della proteste di piazza a Hong Kong nel 2014, tra cui Nathan Law Kwun-chung, entrano per la prima volta nel Consiglio legislativo, il parlamento della Regione Amministrativa Speciale, dopo una vittoria senza precedenti del fronte democratico, in un'elezione caratterizzata da un'alta affluenza accolta con una certa freddezza dal regime di Pechino.

I 70 seggi del Consiglio legislativo sono eletti con un sistema multiplo che consente ai cittadini di eleggerne 35. Altri 30 sono vengono nominati da grandi elettori corporativi, mentre i restanti 5 sono considerati super seggi aperti solo a gruppi professionali.

From student leader to legislator, Nathan Law Kwun-chung transformed himself into one of the most popular Legislative Council candidates this year – and the youngest ever elected.
That title was previously held by veteran Democrat James To Kun-sun when he was elected in 1991 at the more advanced age of 28.

The 50,818 votes that swept Law into a legislative seat on Hong Kong Island reflected "support as well as trust" he said on Monday as he celebrated the first electoral victory of a student leader of the 2014 Occupy protests.

Law, who now heads the new Demosisto political party, became secretary-general of the Federation of Students following the 79-day pro-democracy movement in the city two years ago. He was one of five student leaders back then who sat at the negotiating table opposite Hong Kong's leading officials, led by Chief Secretary Carrie Lam Cheng Yuet-ngor.

L'architettura della città fantasma cinese 13.04.16

La città fantasma di Kangbashi

La città fantasma di Kangbashi

La città fantasma di Kangbashi

La città fantasma di Kangbashi

La città fantasma di Kangbashi

Viaggio a Kangbashi, l'immensa città fantasma progettata per ospitare oltre un milione di persone nella provincia della Mongolia Interna e che oggi è praticamente deserta, fotografata da Raphael Olivier.

In the early 2000s, Chinese government officials poured over $1 billion into the development of the city, several miles south of Ordos in Inner Mongolia. The result, according to French photographer Raphael Olivier, is a "very beautiful city, full of contradictions."

Drawn to the "post-apocalyptic" feel generated by the juxtaposition of vacant, large-scale buildings and the surrounding desert, Olivier documented the ghost town and its partially complete architectural marvels.

Sciopero cinese 30.03.16

Mappa degli scioperi in Cina

Grafico degli scioperi in Cina

La crescita esponenziale degli scioperi in Cina, potenziale fattore di instabilità che preoccupa il regime di Pechino, in due grafici.

From 2011 to 2013, China Labor Bulletin (CLB), a Hong Kong-based workers' rights group, recorded around 1,200 strikes and protests across the country. In 2014 alone, there were more than 1,300 incidents.

The following year, that number rose to over 2,700 — more than one a day in Guangdong province — a pattern that has continued into 2016.

A glance at the map of incidents shows no province of China unaffected by strikes or worker protests, a far sight from the image of technocratic control and permanent growth that the ruling Communist Party likes to present to the world.

"The fundamental cause has been the systematic failure of employers to respect the basic rights of employees, such as being paid on time and receiving their legally mandated benefits, and the failure of local government officials to enforce labor law," according to CLB.

Come riconoscere i punti di riferimento di Pechino attraverso lo smog 08.12.15

Lo smog a Pechino e i monumenti invisibili disegnati

Contorni disegnati. La realtà aumentata alla maniera degli abitanti di Pechino per individuare grattacieli e monumenti nello skyline della città avvolta dallo smog.

La Pechino di Blade Runner 28.11.15

Inquinamento a Pechino come in Blade Runner

Ancora una giornata alla Blade Runner per la capitale cinese. Alla vigilia della conferenza sul clima COP 21, a Pechino i livelli di particelle inquinanti fanno registrare valori 15 volte superiori alla soglia sopportabile dall'uomo.

Il piano quinquennale che voleva essere virale 27.10.15

Il video kitsch della propaganda del regime di Pechino, prodotto dall'equivoco Fuxing Road Studio, per annunciare il 13esimo piano quinquennale cinese. Il shi san wu citato nel testo, ovvero 13.5.

Psichedelico.

Il cielo di Pechino con parata e senza parata 04.09.15

Pechino senza smog e con prima e dopo una parata militare

L'APEC blue è tornato in occasione della parata militare per il 70esimo anniversario della fine della campagna del Pacifico durante la Seconda Guerra Mondiale.
Un cielo terso nei giorni precedenti alla parata che poi ha subito lasciato spazio al consueto colore smog una volta termita.

Dismaland, China edition 27.08.15

Parco di divertimenti abbandonato in Cina

Stefario Cerio ha documentato nella serie fotografica Chinese Fun lo stato di abbandono di numerosi parchi divertimenti in Cina, costruiti sull'euforia della bolla immobiliare.

Ehi cara guarda, un altro Lunedì Nero 24.08.15

La crisi di fiducia nella leadership economica di Pechino legata al peggioramento dei dati economici, ai tassi di interesse drogati, alla svalutazione dello yuan e alla fuga di capitali dalla Cina con shock finanziario globale, raccontata in 10 articoli.

China stock market crash: worst day's trading in Europe since 2011. The Guardian.

Stocks pare losses but market upheaval continues. The New York Times.

Why are global stock markets tanking? The Atlantic.

China's latest stock market crash: the basics. Vox.

Between June 2014 and June 2015, China's Shanghai Composite index rose by 150 percent. A big reason for the stock market rally was that a lot of ordinary Chinese people began investing in the stock market for the first time... Earlier this year, the authorities became concerned that the stock market's rise had become unsustainable. So they began to tighten limits on debt-financed stock market speculation. The stock market peaked in June and then began to fall quickly.

Market Correction: CNBC Explains. CNBC.

A correction is a decline or downward movement of a stock, or a bond, or a commodity or market index. The amount of the decline is at least 10 percent and a true correction exceeds that amount. In short, corrections are price declines that stop an upward trend... Stocks, bonds, commodities, and everything else traded on the markets never move in a straight line, either up or down. At some point their value will change--for better or worse.

It's Back to 2008 for Europe stocks as DAX enters bear market. Bloomberg.

China's stock market crash... in 2 minutes. CNN.

Market mayhem. Business Insider.

Three cheers for the plunging stock market. Fusion.

It's 1929 in China. Or 1989. Quartz.

Nervi saldi e niente panico.

Allevi di Natale 28.12.08

Sono uscito dal Senato alle 15.30, con in tasca una cravatta rossa. Me l'ha regalata un bambino, che era venuto con i genitori per assistere al concerto: - Tienila Giovanni, è tua. L'ho messa per te, per la prima volta in vita mia -

Mi sento di dire che Ughi non aveva tutti i torti.

Hong Kong non è la Cina 13.07.15

Illustrazione sl perché Hong Kong non è la Cina

Illustrazione sl perché Hong Kong non è la Cina

Illustrazione sl perché Hong Kong non è la Cina

Guida minima alle differenze sociali e culturali tra Hong Kong e la Cina in una serie di infografiche di Local Studio.

Breve guida su Xi Jinping 03.04.15

Il leader cinese raccontato sulle pagine del New Yorker.

Before Xi took power, he was described, in China and abroad, as an unremarkable provincial administrator, a fan of American pop culture ("The Godfather," "Saving Private Ryan") who cared more about business than about politics, and was selected mainly because he had alienated fewer peers than his competitors. It was an incomplete portrait. He had spent more than three decades in public life, but Chinese politics had exposed him to limited scrutiny. At a press conference, a local reporter once asked Xi to rate his performance: "Would you give yourself a score of a hundred--or a score of ninety?" (Neither, Xi said; a high number would look “boastful,” and a low number would reflect "low self-esteem.")

But, a quarter of the way through his ten-year term, he has emerged as the most authoritarian leader since Chairman Mao. In the name of protection and purity, he has investigated tens of thousands of his countrymen, on charges ranging from corruption to leaking state secrets and inciting the overthrow of the state. He has acquired or created ten titles for himself, including not only head of state and head of the military but also leader of the Party's most powerful committees--on foreign policy, Taiwan, and the economy. He has installed himself as the head of new bodies overseeing the Internet, government restructuring, national security, and military reform, and he has effectively taken over the courts, the police, and the secret police. "He's at the center of everything," Gary Locke, the former American Ambassador to Beijing, told me.

L'accordo sul nucleare iraniano spiegato in breve 02.04.15

Il riassunto di Vox sull'accordo quadro tra l'Iran e i 5+1 per rimandare di qualche lustro la minaccia atomica di Teheran.

An important note: the deal is not yet finalized, and it is not particularly detailed. Thursday's announcement is only for the basic framework. Negotiators will continue to meet over the coming months to develop a complete, detailed agreement based on these terms. The deadline is June 30, but negotiations could collapse before then. However, this is a major step toward reaching a full agreement and thus potentially ending the world's yearslong standoff with Iran over its nuclear program.

La Cina rallenta 14.03.15

Cause ed effetti del rallentamento dell'economia cinese spiegati dall'Economist.

Whereas previous leaders propped up growth whenever it slowed, Xi Jinping, China's president since 2013, has instead spread the gospel of the "new normal", by which he means less emphasis on growth and faster structural reform. The central bank has been hesitant to ease monetary policy. Changes to fiscal rules have made it harder for local governments to spend money. With consumer-price inflation running at a five-year low of 1.1% and producer prices deep in deflation, there is a case to be made that China's economy, restrained by the government, is performing below its potential. The good news is that neither the cyclical nor the policy explanations for China's slowdown are permanent. As the cycle turns and policy changes, the outlook should improve. But the structural shifts in the Chinese economy are a different story. They will cap any rebounds. Double-digit growth is most certainly a relic of China's past.

Hong Kong prima e dopo la rivoluzione degli ombrelli 05.03.15

Dmitry Vazhnik ha visitato Hong Kong nel febbraio dello scorso anno e di nuovo a novembre durante le proteste di piazza per la democrazia nell'ex colonia britannica. Questo è il time lapse che ha catturato con la sua Canon 5D Mark III.

Sabbie mobili asiatiche 04.03.15

Aumentano le dispute territoriali nel sud-est asiatico causate dalle opere di bonifica per strappare nuove terre al mare. L'alterazione artificiale delle coste di isole e scogli o la loro stessa creazione viene usata come grimaldello nel tentativo di scardinare i trattati internazionali e rivendicare nuovi confini marittimi. Più che altro dalla Cina.

China may hope that by filling in the sea around rocks of all sorts it can upgrade their legal status. After all, once the work is done, it would be hard to prove where the original feature began and ended. More likely, however, China simply sees merit in the old saw that possession is nine-tenths of the law. Building on these features offers practical benefits for Chinese coastguards, fishermen and the navy and air force--and it bolsters China's territorial claim with an enhanced physical presence.

Siate gregge 20.02.15

In the coming year, I hope that all people in Hong Kong will take inspiration from the sheep's character and pull together in an accommodating manner.

La non felicissima frase del Chief Executive di Hong Kong Leung Chun-ying, allineato al regime di Pechino e soprannominato dagli oppositori "il lupo", pronunciata durante le celebrazioni del Capodanno cinese, che aprono l'anno della pecora, a poche settimane dalla crisi delle manifestazioni di piazza in favore della democrazia.

1 TB di morbidezza 02.10.08

Western Digital My Book 1 TB

Quando un backup ti salva la giornata.

Memi cinesi 19.12.14

Quartz ha raccolto i più evocativi e diffusi memi su internet in Cina per analizzare le paure, le speranze e le aspettative dei cinesi.

In 2014, Chinese president Xi Jinping's crackdown on corrupt officials and activists grew harsher. Pollution, food safety worries, the threat of a real estate collapse, and a slower growing economy remained high on everyone’s list of worries. And if you look closely, the memes and slang that have emerged from Chinese social media this year reflect some of those concerns.

One consistent theme seems to reflect a growing dissatisfaction with the country's growing inequality, not just in terms of wealth but also politically and socially. "Memes in China continue to show a preoccupation with members of the privileged upper class and those who are so unburdened as to live their lives in this way--[for example], the privileged pretty boy who is to be absolved from all worldly worries," Marcella Szablewicz, an assistant professor in communications at Pace University in New York, told Quartz.

Volano coltelli 12.09.08

La vicenda di Stefano Bonilli licenziato dal Gambero Rosso.

Hong Kong due mesi dopo in foto 30.11.14

Le proteste a Hing Kong contro il regime di Pechino

Le proteste a Hing Kong contro il regime di Pechino

Le proteste a Hing Kong contro il regime di Pechino

Le proteste a Hing Kong contro il regime di Pechino

I movimenti per la democrazia e il suffragio universale a Hong Kong sono ancora lì, oltre due mesi dopo l'inizio della protesta contro la decisione del regime di Pechino di imporre alle prossime elezioni per la carica di chief executive dell'ex colonia britannica una lista di candidati preselezionati dal Partito Comunista.

L'appassionata fermezza della volontà democratica contro la pazienza inamovibile del regime cinese. Il seme del futuro della Cina.

L'accordo sul clima tra USA e Cina 12.11.14

Il piano di USA e Cina per ridurre le emissioni di gas inquinanti entro il 2030 seguendo il solco già tracciato dagli stringenti obiettivi posti dall'Unione Europea.

As part of the agreement, Mr. Obama announced that the United States would emit 26 percent to 28 percent less carbon in 2025 than it did in 2005. That is double the pace of reduction it targeted for the period from 2005 to 2020.

China's pledge to reach peak carbon emissions by 2030, if not sooner, is even more remarkable. To reach that goal, Mr. Xi pledged that so-called clean energy sources, like solar power and windmills, would account for 20 percent of China's total energy production by 2030.

La villa senza pretese 22.08.08

Ironia involontaria del Corriere?

Il premier acquista a Symi, l'isola del Dodecaneso tra Rodi e la Turchia, una villa senza pretese, sull'onda dell'austerity.

Altri 60 giorni 19.08.08

MobileMe mi sta dando grandi soddisfazioni.
Non fosse altro perché continuano ad estendere il periodo di prova gratuito.

L'intelligenza non basta 15.08.08

Michele Serra intervistato da Claudio Sabelli Fioretti.

"Sarebbe giusto porsi il problema della misura. Io sono stato educato da una famiglia liberale e da un partito comunista. Il risultato è che quando leggo un'intervista a Fabrizio Corona rimango sconvolto."

La rivoluzione degli ombrelli a Hong Kong spiegata in due minuti 02.10.14

Gli ombrelli usati per difendersi dai gas lacrimogeni sparati dalla polizia sono diventati il simbolo delle proteste a Hong Kong.
Vox in due minuti prova a riassumere la genesi del movimento per la democrazia che tiene in scacco uno dei principali poli finanziari mondiali in attesa di capire quale sarà la reazione del regime di Pechino alle sfida portata dalle istanze dei manifestanti, alla luce anche di un ipotetico e temuto allargamento della disobbedienza civile in altre città della Cina continentale.

Le proteste a Hong Kong riprese dai droni 30.09.14

L'onda democratica, pacifica e immensa ripresa dai droni che hanno sorvolato le manifestazioni del 28 settembre e del 29 settembre a Hong Kong contro la stretta autoritaria del regime di Pechino.

Quelli del biscotto 13.08.08

Ora mi spiego il perché di tante polemiche e critiche su un presunto, e ovviamente non verificatosi, "biscotto" tra Paesi Bassi e Romania all'europeo.
Avevamo la coda di paglia.

Sarà il caso di incatenare la tomba di de Coubertin.

Hong Kong e la battaglia per la democrazia in 5 punti 28.09.14

Le frizioni tra l'accelerazione autoritaria di Pechino e il desiderio di una democrazia compiuta per Hong Kong spiegate in 5 punti da Katie Hunt per comprendere i motivi delle manifestazioni degli studenti in atto nell'ex colonia britannica.

Rumore di fondo 11.08.08

Voices from the suburban blogosphere

Voices from the suburban blogosphere.

La pista di atletica ad angoli retti 31.07.14

Per accelerare i tempi di ristrutturazione in vista dell'imminente ispezione dei leader del partito comunista cinese, le strisce dello stadio di atletica della città di Tonghe Xian sono state dipinte ad angolo retto. Perfette per corridori automan.

Difetti congeniti 28.06.08

Il grido di dolore di Tisbe sulla caduta di Kilombo.

Paiono evidenti alcune somiglianze con quanto sta avvenendo all'interno del PD.

iPhone senza esserlo 10.06.08

L'iPhone 2.0 di Apple

L'iPhone 2.0 è un ottimo internet tablet. Leggero, versatile, performante.
Da avere se si ha la necessità di essere seriamente always on e con la comodità di portarsi appresso anche il più avanzato iPod sulla piazza. Punto.

Un cellulare, inteso con le caratteristiche di un dispositivo di ultima generazione, è un'altra cosa. Almeno in questa metà del 2008.

Ovviamente lo prenoterò quanto prima.

Ah, mi raccomando. Continuate a dare retta ai rumors.

Tiananmen 1989 in foto 04.06.14

Piazza Tiananmen 1989

Piazza Tiananmen 1989

Piazza Tiananmen 1989

L'ambizione di una riforma democratica della Cina e il massacro raccontati dagli scatti del reportage fotografico di Stuart Franklyn da Piazza Tiananmen.

La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando.

Zhao Ziyang, l'allora segretario generale del Partito Comunista Cinese, l'unico oppositore nel politburo alla strage e per questo epurato dal regime di Pechino.

Il discorso che cambiò la storia della Cina 03.06.14

Il discorso con cui Deng Xiaoping (all'epoca presidente della Commissione militare centrale) convinse gli Otto Immortali, i membri più longevi, potenti e influenti del Partito Comunista Cinese, a dare il via oggi, 25 anni fa, a uno dei più sconvolgenti massacri di civili della storia. La strage degli studenti, intellettuali e operai riuniti da cinque settimane in piazza Tiananmen per chiedere al regime di Pechino riforme democratiche.

Comrade Xiannian is correct. The causes of this incident have to do with the global context. The Western world, especially the United States, has thrown its entire propaganda machine into agitation work and has given a lot of encouragement and assistance to the so-called democrats or opposition in China -- people who are in fact are the scum of the Chinese nation. This is the root of the chaotic situation we face today.

When the West stirs up turmoil in other countries, in fact it is playing power politics -- hegemonism -- and is only trying to control those other countries, to pull into its power sphere countries that were previously beyond its control. Once we're clear on this point, it's easier to see the essential nature of this issue and to sum up certain lessons. This turmoil has taught us a lesson the hard way, but at least we now understand better than before that the sovereignty and security of the state must always be the top priority. Some Western countries use things like "human rights," or like saying the socialist system is irrational or illegal, to criticize us, but what they're really after is our sovereignty. ...

Two conditions are indispensable for our development goals: a stable environment at home and a peaceful environment abroad. We don't care what others say about us. The only thing we really care about is a good environment for developing ourselves. So long as history eventually proves the superiority of the Chinese socialist system, that's enough. We can't bother about the social systems of other countries.

Imagine for a moment what could happen if China falls into turmoil. If it happens now, it'd be far worse than the Cultural Revolution. Back then the prestige of leaders like Chairman Mao and Premier Zhou [Enlai] still loomed. We talked about "full-scale civil war," but actually no large-scale fighting took place, no true civil war ever happened.

Now it's different, though. If the turmoil keeps going, it could continue until Party and state authority are worn away. Then there would be civil war, one faction controlling parts of the army and another faction controlling others. If the so-called democracy fighters were in power, they'd fight among themselves. Once civil war got started, blood would flow like a river, and where would human rights be then? ...

On the topic of mistakes, we indeed have made them. I said two years ago that our biggest mistake was in education. we haven't educated our kids and students enough. A lot of thought work has been neglected, and a lot of things have not been made clear. Some people, like [former Chinese premier who visited the protests] Zhao Ziyang, have even joined the side of the turmoil, which makes it even more our own faults that people misunderstood.

We must cast a sober and critical eye upon ourselves, review the past while looking to the future, and try to learn from experience as we examine current problems. If we do this, it's possible a bad thing could turn into a good one. We could benefit from this incident.

A majority of the people will sober up, too. After we put down the turmoil, we'll have to work hard to make up all those missed lessons in education, and this won't be easy. It'll take years, not months, for the people who demonstrated and petitioned to change their minds. We can't blame the people who joined the hunger strike, demonstrated, or petitioned. We should target only those who had bad intentions or who took the lead in breaking the law. Education should be our main approach to the student, including the students who joined the hunger strike.

This principle must not change. We should set the majority of the students free from worry. We should be forgiving toward all the students who joined marches, demonstrations, or petitions and not hold them responsible. We will mete out precise and necessary punishments only to the minority of adventurers who attempted to subvert the People's Republic of China.

We cannot tolerate turmoil. We will impose martial law again if turmoil appears again. Our purpose is to maintain stability so that we can work on construction, and our logic is simple: with so many people and so few resources, China can accomplish nothing without peace and units in politics and a stable social order. Stability must take precedence over everything. ...

No one can keep China's reform and opening from going forward. Why is that? It's simple: without reform and opening our development stops and our economy slides downhill. Living standards decline if we turn back. The momentum of reform cannot be stopped. We must insist on this point at all times.

Some people say we allow only economic reform and not political reform, but that's not true. We do allow political reform, but one condition: that the Four Basic Principles [of Marxist ideology and Communist Party rule] are upheld.

We can't handle chaos while we're busy with contradiction. If today we have a big demonstration and tomorrow we have a great airing of views and a bunch of wall posts, we won't have any energy left to get anything done. That's why we have to insist on clearing the square.

Firefox 3 08.06.08

Le nuove caratteristiche di Firefox 3 raccontate dallo screencast di Mike Beltzner.

Megalopoli Pechino 14.04.14

Per risolvere gli endemici problemi della capitale cinese legati al devastante inquinamento, all'immigrazione, alle richieste di alloggi a prezzi calmierati, al caotico traffico privato e alla scarsità delle risorse idriche, il governo di Pechino ha un piano per trasformarla in una megalopoli gigantesca unendola a Tianjin e ad aree della provincia di Hebei. La Grande Pechino, o Jing-Jin-Ji dalla crasi dei nomi delle tre regioni, supererebbe così la superficie dell'Uruguay, raggiungendo una popolazione di oltre 100 milioni di abitanti.
In fondo cosa può andare storto con il gigantismo cinese?

Officials believe that integrating the three areas will help alleviate traffic, population, and housing pressure in Beijing, which is struggling with air pollution, water scarcity, and a flood of migrant workers. Last month, officials said that some administrative bodies in Beijing would be offloaded to Baoding, a nearby medium-sized city in Hebei. Other initiatives range from a joint plan for improving air quality to expanding transportation links so that more families opt to live outside Beijing, easing demand for housing in the capital.

81 proverbi cantonesi 03.04.14

81 proverbi cantonesi in un'illustrazione

L'artista Ah To ha raccolto in un'unica illustrazione 81 proverbi della tradizione cantonese e di Hong Kong. La traduzione su Cantonese Resources.

"The Great Canton and Hong Kong Proverbs" In 1559, Dutch artist Pieter Bruegel created the oil painting "Netherlandish Proverbs" which illustrates many Dutch proverbs to praise the Dutch culture. In 2014, Ah To imitated the idea and created "Great Canton and Hong Kong proverbs" illustrating 81 Cantonese proverbs to propagate the Cantonese culture and defend Cantonese.

Un tramonto virtuale a Pechino 20.01.14

Megaschermo a Pechino mostra il tramonto per pubblicità

Gli abitanti di Pechino soffocati dalla frequente cappa di smog vengono costantemente privati della bellezza dei tramonti, ma l'installazione di uno schermo gigante che trasmette un tramonto virtuale non è frutto dell'attenta pianificazione del Partito volta alla felicità collettiva, quanto un più banale messaggio pubblicitario.

La foto comunque è stata scattata il 16 gennaio, una giornata in cui il livello di PM2,5 (le polveri sottili) ha raggiunto i 671 microgrammi per metro cubo, dove il limite stabilito dall'Organizzazione Mondiale della Sanità è fissato a 25.

Superare la politica del figlio unico 15.11.13

Tentativi di rinnovamento a Pechino. Dopo decenni il regime ha deciso di ammorbidire la politica del figlio unico che ha creato più problemi di quanti ne intendesse risolvere e lasciando il paese alle prese con un drammatico invecchiamento della popolazione e un abnorme disparità demografica tra maschi e femmine. Ora sarà permesso alle alle coppie nelle quali uno dei due è figlio unico e che vivono in aree urbane di avere due figli.
Un passo avanti sulla strada dei diritti umani a cui si sommano la graduale abolizione dei campi di lavoro forzati e la riduzione dei reati punibili con la pena di morte.

Le riforme varate dal comitato centrale a guida Xi Jinping più in generale spingono verso una moderata apertura agli investitori esteri e alla competizione interna. Ora resta da capire quanto saranno profonde e quale sarà le tempistiche della loro attuazione.
Su questi due aspetti si gioca il futuro della Cina e del regime.

La Cina ha un problema con la ketamina 10.10.13

Motherboard racconta l'abnorme diffusione della ketamina in Cina tanto da rendere il sud del paese l'epicentro mondiale del consumo e della produzione dell'anestetico dissociativo per uso veterinario ed umano, sviluppato dalla Parke-Davis nel 1962 e inizialmente usato per sedare i soldati americani nell guerra del Vietnam.

La democrazia è un pericolo 20.08.13

Communist Party cadres have filled meeting halls around China to hear a somber, secretive warning issued by senior leaders. Power could escape their grip, they have been told, unless the party eradicates seven subversive currents coursing through Chinese society.

hese seven perils were enumerated in a memo, referred to as Document No. 9, that bears the unmistakable imprimatur of Xi Jinping, China’s new top leader. The first was "Western constitutional democracy"; others included promoting "universal values" of human rights, Western-inspired notions of media independence and civic participation, ardently pro-market “neo-liberalism," and "nihilist" criticisms of the party's traumatic past.

Even as Mr. Xi has sought to prepare some reforms to expose China's economy to stronger market forces, he has undertaken a "mass line" campaign to enforce party authority that goes beyond the party’s periodic calls for discipline. The internal warnings to cadres show that Mr. Xi's confident public face has been accompanied by fears that the party is vulnerable to an economic slowdown, public anger about corruption and challenges from liberals impatient for political change.

"Western forces hostile to China and dissidents within the country are still constantly infiltrating the ideological sphere," says Document No. 9, the number given to it by the central party office that issued it in April. It has not been openly published, but a version was shown to The New York Times and was verified by four sources close to senior officials, including an editor with a party newspaper.

Per le dittature. Tra cui quella di Pechino come spiega nel dettaglio Xi Jinping, presidente della Repubblica Popolare Cinese.

Come i cinesi ricordano l'anniversario di piazza Tienanmen sui social network 04.06.13

Papere giganti gialle per simboleggiare piazza Tienanmen

In un paese in cui la censura è parte integrante della vita e pilastro del regime allora anche citare una data o un luogo può essere compromettente, così il 4 giugno 1989 può diventare il 35 giugno e il ricordo dell'anniversario del massacro di piazza Tienanmen si trasforma sui social network cinesi in poesie, fumetti e immagini metaforiche.

Amo il mio Paese, ma metto in guardia il mio governo; i diritti umani sono più importanti dei diritti di sovranità; la libertà è più concreta del nazionalismo; la legge più affidabile di un presidente; la vita della politica... l'istruzione dà speranza; i cittadini ammoniscono il governo e ne criticano le politiche: questo è patriottismo.

Il virus H7N9 05.04.13

Una probabile nuova epidemia di influenza aviaria sta preoccupando Shanghai e la Cina orientale, tra notizie delle prime morti confermate, carcasse di maiali nel fiume Huangpu e la decisione delle autorità di sopprimere i volatili a Huhuai, il principale mercato di pollame della regione.
La nuova minaccia si chiama H7N9.

I colori dell'inquinamento a Pechino 18.03.13

Inquinamento a Pechino

Una documentazione visiva dei livelli di inquinamento della capitale cinese nelle immagini scattate dal fotoreporter Wei Yao durante i giorni del Congresso Nazionale del Popolo.

L'unico voto contro Xi Jinping 14.03.13

Xi Jinping come previsto è stato eletto nuovo presidente della Cina durante la seduta plenaria dell'Assemblea Nazionale del Popolo. Il risultato è stato di 2.952 voti favorevoli e 1 contrario.
Ovviamente sconosciuta l'identità del deputato dissidente.

Passaggio a nord est 23.06.07

Tappa Savona - Canazei (via Bolzano / Val Gardena)
500 km

Piazza Walther e il Duomo (Bolzano)
Piazza Walther e il Duomo (Bolzano)

Il Duomo da Piazza Duomo (Bolzano)
Il Duomo da Piazza Duomo (Bolzano)

Particolare del Duomo (Bolzano)
Particolare del Duomo (Bolzano)

Il centro storico (Bolzano)
Il centro storico (Bolzano)

Il Monumento alla Vittoria (Bolzano)
Il Monumento alla Vittoria (Bolzano)

La cyberguerra cinese 19.02.13

Il New York Times racconta i retroscena della Unit 61398, i cybersoldati di Pechino dietro agli attacchi e allo spionaggio contro gli Stati Uniti, l'Unione Europea e numerose aziende internazionali.

On the outskirts of Shanghai, in a run-down neighborhood dominated by a 12-story white office tower, sits a People's Liberation Army base for China's growing corps of cyberwarriors.

The building off Datong Road, surrounded by restaurants, massage parlors and a wine importer, is the headquarters of P.L.A. Unit 61398. A growing body of digital forensic evidence -- confirmed by American intelligence officials who say they have tapped into the activity of the army unit for years -- leaves little doubt that an overwhelming percentage of the attacks on American corporations, organizations and government agencies originate in and around the white tower.

[...] Unit 61398 -- formally, the 2nd Bureau of the People's Liberation Army's General Staff Department's 3rd Department -- exists almost nowhere in official Chinese military descriptions. Yet intelligence analysts who have studied the group say it is the central element of Chinese computer espionage. The unit was described in 2011 as the "premier entity targeting the United States and Canada, most likely focusing on political, economic, and military-related intelligence" by the Project 2049 Institute, a nongovernmental organization in Virginia that studies security and policy issues in Asia.

Twitter sotto attacco cinese 02.02.13

Twitter pensa che il tuo account sia stato compromesso da un sito internet o un servizio non associato a Twitter. Abbiamo reimpostato la tua password per evitare altri tentativi di accesso al tuo account da parte di questi servizi.

Gli hacker cinesi prendono d'assalto Twitter.
Quasi 250.000 account, tra cui il mio, sono stati compromessi.

Giungla tossica 01.02.13

Inquinamento a Pechino

L'Atlantic ha un'impressionante galleria fotografica per confrontare i livelli di inquinamento dell'aria in Cina.

Pechino come Blade Runner 21.01.13

Inquinamento a Pechino

L'impressionante inquinamento atmosferico fa assomigliare la capitale cinese allo skyline distopico di Blade Runner.

Il cielo sopra Pechino 15.01.13

Inquinamento sopra Pechino

Il 12 gennaio nella capitale cinese l'indice di qualità dell'aria, che rappresenta il valore dell'inquinamento atmosferico in una scala che va da 0 a 500, era stimato a 775. Un valore pari a 300 è considerato pericoloso per gli esseri umani. Lo stesso giorno a New York l'indice era a quota 19.
Intanto i produttori di purificatori d'aria fanno affari d'oro e i prezzi continuano a salire.

La richiesta d'aiuto dalla Cina 28.12.12

La lettera con la richiesta d'aiuto dalla Cina

Non si sa ancora se la lettera, una disperata richiesta di aiuto di un cittadino cinese rinchiuso in un laogai, rinvenuta da una donna in Oregon all'interno di una confezione di addobbi per Halloween sia autentica. Per Sophie Richardson, di Human Rights Watch, le condizioni dei detenuti nei campi di lavoro in Cina sono coerenti con il testo della lettera.

We're in no position to confirm the veracity or origin of this...

I think it is fair to say the conditions described in the letter certainly conform to what we know about conditions in... labor camps...

If this thing is the real deal, that's somebody saying, "Please help me, please know about me, please react." That's our job.

Parigi, Cina 23.11.12

Parigi ricostruita in Cina

Una perfetta replica di Parigi ricostruita nei pressi Shanghai. Tianducheng è uno dei simboli della bolla immobiliare cinese; una città nata per ospitare 100.000 persone con una popolazione di appena 2.000 abitanti.
La passione per l'Europa, l'ediliza e il plagio nella Cina moderna.

Come si governa la Cina 08.11.12

Nel giorno dell'apertura del 18esimo congresso del Partito Comunista Cinese l'Atlantic analizza il sistema piramidale di potere che governa la Cina.

The National People's Congress brings together some 2,000 delegates. Those representatives are responsible for choosing between 200 and 300 members of what's called the Central Committee of the Communist Party. Out of those, 24 ascend to the ultra-powerful Politburo, which in the past has been responsible for many of China's major decisions. But it doesn't end there. Above the politburo sits the country's highest decision-making body, the Politburo Standing Committee (PSC). It's effectively a seven-member inner cabinet staffed by China's most powerful individuals, who themselves are drawn from the 24-member politburo.

Just as with a Western cabinet, each of the PSC's members oversees a different policy domain. Xi Jinping, who's already a sitting member on the PSC, serves as vice chairman of the Communist Party's central military commission. Every member also represents a home district. In Xi's case, it's Shanghai.

Even though they're running the country, the president and premier are formally members of the PSC, and many of the decisions it makes have to be approved consensually. That means there's likely a lot of backchannel politicking ordinary Chinese don't get to see, much less Western observers.

La qualità dell'aria in Cina 18.10.12

Screenshot di China Air Daily

China Air Daily monitora la qualità dell'aria nelle principali metropoli cinesi confrontando dati e immagini con i corrispettivi di alcune città americane per sensibilizzare l'opinione pubblica cinese sul tema dell'inquinamento.
Un case study sulla difficile convivenza tra open data indipendenti e il regime di Pechino.

Il diritto alla casa in Cina 11.10.12

Amnesty International denuncia gli espropri forzati in Cina. Un fenomeno in rapida crescita che come tragica conseguenza vede l'aumento dei casi di autoimmolazione per protesta contro i risarcimenti inadeguati.

La Cina invecchia 21.09.12

La BBC propone uno speciale con infografiche che analizzano il tasso di invecchiamento della popolazione cinese come uno tra i più alti al mondo.
Entro il 2050 oltre il 25% degli abitanti avrà un'età superiore ai 65 anni con preoccupanti conseguenze sul sistema sanitario e assistenziale.

Senkaku mon amour 18.09.12

Nazionalisti cinesi rivendiacano le isole Senkaku

Il Guardian pubblica una galleria fotografica sulle violente proteste cinesi che vedono al centro la disputa territoriale sulle isole giapponesi Senkaku nel Mar Cinese Orientale.
Un nazionalismo di facciata motivato dai ricchi giacimenti marini di gas naturale e petrolio dell'arcipelago.

Come Weibo sta cambiando la Cina 11.08.12

Il clone cinese di Twitter sta aiutando a creare, per la prima volta nella storia del paese asiatico, una partecipazione pubblica e una spinta verso la trasparenza nel processo decisionale.

Weibo, China's microblog that's celebrating its third anniversary this month, offers a national platform for ordinary citizens to hold the powerful to account. In an instant, an ordinary citizen can launch a public debate or shame government and corporate officials by posting photos, videos, comments and messages. Weibo has some 350 million users, and China's leaders are torn between appreciating Weibo's capability to gauge public opinion and resisting public scrutiny, reports Beijing-based journalist Mary Kay Magistad. The microblog tool has opened a new battleground among Chinese authorities, internet companies and citizens – all testing the other's boundaries and resolve to criticize, censor and self-censor. Weibo has become the voice of millions of Chinese, stepping up to offer suggestions, some impulsive and others more organized, on their society's many challenges. Government officials are finding that rapid, reasonable response to valid criticisms is better received than censorship.

La Cina vista da Hong Kong 01.07.12

Proteste anti-cinesi a Hong Kong

Proteste anti-cinesi a Hong Kong

Proteste anti-cinesi a Hong Kong

Proteste anti-cinesi a Hong Kong

Centinaia di migliaia di persone hanno sfilato a Hong Kong durante la visita del presidente cinese Hu Jintao, in occasione del 15esimo anniversario del passaggio di sovranità dell'ex-colonia britannica a Pechino, chiedendo più democrazia e giustizia per i morti di Tiananmen.

Attualmente a Hong Kong - come anche a Macao - Pechino persegue la politica di un paese, due sistemi permettendo all'ex-colonia di godere di autonomia amministrativa, di una propria valuta (il dollaro di Hong Kong) e di un proprio dominio internet (.hk), affidando alla Cina solo la politica estera e la difesa.

Tienanmen come non l'avete mai vista 04.06.12

I soldati a Piazza Tienanmen nel 1989

I soldati a Piazza Tienanmen nel 1989

I soldati a Piazza Tienanmen nel 1989

L'attivista cinese Zhou Zola ha pubblicato queste impressionanti immagini che ritraggono soldati cinesi in Piazza Tienanmen dopo il massacro.
Le foto, scattate il 5 giugno 1989, appartengono alla moglie di uno dei militari che assediavano la piazza di Pechino.

Il pressapochismo di Saviano 22.05.12

China Files analizza le inesattezze e il pressapochismo nel raccontare la realtà dei laogai in Cina durante il monologo di Roberto Saviano a Quello che (non) ho.

Roberto Saviano, nell'ultima puntata della trasmissione Quello che (non) ho, ha parlato dei laogai, i campi di lavoro cinesi. Lo ha fatto portando anche la toccante testimonianza di Harry Wu, che in quei luoghi ha passato 19 anni della propria vita.

Vogliamo qui sottolineare che, quando si affrontano temi così gravi e importanti, è necessario informarsi e affrontare gli argomenti in modo da fornire a chi ascolta o legge gli strumenti necessari a riflettere e a crearsi una propria opinione. Si tratta di raccontare fatti e non di raccontare aneddoti commoventi.

Rinviare il congresso del Partito Comunista cinese 09.05.12

E' l'ipotesi che circola a Pechino. Rinviare il congresso, previsto tra settembre e ottobre, di qualche mese per permettere di ricomporre gli strappi interni sull'elezione dei rimanenti sette membri del politburo. I nomi del nuovo presidente Xi Jinping e del nuovo premier infatti non sarebbero in discussione.

Il primo maggio in Asia 30.04.12

China Files racconta la presa di coscienza e le lotte per i diritti dei lavoratori nei paesi emergenti asiatici, in occasione della Festa del lavoro.

I confini dell'Eldorado a basso costo asiatico si stanno stringendo. Se la crisi negli Stati Uniti e nel vecchio continente ha scaturito proteste su larga scala contro un sistema finanziario globale che impone rigore, disoccupazione e rinuncia di diritti storici alla manodopera del primo mondo, in Asia la voce dei lavoratori inizia a coprire l'etichetta di "fabbrica del mondo" imposta dall'alto.

Scioperi, sindacati, minimo salariale, maternità, mobilità, previdenza sociale: sono queste le parole chiave della sterminata forza lavoro asiatica. Dai giganti Cina ed India, passando per i paesi-orbita del miracolo economico asiatico, le classi dirigenti sono costrette a scendere a patti con le richieste dei veri artefici della crescita del Pil, ingolositi da un innalzamento dello stile di vita e decisi ad evitare ai propri figli un destino di sacrifici e sudore.

Il colpo di stato in Cina che non c'è stato 22.03.12

Le voci di un colpo di stato a Pechino sventato all'ultimo momento e collegato in qualche modo a Bo Xilai - l'ex influente segretario del partito comunista di Chongqing destituito il 15 marzo in seguito a un'inchiesta di corruzione - tradiscono una lotta spietata per il potere all'interno del regime comunista come non se ne vedeva da anni.

Il capitalismo visto dalle due sponde del Pacifico 14.03.12

Slate ha provato a capire quale tra il capitalismo americano e quello cinese è il migliore.

Who would have thought, five or 10 years ago, that we would be sitting here tonight even having this debate? What China has accomplished, as counterintuitive as it was, is pretty extraordinary.

La Cina e la crescita lenta 13.03.12

Nella Cina continentale le disuguaglianze e le tensioni politico-sociali sono diventate un problema pressante di stabilità interna a lungo termine.
La vertiginosa crescita economica degli ultimi decenni convince sempre meno milioni di cinesi della classe media che non hanno avuto accesso alla redistribuzione della ricchezza, tanto da far riconsiderare a Pechino i suoi obiettivi economici e politici nel medio periodo.

The central priority for the Chinese government is no longer simply about economic growth. Rather, the chief challenge is dealing with the sociopolitical tensions and inequalities that are products of that growth. On these two fronts, the Wen administration record has been far less than stellar. Moreover, facing the unprecedented ferocity of public opinion, the government is increasingly having its feet held to the fire on issues of social equality and quality of life...

... After 35 years of breathless expansion of the economy, the growth story is less compelling for the Chinese public. Growth alone is no longer the panacea that papers over structural problems or ensures political legitimacy of the regime.

Why? Because the Chinese public, particularly the rising middle class, has started to notice that for all the talk of the Chinese economic miracle, they have not miraculously grown wealthy. Some have indeed become obscenely rich, which only serves to reinforce the sentiment that the system is tilted towards the few and stacked against the many. Adding fuel to the fire is that those who have been blessed by the growth miracle happen to be the political class itself or just one degree removed...

... But it is the nearly 3,000 delegates of the NPC who broadly represent the establishment that has disproportionately benefited from China's economic pie. Of the thousands of delegates, 70 of the richest have a combined net worth of $90 billion, according to Bloomberg. To put that figure in context, it translates into more than $1 billion per delegate, while the average urban income is just $3,500 in 2011...

Il risveglio del cristianesimo in Cina 08.03.12

Secondo il regime di Pechino la religione cristiana può aiutare lo sviluppo economico e sociale del paese.
L'insegnamento morale assicura generazioni di bravi cittadini e imprenditori con un'etica del lavoro.

Entro i prossimi 30 anni il cristianesimo in Cina potrebbe raggiungere i 400 milioni di fedeli e una chiesa finanziata e seguita dal regime è più conveniente rispetto alla nascita di confessioni clandestine che sfuggono al controllo centrale.

La fragilità cinese 29.02.12

La bolla cinese raccontata da Michael Schuman.

[W]e can see the pieces of a crisis falling into place: excessive, misguided investment, including a giant property boom, propelled on by debt and the decisions of government bureaucrats. Sound familiar? A crisis, of course, is not inevitable - if China's leadership takes action and reorients the direction of the economy. The positive thing is that at least some top policymakers understand the need to change. In policy pronouncement after policy pronouncement, the government pledges to reform. The problem is that China's government is not taking its own advice. The economy needs to rebalance away from investment and exports to a more consumption-driven growth model with a primary focus on quality of growth, not high rates at any cost. That’s not happening, or not happening quickly enough.

Primavere cinesi 21.02.12

Corruzione, inquinamento ambientale, espropri e la questione tibetana sono le prime cause di un malessere sociale sempre più diffuso in Cina che sfocia immancabilmente in proteste di piazza.
Il reportage dell'Atlantic sulla pentola a pressione cinese.

La febbre cinese per Jeremy Lin 17.02.12

I cinesi impazziscono per il ragazzo prodigio della NBA Jeremy Lin, ma lui è per metà americano e per metà taiwanese.

In the span of barely a week, Lin looks on track to join Yao as a household name across China. He's currently on the front page of every major Chinese news portal, video-sharing site, and microblog. "Lin Shuhao," his Chinese name, topped China's Twitter clone Sina Weibo's trending topics with over 17 million tweets about him (and counting). Chinese fans who can't wait to get his official jerseys are ordering them on Taobao, China's most popular e-commerce site, to have sellers purchase them in the United States. Lin, who speaks decent but not fluent Mandarin, currently has more than 1.3 million followers on Weibo despite having only posted 58 times. "Though I don't really understand basketball, I really fall for you when you play," wrote a Weibo user named Daiqiluxxx, who called Lin "an ideal heroic Mr. Right" in another posting.

Chi è Xi Jinping 14.02.12

Il Guardian delinea il profilo di Xi Jinping, attuale vicepresidente cinese e con ogni probabilità successore di Hu Jintao alla guida del paese, questa settimana in visita negli Stati Uniti.

The Chinese vice-president's Valentine's Day meeting with Barack Obama is notable - as are his plans to catch a Los Angeles Lakers basketball game and to return to Muscatine, the tiny Iowa town he visited in 1985 as head of an animal feed delegation.

His activities suggest he is shaping an image very different from that of the current Chinese president, Hu Jintao.

While Hu is determinedly anonymous, Xi is "a big personality", according to those who have met him.

Migrazioni cinesi 27.12.11

Lavoratori cinesi in sciopero

Sottopagati, con turni di lavoro massacranti e nessun ammortizzatore sociale.
La sfida quotidiana per la sopravvivenza di milioni di cinesi immigrati dalle campagne verso le città documentata per immagini.

La fine del sogno cinese 22.12.11

Crisi economica, nepotismo, fine della meritocrazia e corruzione dilagante minacciano le ambizioni delle nuove generazioni di cinesi, insinuando una frustrazione strisciante e alimentando una crescente tensione sociale.

Nessuna Guerra Fredda con la Cina 09.12.11

La visione dell'amministrazione Obama sul rapporto con la Cina, secondo Joseph Nye.

American military forces do not aspire to "contain" China in Cold War fashion, but they can help to shape the environment in which future Chinese leaders make their choices. I stand by my testimony before the US Congress of 1995 in response to those who, even then, wanted a policy of containment rather than engagement: "Only China can contain China." If China becomes a bully in the Asia-Pacific region, other countries will join the US to confront it. Indeed, that is why many of China's neighbors have strengthened their ties with the US since 2008, when China's foreign policy became more assertive. But the last thing the US wants is a Cold War II in Asia. Whatever the two sides' competitive positions, Sino-American cooperation on issues like trade, financial stability, energy security, climate change, and pandemics will benefit both countries. The rest of the region stands to gain, too. The Obama administration's pivot towards Asia signals recognition of the region's great potential, not a clarion call for containment.

La causa tibetana 21.11.11

La monaca Palden Choesto è l'undicesima vittima tibetana, da marzo, a immolarsi dandosi fuoco per protestare contro la repressione cinese.

Scapoli cinesi 17.11.11

Entro i prossimi 20 anni tra i 30 e i 50 milioni di cinesi non potranno sposarsi per mancanza giovani donne.
Effetto della politica del figlio unico e della volontà atavica di portare avanti con più facilità gravidanze che diano alla luce figli maschi.

Gli 80 anni di Xinhua 15.11.11

La storia dell'agenzia giornalistica cinesa che fa della stabilità, dell'orientamento dell'opinione pubblica e dello sviluppo culturale le parole d'ordine.
Oggi stretta tra la censura imposta dal regime di Pechino e un ingombrante passato cerca una nuova verginità per esportare il suo prodotto oltre confine.

Diritto di reprimere 05.10.11

Il voto contrario di Russia e Cina alla risoluzione, proposta dall'Europa, che chiedeva la cessazione delle repressioni in Siria, dove le vittime sono ormai più di 2.700, evidenzia una volta ancora il problema di avere due dittature in seno al Consiglio di Sicurezza dell'ONU con diritto di veto.

La riforma in senso democratico delle Nazioni Unite è quanto mai urgente.

Le dieci leggende sulla politica cinese 05.10.11

Foreign Policy analizza dieci credenze sui rapporti tra Cina e USA.

Unicorns are beautiful, make-believe creatures. But despite overwhelming evidence of their fantastical nature, many people still believe in them. Much of America's China policy is also underpinned by belief in the fantastical: in this case, soothing but logically inconsistent ideas. But unlike with unicorns, the United States' China-policy excursions into the realm of make-believe could be dangerous. Crafting a better China policy requires us to identify what is imaginary in U.S. thinking about China.

Il clone cinese dello Skylab 29.09.11

E' decollato da Jiuquan il razzo Lunga Marcia II-F che depositerà in orbita il primo stadio, denominato Tiangong 1, della mini stazione spaziale cinese che ricalca il progetto americano Skylab degli anni '70.

Canzoni di regime 29.08.11

Nella lista delle 100 canzoni che il regime di Pechino ha vietato compaiono brani di Katy Perry, Madonna, Lady Gaga e Beyonce.

In Cina la rivoluzione partirà dai karaoke.

I brand visti dalla Cina 01.08.11

Apple Store e Ikea clonati in Cina

Dopo gli Apple Store fasulli è la volta di 11 Furniture, clone cinese dell'Ikea.

La mini stazione spaziale cinese 13.07.11

Si chiama Tiangong 1 e sarà il primo tentativo di realizzare una stazione spaziale cinese, sul modello dello Skylab americano.
Il primo modulo decollerà dal poligono di Jiuquan in autunno.

90 anni di grandi timonieri 01.07.11

Studentessa festita

I festeggiamenti per i 90 anni del Partito Comunista Cinese.

Un ponte di sedie 20.06.11

Un ponte di sedie per guadare l'alluvione

Un sesto della Cina è sott'acqua.

Facebook entra in Cina dalla porta secondaria 11.04.11

Facebook avrebbe siglato un accordo con Baidu, il principale motore di ricerca cinese, per lanciare un nuovo social network dedicato al paese asiatico e in linea con le severe norme censorie del regime di Pechino.
Un via forse poco ortodossa, ma nelle previsioni capace di aprire una crepa in un mercato, dominato dal rivale fotocopia Renren, di almeno 500 milioni potenziali nuovi utenti.

Gli interessi in Libia e l'intervento militare 21.03.11

C'è almeno un punto su cui il fronte dei pacifisti ha assolutamente ragione, gli interessi in Libia giocano un ruolo fondamentale. E questo vale per tutti gli schieramenti.

Se Russia, Cina, India, Germania e Brasile si sono astenute in Consiglio di Sicurezza alle Nazioni Unite lo hanno fatto non certo per amore della fratellanza dei popoli, ma altresì per specifici interessi economici e geopolitici.
La Russia ha ancora il dente avvelenato per aver dovuto rinunciare a milioni di euro di commesse militari in Libia.
La Cina mal sopporta le rivolte africane. La paura che la democrazia dilaghi mina la sua stabilità interna e rischia di indebolire la sua penetrazione nel continente.
L'India persegue la sua politica di neutralità terzista portata avanti sin dalla fine della seconda guerra mondiale alla testa dei paesi non allineati.
Il Basile ha sempre più bisogno di smarcarsi, senza contrapporsi frontalmente, dal potente alleato nordamericano per ritagliarsi il suo spazio di manovra come potenza regionale emergente.
In Germania si sente odore di elezioni.
In molti di questi paesi poi esistono forti componenti secessioniste che mosse dagli sviluppi politici nel mondo arabo potrebbrero generare nuove fonti di instabilità. Pensiamo alla Cecenia, agli Uiguri e al Tibet, solo per citare i più noti.
Persino nel nostro piccolo giardinetto recintato di prostitute e ricatti federalisti l'unico interesse della Lega Nord contro l'intervento militare è dettato dalla mera paura di ondate immigratorie.

Sarebbe stupido negare che anche l'occidente ha il suo interesse ad essere presente in Libia, ma non bisogna dimenticare che già da anni faceva affari con il rais di Tripoli e con enorme profitto.

L'intervento militare non è privo di rischi, ma è probabilmente la scelta più giusta - e forse tardiva - sul piatto delle opzioni.
La via politica e diplomatica è fallita per l'impermeabilità di Gheddafi alla trattativa. Più volte e da più parti pressioni e offerte di uscite di scena onorevoli sono state poste di fronte al rais e tutti conosciamo le sue risposte, un misto di minacce e farneticamenti.
La guerra civile mieteva vittime inermi ben prima che gli aerei della coalizione scaldassero i motori.
La no fly zone per essere imposta ha bisogno di smantellare la capacità dell'avversario di accedere liberamente al cielo e inibire i suoi tentativi di forzare il blocco, per questo è necessario rendere inoffensive basi, aerei, postazioni mobili e contraerea del nemico. E lo si fa sganciando bombe, disturbando le comunicazione e lanciando razzi.

Giovedì il colonnello Gheddafi era sul punto di schiacciare in modo definitivo la rivolta e aveva iniziato a mettere in pratica la minaccia di stanare e giustiziare i ribelli. Oggi il rischio maggiore è che lo scenario di guerra possa di nuovo impantanassi in uno stallo con una nuova, ma non decisiva, avanzata del fronte rivoluzionario.

La missione, al contrario della guerra del 2003 mossa contro Saddam Hussein, ha il preventivo avvallo delle Nazioni Unite, l'esplicita richiesta dei rivoltosi e il benestare della Lega Araba con tanto di aerei del Qatar che prendono parte all'operazione Odyssey Dawn. I recenti ripensamenti di quest'ultima vanno letti nell'ambito della strategia di tenere il piede in due staffe: non scontentare i popoli arabi desiderosi di riforme e democrazia, ma neppure gettare troppa enfasi sull'invio della cavalleria. In fondo molti dei membri del consesso sono alle prese con manifestazioni analoghe e rivolte interne che potrebbero degenerare e richiedere nuovi interventi mirati.
Qui non si tratta di esportare la democrazia bensì di proteggere un popolo che ha chiesto il nostro aiuto per mettere fine ai massacri, gettando quindi le basi per attuare in futuro quelle riforme che creino le potenzialità per un ripristino dei diritti umani.

Restano i dubbi se l'intervento militare sortirà gli effetti previsti, come anticipato prima non è detto che i ribelli siano in grado di sconfiggere le truppe lealiste sul campo. Eppure proprio l'intervento potrebbe sortire effetti prima insperati di nuove e determinanti defezioni tra le file del regime. E se anche tutto dovesse concludersi per il meglio rimane il dubbio su quale volto assumerà la Libia di domani. Anche se a bocce ferme un mondo in cui Gheddafi non può più nuocere è sempre preferibile a quello in cui il colonnello ha in mano le leve del comando.

Restare a guardare il massacro libico senza alzare un dito sarebbe, al netto di ogni interesse, ignavia.
Reiterare gli errori di un passato di disimpegno di fronte a massacri di civili, basti pensare al Ruanda, sarebbe stato inaccettabile.

La grande muraglia verde cinese 10.03.11

Dopo l'Africa è la volta della Cina.
Trecento milioni di alberi saranno piantati nella regione dell'Hebei, al confine con la Mongolia, per proteggere Pechino dall'avanzata del deserto.

La foresta, di 250 mila chilometri quadrati di superficie, sarà la più vasta dell'Asia. Il progetto Bosco del millennio costerà circa 7 miliardi di euro.

I gelsomini che spaventano la leadership cinese 02.03.11

Per domenica prossima è prevista una nuova pacifica dimostrazione in cento città cinesi sull'onda della rivoluzione del gelsomini.
Una prospettiva che nonostante l'assenza di una concreta minaccia al regime di Pechino ne terrorizza i paranoici vertici, preoccupati più dalle potenzialità che dai numeri, al punto di decidere una nuova stretta su libertà civili, internet e dissidenti.

La rivoluzione dei gelsomini 20.02.11

Tredici manifestazioni pacifiche a sostegno della democrazia in altrettante città cinesi.
L'onda lunga contro i regimi dittatoriali e corrotti che sta dilagando nel mondo arabo non lascia indifferente il gigante asiatico.

Bastava tenere in mano un gelsomino da Pechino a Shanghai per sentirsi più liberi.
Il governo centrale ha immediatamente minimizzato l'accaduto, mentre la polizia faceva sgomberare i manifestanti.

La visita di stato del presidente Hu in America 19.01.11

I presidenti Obama e Hu si avviano al palco

Il liveblogging di NationalJournal.

[DOC] Header: come leggerli. Versione 2.0 16.12.04

A tempo record sono risucito a ultimare la revisione del documento sugli header dei post inviati su usenet.

Il documento è disponibile oltre che sul web, anche in formato .doc, .pdf, .txt e .rtf.

Raggiungibile anche su usenet in quanto postato sui newsgroup it.faq e it.news.aiuto

Il caccia stealth cinese 05.01.11

Il J-20, primo cacciabombardiere stealth cinese

Dovrebbe chiamarsi J-20 e sarebbe il primo cacciabombardiere stealth dell'aeronautica militare cinese, la brutta copia degli F-22 e F-35 americani e del T-50 russo. Domani il volo inaugurale dalla base aerea di Chengdu.

Secondo gli analisti militari saranno necessari almeno altri dieci o quindici anni prima che la Cina sia in grado di eguagliare gli attuali cacciabombardieri americani per numero e potenzialità.

Scoprire la Cina grazie al renminbi 05.01.11

Le tre gole e la banconota da 10 yuan

Sfruttare le raffigurazioni sulle banconote cinesi per scoprire e visitare il paese.
La Cina tra siti UNESCO e paesaggi iconici.

Le società di VOIP straniere non potranno più operare in Cina? 30.12.10

Secondo il People's Daily il ministro cinese dell'industria e delle comunicazioni avrebbe dichiarato tutti i servizi VOIP, non offerti dalle due aziende statali China Telecom e China Uniom, illegali.
Una stretta che comporterebbe una rete internet, all'ombra del Grande Firewall, ancora più chiusa e recintata in Cina.

Skype tuttavia ha negato al momento problemi riguardanti l'utenza cinese.

Users in China currently can access Skype via TOM Online, our majority JV partner. TOM Online offers local versions of Skype for Windows, MAC as well as mobile platforms such as Symbian and Windows Mobile. More details can be found at skype.tom.com.
Our folks in Asia have... not received any notification to this point.

Il Twitter cinese 16.12.10

La Cina starebbe lanciando una sua piattaforma di microblogging à la Twitter dal nome Red Microblog. Un misto di censura e propaganda in 140 caratteri.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

Google senza search box 29.11.10

Screenshot di Google

Google è accessibile, ma non si possono fare ricerche perché manca l'apposito campo.
Succede, neanche a dirlo, in Cina.

Pechino, la nuova Londra di fine '800 19.11.10

Lo smog a Pechino

Un tweet dell'ambasciata americana a Pechino descrive involontariamente il livello d'inquinamento nella capitale cinese come "crazy bad" e ne scoppia una caso.

The outlandish description appeared on the @beijingair Twitter account late yesterday when levels of PM2.5 tiny particulate matter surged past 500, about 20 times higher than the guideline issued by the World Health Organisation.

The "crazy bad" terminology – which was at odds with the normally sober and scientific language of the Twitter account – appeared to have been a joke embedded in the embassy's monitoring program and triggered by a reading that was off the normal scale.

US officials quickly deleted "crazy bad" and replaced it with the term "beyond index", but not before the original message was widely retweeted by shocked Beijingers.

The wilder wording was probably closer to capturing the danger posed by pollution at these levels, which has been linked to brain damage, bronchial disease and heart attacks.

Several residents said "crazy bad" was refreshingly frank, particularly given the reluctance of Chinese officials to disclose real-time pollution data or any measurements of ozone or PM2.5 particulate matter.

Mi fa un preventivo? 15.11.10

Costruire un albergo di 15 piani, antisismico, in 6 giorni è possibile. In Cina.

Le fiamme divorano un grattacielo a Shanghai 15.11.10

Il grattacielo in fiamme

Il Teachers' Building è un grattacielo di 28 piani nel centro di Shanghai che ospita in gran parte insegnanti in pensione. Costruito nel 1998 era circondato da impalcature per lavori di ristrutturazione.

Sarebbe da imputare proprio a dinamiche legate a questi lavori l'incendio che lo ha distrutto uccidendo 42 persone.

Colonizzare Marte e le sue lune 29.10.10

La NASA - e i militari - avrebbero un progetto per missioni su Marte di sola andata, al fine di colonizzare il pianeta rosso riducendo i costi.

E sarebbero in buona compagnia di Cina, India e Russia.

Gli intellettuali cinesi sostengono Liu Xiaobo 15.10.10

Sassolini che rotolano a valle dalla granitica montagna cinese.

More than 100 Chinese writers, lawyers and activists have released a letter urging the government to release the Nobel peace prize winner Liu Xiaobo and other political prisoners.

The letter, issued late last night, comes amid the detention and monitoring of dissidents, which they believe reflects the government's anxieties about the award as well as a major political meeting that begins today.

It calls for the government to approach the award with "realism and reason" and follows a spate of angry denunciations of the prize. Yesterday a foreign ministry spokesman said the Nobel committee was "encouraging crime" in China by giving the award to Liu, who is serving 11 years for incitement to subvert state power.

Chi è Liu Xiaobo 08.10.10

E' l'unico premio che la Cina non avrebbe voluto vedersi consegnare.
Liu Xiaobo è il premio Nobel per la pace 2010.

Dissidente del regime comunista, è agli arresti per scontare una condanna a 11 anni per il reato di sovversione.
Liu ha preso parte al movimento piazza sfociato nell'evento di Tiananmen nel 1989 ed è stato tra i firmatari di Manifesto 08, il documento che rivendicava una maggiore democrazia in Cina.
Negli anni novanta è stato detenuto per tre anni in un campo di lavoro.

His activities in 1989 can be seen as formative in the entirety of his following writings and other works, characterised by an unwavering bravery and refusal to back down in the face of danger and suppression, by the pursuit and defence of human rights, humanism, peace and other universal values and, finally, adherence to the practice of rational dialogue, compromise and non-violence.

Manifesto 08 08.10.10

Foreign Policy pubblica il Manifesto 08, il documento a sostegno dei diritti civili e della democrazia in Cina, di cui è stato firmatario nel 2008 Liu Xiaobo, il vincitore del premio Nobel per la pace di quest'anno.

China, as a great nation of the world, one of the five permanent members of the United Nations Security Council, and a member of the Human Rights Council, ought to make its own contribution to peace for humankind and progress in human rights. Regrettably, however, of all the great nations of the world today, China alone still clings to an authoritarian way of life and has, as a result, created an unbroken nchain of human rights disasters and social crises, held back the development of the Chinese people, and hindered the progress of human civilization. This situation must change! We cannot put off political democratization reforms any longer. Therefore, in the civic spirit of daring to take action, we are issuing Charter 08. We hope that all Chinese citizens who share this sense of crisis, responsibility, and mission, whether officials or common people and regardless of social background, will put aside our differences to seek common ground and come to take an active part in this citizens' movement, to promote the great transformation of Chinese society together, so that we can soon establish a free, democratic, and constitutional nation, fulfilling the aspirations and dreams that our countrymen have been pursuing tirelessly for more than a hundred years.

Vi ricordate del Giappone? 31.08.10

Perché la Cina non ci deve far paura.

Non avevamo già paura negli anni ottanta, quando l'economia giapponese conquistava inesorabilmente terreno e il settore automobilistico in Europa e America sembrava condannato a una rapida estinzione? In realtà le case francesi e tedesche si sono riprese, rafforzando i loro punti forti – design, tecnologia, immagine di marca – e lavorando per migliorare i punti deboli – la qualità e la produttività. La sfida era enorme, ma le marche europee ne sono uscite più forti di prima.

[...]

La Cina è ancora un colosso dai piedi di argilla. È diventata la seconda economia del mondo, ma è anche un paese gigantesco. Per pil pro capite la Cina è al 127° posto nella classifica della Banca mondiale, dopo l'Angola e l'Azerbaigian.

La Cina rimane quindi un paese in via di sviluppo. Gli economisti ritengono che non potrà tenere a lungo il ritmo di crescita degli ultimi trenta anni. L'anno scorso diversi scioperi hanno portato a importanti aumenti salariali. E questi significano inevitabilmente perdita di competitività e rallentamento della crescita.

In Cina tutto è immenso, anche le code 24.08.10

La coda di 100km in Cina

La coda di 100 km provocata dalla chiusura per lavori della National Expressway 110, che collega Pechino a Jinin nel Tibet.
Automobilisti e camionisti sono intrappolati da giorni in quello che sicuramente è l'ingorgo più grande della storia.

Le operazioni di pulizia a Dalian 30.07.10

Volontari ripuliscono la baia di Dalian dal greggio

Il disastro ambientale nella baia Dalian, nella quale si è riversato il greggio in seguito all'esplosione di alcune condotte di PetroChina, viene ripulito a mano.

Il disastro ambientale di Dalian 23.07.10

Il porto di Dalian sommerso dalla marea nera

Da cinque giorni il porto della città cinese di Dalian è invaso dalla marea nera di petrolio fuoriuscita da due oleodotti esplosi per cause ancora da chiarire.
Le esplosioni che hanno provocato fiamme alte centinaia di metri e sono state necessarie quindici ore per domarle.

Secondo le stime la chiazza di greggio in mare avrebbe raggiunto una superficie di 430 chilometri quadrati.

UFO cinesi 17.07.10

Una settimana dopo l'avvistamento di Hangzhou anche a Chongqing si è verificato un contatto nel cielo sopra il Shaping Park.
Secondo testimoni oculari, quattro oggetti a forma di lanterna e disposti a diamante sarebbero rimasti sospesi per più di un'ora prima di lasciare lo spazio aereo della città.

La mela cinese 08.07.10

Il nuovo Apple Store di Shanghai

Il nuovo Apple Store di Shanghai e la strategia di Cupertino per conquistare il colosso asiatico.

Conto alla rovescia per Shanghai 29.04.10

Le prove dei fuochi artificiali per l'inaugurazione dell'Expo a Shanghai

Le prove dei fuochi d'artificio per l'apertura dell'Expo di Shanghai il primo maggio.

Il sisma censurato 28.04.10

Il reportage di Repubblica sul sisma che ha sconvolto la regione del Qinghai, in Cina.

Il terremoto che il 14 aprile ha sconvolto la contea di Yushu, nella regione tibetana del Qinghai, rischia di trasformarsi in un sisma politico per l'intera Cina. Migliaia di monaci buddisti, accorsi da tutte le zone del Tibet storico per aiutare la popolazione, sono stati cacciati dai funzionari del partito comunista. Cinque posti di blocco, lungo la strada di 820 chilometri che collega lo Yushu al capoluogo, impediscono a giornalisti e religiosi di raggiungere l'epicentro delle scosse, pressoché isolato. Il presidente della conferenza consultiva del popolo, Jia Qinglin, ha dichiarato che "forze ostili d'oltremare tentano di sabotare gli sforzi di soccorso". Decine di villaggi e di quartieri cittadini, dopo due settimane, non sono ancora stati raggiunti dai soccorritori. Lo scrittore Tra Gyal, intellettuale di riferimento tra i tibetani del Qinghai, è stato arrestato a Xining dopo aver scritto una lettera aperta in cui denunciava le falsificazioni delle autorità.

GoDaddy abbandona la Cina 25.03.10

GoDaddy, il register più grande al mondo, ha deciso di abbandonare il mercato cinese.

Ancora una volte si parla di libertà e censura. Le nuove norme del governo impongono infatti controlli più stringenti sui dati degli utenti intenzionati a registrare un dominio, con l'obbligo di inviare persino una foto.
Normativa a cui l'azienda americana si opporrebbe.

Tuttavia si fa strada l'ipotesi che la decisione di GoDaddy sia dovuta più all'aumento dei costi e alle lente e complicate procedure burocratiche che non a semplice fervore democratico, in un mercato in cui fino ad oggi non è stata in grado di imporsi come sperato.

Google punto Hong Kong 22.03.10

Google.cn si trasferisce a Hong Kong.
I server della regione speciale accoglieranno le ricerche degli utenti cinesi senza censurate.

Google lascia la Cina 19.03.10

Google lunedì annuncerà di lasciare il mercato cinese il 10 aprile.
Lo avevamo segnalato la settimana scorsa.

Google fuori dal mercato cinese 15.03.10

Google, secondo il Financial Times, sarebbe pronto al 99,9% all'annuncio della chiusura di Google.cn con la conseguente dipartita dal mercato del gigante asiatico.

La situazione con la Cina era precipitata in seguito agli attacchi informatici contro i server di Google.
Nelle ultime settimane però le loro relazioni sembravano in via di miglioramento o almeno lasciavano trasparire un cauto ottimismo.

L'interdipendenza economica di Cina e USA spiegata per esempi 22.02.10

Immaginate due signore su una barca, in mezzo ad un lago. La prima si chiama Usa e la seconda Cina.

Cina e Usa sono amiche. E rivali.
Primedonne molto orgogliose che passano le giornate a farsi belle e spettegolarsi addosso. Senza mai farsi mancare l'occasione di spingersi a vicenda pur di primeggiare.

Usa è molto ricca e amante del lusso, mentre Cina è molto pragmatica e austera.

Il peso della grassa e ricca Usa ha provocato un buco nello scafo. Buco che è stato riparato alla buona con un tappo legato ad una cordicella.
Cina, con un perfetto aplomb britannico, si è offerta di tenere la cordicella per permettere a Usa di continuare la traversata nel lusso e senza preoccupazioni.

Ora è del tutto evidente a tutti che Cina può prendersi definitivamente gioco dell'amica rivale.
Basterà infatti tirare la cordicella e il tappo verrà via, affondando tutti i tesori di Usa e facendo fare un bel bagno a quella grassa sbruffona.

E' altresì evidente che così facendo anche Cina subirà la stessa sorte affondando inesorabilmente dietro l'amica rivale.

Il loro destino è indissolubilmente legato.

Bene, a questo punto è sufficiente sostituire, "barca", "buco", "tappo" e "cordicella" con "debito estero", "titoli di stato", "dollaro" e "yuan" per comprendere il perché la Cina non ha alcuna possibilità pratica, quanto meno nel medio periodo, di minare la stabilità economica degli Stati Uniti senza sprofondare a sua volta nel baratro.

Pechino possiede miliardi di dollari in beni americani. In prevalenza titoli di stato del governo di Washington.
Nessuna istituzione o stato al mondo è oggi in grado di assorbire un tale patrimonio se la Cina decidesse di vendere. Forse soltanto l'Unione Europea, con uno sforzo congiunto e unitario, sarebbe in grado di gestire l'impresa. Tuttavia non esiste e probabilmente non esisterà in futuro nessuna volontà politica per farlo.
Va inoltre considerato che la valuta cinese è legata al dollaro. Crollando l'una crollerebbe anche l'altra.

Inoltre gli Stati Uniti sono il primo mercato per i prodotti cinesi. La stabilità americana è quindi fonte di guadagno e ricchezza per Pechino.
A loro volta le aziende USA investono miliardi di dollari in Cina portando know how e capitali. Entrambi indispensabili al gigante asiatico.

Nonostante le spinte nazionalistiche cinesi, il governo di Pechino ha preso atto che questo rapporto di interdipendenza genera e ha generato prosperità e stabilità economica e politica ad entrambi i paesi e che al momento - e probabilmente per molto tempo ancora - non esistono altri interlocutori in grado di modificare questa equazione.

La Cina vista da Google 13.02.10

Fermate i facili entusiasmi, la voce grossa di Google in Cina sembra affievolirsi.
Il regime cinese ha ripreso a censurare i risultati delle ricerche e l'azienda di Mountain View sta trattando con il governo di Pechino per restare nel paese.

Nonostante le rassicurazioni di Brin sembra proprio che nulla di significativo cambierà nel rapporto tra i due colossi.

I know there was a lot of controversy about that, he said. "But we were actually able to censor less and less. ... we also provide notification when the local laws prevented us from showing information, and local competitors followed suit in that respect. So I feel like our entry made a big difference."

La penultima frontiera 23.01.10

Astronauta in addestramento

Le foto di Vincent Fournier sull'addestramento degli astronauti delle agenzie spaziali americana, cinese e russa.

Fai la cosa giusta 18.01.10

La partita a scacchi di Google in Cina.

Sindromi cinesi 13.01.10

Google ha deciso di minacciare la Cina impedendo la censura nelle proprie ricerche, a seguito di attacchi informatici provenienti dal paese asiatico con lo scopo di violare account e-mail di attivisti per i diritti umani.
Attacchi che al momento hanno coinvolto 34 aziende. Lo stesso Baidu sarebbe stato colpito.

Ora Google potrebbe essere costretto ad abbandonare il mercato cinese non rispettando più gli accordi con il governo di Pechino.
La decisione di andarsene potrebbe però dipendere dallo stesso Google, irritato dalle continue ingerenze e restrizioni.

Salvo possibili nuovi scenari.

We launched Google.cn in January 2006 in the belief that the benefits of increased access to information for people in China and a more open Internet outweighed our discomfort in agreeing to censor some results. At the time we made clear that "we will carefully monitor conditions in China, including new laws and other restrictions on our services. If we determine that we are unable to achieve the objectives outlined we will not hesitate to reconsider our approach to China".

These attacks and the surveillance they have uncovered–combined with the attempts over the past year to further limit free speech on the web–have led us to conclude that we should review the feasibility of our business operations in China. We have decided we are no longer willing to continue censoring our results on Google.cn, and so over the next few weeks we will be discussing with the Chinese government the basis on which we could operate an unfiltered search engine within the law, if at all. We recognize that this may well mean having to shut down Google.cn, and potentially our offices in China.

The decision to review our business operations in China has been incredibly hard, and we know that it will have potentially far-reaching consequences. We want to make clear that this move was driven by our executives in the United States, without the knowledge or involvement of our employees in China who have worked incredibly hard to make Google.cn the success it is today. We are committed to working responsibly to resolve the very difficult issues raised.

[11:27] Sorgono dei dubbi per quanto riguarda l'ipotesi di attacchi informatici rivolti anche contro Baidu.

Uccidere l'entusiasmo 13.01.10

Quegli scettici di TechCrunch sull'affaire Google in Cina.

Enter the now famous blog post (that was notably, only on the English-language site) saying that Google was no longer playing by the Chinese government's rules and was prepared to close down Chinese operations if it came to that. Valley elites erupted into applause on Twitter and blogs saying Google was showing more backbone than the US government and was a model of integrity for the world.

I'll give Google this much: They're taking a bad situation and making something good out of it, both from a human and business point of view. I'm not saying human rights didn't play into the decision, but this was as much about business.

La bolla cinese 08.01.10

James Chanos, quello che previde il crollo di Enron e ci costruì sopra parte della sua fortuna, scommette che il prossimo crack interesserà la Cina.

Normalmente rivoluzionari 02.01.10

La polemica che sta montando in queste ore, sul caso delle applicazioni per iPhone relative al Dalai Lama bloccate da Apple per il mercato cinese, si scontra con il buon senso.

Avete frainteso la filosofia "Think Different". Quella dei folli e visionari con i loro sogni hanno cambiato il mondo.
Apple ha cambiato il nostro modo di vedere, agire e pensare attraverso i suoi prodotti. Normalmente rivoluzionari.

Vedete, è più dirompente un iPhone venduto in Cina, con tutto quello che ne consegue in fatto di accesso alla rete e desiderio di sfruttarla senza limiti, di un'applicazione con tre citazioni del Dalai Lama, per quanto illuminate.

In questo Apple è rivoluzionaria.
Al contrario un atteggiamento ostile alle richieste cinesi non avrebbe cambiato di una virgola il regime, con buona pace dei rivoluzionari da salotto e radicali d'antan.

Credere nel futuro 18.11.09

Il discorso integrale e tradotto di Obama a Shanghai.

Un proverbio cinese dice: "Analizza il tuo passato e conoscerai il tuo futuro". Certo, nel corso degli ultimi trent'anni abbiamo vissuto battute d'arresto e sfide di vario tipo, i nostri rapporti non sono stati esenti da divergenze e perfino ostilità, ma non è scritto da nessuna parte che dobbiamo essere nemici. Non è così, se consideriamo il passato.
In realtà, proprio per la nostra collaborazione, oggi sia gli Stati Uniti sia la Cina sono più prosperi e più sicuri. Abbiamo constatato che cosa è possibile ottenere quando a partire dai nostri reciproci interessi, impegnandoci sulla base del reciproco rispetto, ci diamo da fare.

Eppure il successo dell'impegno dipende dalla comprensione, dal saper sostenere un dialogo aperto, dall'imparare di più l'uno dall'altro. Di fatto, proprio come quel giocatore di ping pong disse in passato, come esseri umani abbiamo molto in comune, ma i nostri Paesi sono per certi aspetti molto diversi.

Tetris 02.10.09

Pugni chiusi 17.03.08

Power saluteLa conquista dei diritti e delle libertà per il popolo tibetano potrà arrivare soltanto grazie ad una presa di coscienza della società civile cinese.

Noi, al massimo, possiamo dare una spinta.

Ci si sveglia e fioccano le buone notizie... 28.11.04

Squadre di soccorso cinesi in azioneQuesta mattina non esco e ne approfitto per leggere le ultime notizie on-line. Intendiamoci lo avrei fatto anche se fossi uscito, ma oggi ho più tempo del solito e non devo lottare tra tastiera, cerniere, bottoni e mouse. ;-)

E come quasi tutti i giorni (sono ottimista) arrivano subito le notizie che non vorresti mai leggere.

Si inizia con le news sul cellulare: "Cina, esplode miniera di carbone, 166 intrappolati sotto terra". Una notizia che purtroppo si sente spesso. L'incidente è avvenuto nello Shaanxi. Delle quasi trecento persone nella miniera un po' meno della metà dovrebbero essere riuscite a salvarsi.

Si passa al computer: "Giappone, suicidio collettivo trovati altri 4 giovani morti". E anche qui sta diventando ormai routine. Nel paese del Sol Levante dove la percentuale di suicidi è la più alta dei paesi industrializzati, decidere di suicidarsi in gruppo è una pratica che si diffonde a macchia d'olio.

La sessione invernale dei comunisti cinesi 03.03.16

Hostess alla Conferenza politica consultiva del popolo cinese

Hostess alla sessione invernale della Conferenza politica consultiva del popolo cinese, l'assemblea consultiva che si riunisce due volte l'anno a Pechino per ratificare le priorità dell'agenda politica per l'anno in corso e fissare l'agenda economica del paese secondo il desiderio del Comitato centrale e del presidente Xi Jinping.

Fonte: Rai News

C'è una folla alla stazione di Guangzhou 02.02.16

Folla alla stazione di Guangzhou

La stazione di Guangzhou invasa da quasi 100 mila persone, bloccate a causa di forti nevicate che hanno creato disagi e pesanti ritardi al servizio ferroviario della Cina centrale proprio durante le feste per il nuovo anno cinese.

Harbin di ghiaccio 27.12.15

Descrizione della foto

Dal 1984 il Festival internazionale del ghiaccio di Harbin trasforma il paesaggio della città cinese con splendide sculture e affascinanti giochi di luce.

Le ruspe di Shenzhen 21.12.15

La frana che ha travolto decine di palazzi a Shenzhen

Decine di ruspe scavano senza sosta alla periferia di Shenzen dove un'immensa collina artificiale di terra, detriti e materiali di risulta è franata travolgendo 33 edifici. Il bilancio è di almeno 85 persone disperse.

Una salamandra molto, molto grande 16.12.15

Una salmandra gigante

Un enorme salamandra gigante cinese è stata scoperta in una grotta nella municipalità di Chongqing e trasferita in un centro pe gli studi sugli anfibi. La salamandra gigante è lunga quasi 1,4 metri e pesa circa 53 kg. Le salamandre giganti cinesi sono la specie anfibia più grande del pianeta e purtroppo a rischio. Dal 1950 la loro popolazione si è ridotta dell'80%.

Pechino e la neve 22.11.15

Residenza del principe Gong innevata

La neve, scesa in anticipo, ha imbiancato la regione di Pechino creando scene suggestive dalla Grande Muraglia alla Residenza del principe Gong, famosa per il suo parco capace di coniugare i classici giardini della Cina meridionale al design della Cina settentrionale durante la dinastia Ming.

Il raduno di arti marziali da primato 19.10.15

Un raduno di tai chi in Cina

In 50.000 per il raduno di tai chi più grande al mondo. Il record da Guinness dei Primati è stato raggiunto a Jiaozuo, in Cina.

Esodo cinese 07.10.15

Controesodo a Pechino dopo la golden week

Milioni di cinesi in coda, sulle autostrade, davanti ai principali momumenti e luoghi d'interesse del paese, alle biglietterie delle stazioni. È la golden week di ottobre, festa tradizionale in occasione delle celebrazione del giorno nazionale. La settimana che va dal 1 al 7 ottobre è quindi periodo privilegiato per organizzare vacanze o per ricongiungersi con i familiari.

L'anno del 3D Touch 25.09.15

Apple iPhone 6s

L'iPhone più atteso di sempre è disponibile da oggi negli Apple Store di mezzo mondo nelle due versioni iPhone 6s e iPhone 6s Plus. Il primo smartphone di Apple che supera il concetto bidimensionale del multi-touch introducendo il 3D Touch, capace di riconoscere l'intensità della pressione sullo schermo e restituire un feedback tattile grazie al Taptic Engine ampliando le possibilità di interazione con iOS.

La gigantesca esplosione a Tianjin 12.08.15

La gigantesca esplosione a Tianjin

Una gigantesca esplosione ha coinvolto la città di Tianjin, la quarta più grande metropoli della Cina, causando decine d vittime e centinaia di feriti. L'incidente si è verificato nella zona industriale della città poco prima della mezzanotte locale. Alla prima deflagrazione ne è seguita una seconda, avvenuta trenta secondi dopo, che ha interessato un deposito di prodotti chimici della Tianjin Dongjiang Port Rui Hai International Logistic. Le de esplosioni hanno fatto registrare potenze rispettivamente equivalenti a 3 e 21 tonnellate di tritolo, devastando l'aerea industriale della città.

Arma di distrazione di massa 02.08.15

La protesta dei reggiseni a Hong Kong

A Hong Kong decine di persone sono scese in strada indossando reggiseni per protestare contro la pena di tre mesi e mezzo di carcere inflitta a una donna accusata di aver "aggredito" un poliziotto con la sua "identità femminile". La donna aveva accusato l'agente di molestie dopo essere stata palpeggiata durante una manifestazione di piazza in favore dei diritti civili.

Fonte: BBC News

La RoboCup 2015 22.07.15

La RoboCup 2015

Dal 1997 la RoboCup è il campionato mondiale di calcio per robot che ha l'obiettivo di promuovere la ricerca sull'intelligenza artificiale di robot e androidi e realizzare entro il 2050 una squadra in grado di sfidare e la nazionale di calcio campione del mondo.

La vittoria degli ombrelli a Hong Kong 18.06.15

Legali di Occupy Central festeggiano la mancata approvazione della riforma elettorale

Il parlamento di Hong Kong non ha approvato la legge elettorale che prevedeva l'elezione del governatore nel 2017 con il suffragio universale su una lista di candidati indicati preventivamente dal regime di Pechino. Il testo in esame avrebbe dovuto ottenere una maggioranza di due terzi del Consiglio legislativo di Hong Kong per essere approvata. I voti a favore sono stati solo 8, 28 quelli contrari e 34 gli astenuti. La riforma aveva scatenato le proteste di piazza sostenute dal movimento Occupy Central, l'umbrella revolution.

Piazza Tiananmen, Hong Kong 04.06.15

Studenti scrivono messaggi a Hong Kong per ricordare Tiananamen

Studenti scrivono messaggi nei pressi del campus della Hong Kong University, prima della grande cerimonia a Victoria Park, per commemorare il 26esimo anniversario della strage di Piazza Tiananmen, quest'anno con un pensiero anche alle proteste dello scorso anno del movimento per la democrazia Occupy Central.

Fonte: ANSA

Il selfie all'aereo solare 23.04.15

Il selfie di Bertrand Piccard al Solar Impulse

Il pilota Bertrand Piccard scatta un selfie fuori dalla carlinga del Solar Impulse, il progetto di velivolo ultraleggero quadrimotore ad ala alta alimentato a energia solare realizzato dal Politecnico Federale di Losanna, durante il suo giro intorno al mondo.

L'accademia buddista di Larung Gar 20.04.15

L'Accademia Buddista Serthar a Larung Gar

Larung Gar, in Tibet, è un insediamento di migliaia di piccole case di legno molto simili tra loro a 3.700 metri d'altezza che ospita l'Accademia Buddista Serthar. Fondata in un'area remota e disabitata negli anni '80 da Khenpo Jigme Phuntsok, lama della tradizione Nyingma, l'accademia ospita oggi oltre 40.000 monaci e monache facendone uno dei centri più grandi e influenti per lo studio del buddismo tibetano nel mondo.

Fonte: Daily Mail

Gli spiriti del Da Gui 19.03.15

Il Da Gui

Monaci tibetani vestiti da demoni partecipano al tempio Yonghe di Pechino al Da Gui. La cerimonia del buddismo tibetano, la cui origine risale alla dinastia Qing, aiuta a esorcizzare gli spiriti maligni per donare pace e tranquillità.

Si riaprono gli ombrelli a Hong Kong 01.02.15

Decine di migliaia di persone sono tornate a manifestare per le strade di Hong Kong per chiedere un reale suffragio universale e vera democrazia nella più grande manifestazione dalle proteste di massa dell'autunno.

Fonte: Reuters

L'anno della capra 31.12.14

Un uomo vestito da capra per lo zodiaco cinese

Un uomo vestito da capra a Kunming, in Cina, si prepara a celebrare il Capodanno e l'omonimo segno dello zodiaco cinese che accompagnerà il 2015, anche se per l'astrologia l'ottavo segno entrerà solo a partire dal 19 febbraio.

Quanti Babbi Natale entrano in una macchina? 19.12.14

19 Babbi Natale entrano in una macchina

In un parco a tema a Changsha, in Cina, 19 Babbi Natale sono riusciti a stringersi con successo in un'unica macchina.

Questo è solo l'inizio 11.12.14

Una barricata deggli attivisti per la democrazia a Hong Kong

È solo l'inizio e torneremo, sono le frasi che più si leggono sugli striscioni e si ascoltano tra gli attivisti per la democrazia a Hong Kong durante lo sgombero delle ultime aree occupate deciso dal regime di Pechino e messo in pratica dagli agenti di polizia dell'ex colonia britannica. Restano 75 giorni di attivismo e la consapevolezza che la contrapposizione tra democrazia e Cina possa un giorno essere superata.

Fonte: Quartz

La sfida per la democrazia a Hong Kong è di Lego 20.10.14

La sfida per la democrazia a Hong Kong è di Lego

Gli scontri tra manifestanti pro democrazia con gli ormai iconici ombrelli e la polizia di Hong Kong in un diorama di Lego nel 23esimo giorno di protesta contro il regime di Pechino.

La maratona con le mascherine 19.10.14

Partecipanti con le mascherine alla maratona di Pechino

Per colpa del livello di smog a Pechino molti partecipanti alla maratona hanno completato il percorso indossando mascherine protettive.

Fonte: BBC News

L'aria che tira a Pechino 11.10.14

Inquinamento a Pechino

Negli ultimi giorni i livelli di polveri sottili nella capitale cinese hanno raggiunto i 496 microgrammi per metro cubo, 20 volte superiori a quelli considerati accettabili dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Fonte: Euronews

Un bacio per la democrazia a Hong Kong 10.10.14

Due ragazzi si baciano durante le proteste di Hong Kong

Due ragazzi si baciano tra i messaggi lasciati dai manifestanti all'esterno della sede del governo di Hong Kong durante le proteste di massa contro la stretta antidemocratica del regime di Pechino.

Fonte: Newsweek

Per amore di Hong Kong 05.10.14

La proposta di matrimonio tra le proteste di Hong Kong

Nei turbolenti giorni delle proteste pro democrazia che animano Hong Kong c'è tempo anche per il romanticismo. Quello di Yau Chi Hang che si è inginocchiato in una strada occupata del quartiere di Mong Kok per chiedere la mano alla sua ragazza Crystal Chan.

La folla democratica di Hong Kong 29.09.14

Manifestanti pro-democrazia a Hong Kong

La lunga, interminabile, pacifica, composta richiesta di democrazia dei cittadini di Hong Kong. Una sfida per il regime di Pechino. Un'occasione per la Cina continentale.

Le proteste degli studenti di Hong Kong 23.09.14

Studenti a Hong Kong protestano contro il regime di Pechino

Manifestazione e sit-in di protesta degli studenti e degli insegnanti di Hong Kong si alterneranno per tutta la settimana per chiedere maggiore democrazia nell'ex colonia britannica. Sarà una campagna di disobbedienza civile che coinvolgerà 24 istituti tra università e scuole superiori, preludio alla protesta di massa organizzata per il primo ottobre dal movimento Occupy Central. Le proteste nascono dalla decisione presa dal regime di Pechino di concedere dal 2017 l'elezione a suffragio universale del chief executive (la più alta carica politica della città), ma con candidati approvati precedentemente dal Partito Comunista, vanificando di fatto la libertà di scelta.

Fonte: Rai News

Gli ebrei di Shanghai 03.09.14

Il monumenti agli ebrei di Shanghai

Il vice direttore generale per il Dipartimento della Propaganda di Shanghai, Yan Shuang, ha presentato alla stampa la nuova scultura che commemora gli ebrei che tra gli anni '30 e '40 si rifugiarono nella città cinese per sfuggire alle persecuzioni antisemite.

Fonte: Sinosphere

La democrazia negata a Hong Kong 02.09.14

Raduno per la democrazia a Hong Kong

Il regime di Pechino intende concedere il suffragio universale per le elezioni del capo dell'esecutivo della Regione amministrativa speciale di Hong Kong, che si terranno nel 2017, ma tutti i candidati dovranno necessariamente essere approvati in precedenza dal Partito Comunista, negando in questo modo qualsiasi tentativo di dissenso nell'unica enclave democratica di tutta la Cina.

Fonte: CNN

Figlie di terracotta 20.08.14

L'ersercito delle figlie di terracotta

L'esercito delle figlie di terracotta, che richiama l'omonimo sito archeologico di Xi'an in cui migliaia di statue sorvegliano la tomba dell'imperatore cinese Qin Shi Huang, è l'opera dell'artista Prune Nourry per ricordare le bambine cinesi mai nate, vittime di aborti selettivi e rifiutate dalle famiglie perché di sesso femminile in seguito alla politica del figlio unico decisa dal regime di Pechino.

Fonte: Ozy

Gli spiriti affamati 18.08.14

Hungry Ghost Festival

Gli abitanti di Hongling, in Cina, accendono un'enorme lanterna di carta durante la festività dello Spirito Affamato. L'Hungry Ghost Festival si svolge durante il settimo mese del calendario cinese. Durante questo mese, secondo la religione popolare cinese, le porte dell'inferno si aprono e gli spiriti sono liberi di vagare sulla terra in cerca di cibo e divertimento. Questi fantasmi sono da ritenersi gli antenati di coloro che si sono dimenticati di rendergli omaggio dopo la morte o persone che hanno commesso peccati di avidità e che ora da morti subiscano una punizione per contrappasso che li rende insaziabili. Offerte e falò di finte banconote hanno il compito di placarli sino al loro ritorno nell'aldilà.

L'aquilone più grande del mondo 07.08.14

L'aquilone più grande del mondo

Il più grande aquilone del mondo, l'Hohhot, dal peso di circa 200 kg e con una superficie di 1.500 metri quadrati, vola nel cielo della Mongolia Interna, in Cina.

Hong Kong sfida Pechino sulla democrazia 01.07.14

La manifestazione a Hing Kong per chiedere più democrazia alla Cina

Un'imponente protesta di massa ha portato oltre 500.000 persone per le strade di Hong Kong a manifestare in favore della democrazia, contro le affermazioni del regime di Pechino sulla volontà di controllare strettamente la vita politica della città-stato.

La scuola calcio più grande del mondo 23.06.14

La Evergrande International Football School

Il fotografo Kevin Frayer ha visitato la più grande scuola calcio del mondo, con i suoi 2.400 studenti e oltre 50 campi da calcio. Si chiama Evergrande International Football School e si trova a Qingyuan, nel Guangdong in Cina. La scuola calcio è nata per volontà del tycoon Xu Jiayin che spera di vedere un giorno il suo paese competere alla pari nell'olimpo del calcio.

Le candele di Victoria Park 04.06.14

La manifestazione a Victoria Park per ricordare la strage di Piazza Tiananmen

Oltre 180 mila persone hanno partecipato all'annuale veglia di Hong Kong per ricordare la strage di Piazza Tiananmen di cui quest'anno ricorre il venticinquesimo anniversario. Decine di migliaia di candele hanno illuminato Victoria Park mentre venivano scanditi i nomi degli studenti e dei civili massacrati durante la repressione del regime di Pechino. Manifestazioni analoghe si sono svolte anche a Macao e Taiwan.

Il 35 maggio 25 anni dopo 01.06.14

Manifestazione a ricordo della strage di Piazza Tiananmen a Hing Kong

Il ricordo della strage di Piazza Tiananmen 25 anni dopo, diviso come per ogni anniversario tra la soffocante censura del regime di Pechino e le manifestazioni democratiche di Hong Kong.

La riserva naturale dei panda 23.04.14

Panda nella Wolong National Nature Reserve

La fotografa Ami Vitale è riuscita a visitare la Wolong National Nature Reserve, la riserva naturale e centro di ricerca per il panda gigante in Cina, documentando il passaggio dalla cattività alla libertà di Zhang Xiang, il primo panda femmina a tornare nel suo ambiente naturale.

La cerimonia del Da Gui 28.02.14

La cerimonia del Da Gui

Monaci in costume alla cerimonia buddista del Da Gui per celebrare l'avvento del nuovo anno tibetano al tempio Yonghegong Lama di Pechino.

L'anno del cavallo 30.01.14

Fuochi d'artificio a Pechino per il capodanno cinese

Celebrazioni in molte comunità cinesi e coreane nel mondo per l'avvento del nuovo anno del calendario lunare che secondo l'oroscopo cinese segna l'inizio dell'anno del cavallo.

Sculture di carta 23.01.14

Sculture di carta di Li Hongbo

L'artista Li Hongbo realizza sculture di carta simili a fisarmoniche, pressando e incollando centinaia e centinaia di fogli.

Il ghiaccio di Harbin 06.01.14

Il Festival del ghiaccio a Harbin

Ogni anno, dal 1984, la città cinese di Harbin, nella provincia dello Heilongjiang ai confini con la Siberia, ospita il Festival del ghiaccio in cui si realizzano sculture di ghiaccio che riproducono un'intera città. Durante il Festival sono previste gare di scultura di ghiaccio e neve che attirano artisti da tutto il mondo.

Il nuovo aeroporto di Shenzhen 28.11.13

L'architetto Fuksas ha progettato il nuovo aeroporto di Shenzhen inaugurato oggi. Lo scalo, denominato Bao'an, sarà il quarto per dimensioni della Cina per un traffico previsto di 45 milioni di passeggeri l'anno.

Fonte: ANSA

L'incidente stradale in piazza Tienanmen 28.10.13

L'incidente stradale in piazza Tienanmen

Un suv ha travolto una barriera prendendo poi fuoco e travolgendo decine di persone in piazza Tienanmen a Pechino. Il bilancio delle vittime è stato di 5 morti e e 38 i feriti. In giornata alcuni media non controllati dal regime non hanno escluso che possa essersi trattato di un atto di protesta o di terrorismo.

[29/10 16:00] La polizia ha confermato di seguire la pista del terrorismo islamico, sospettando un gruppo uiguri della regione autonoma dello Xinjiang.

Fonte: CNN

La Cina settentrionale scompare nello smog 21.10.13

Smog in Cina

Preoccupano gli altissimi valori di inquinamento presenti nell'aria nelle principali città della Cina settentrionale, ovunque eccedenti i valori massimi fissati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Shanghai sotto il tifone 07.10.13

Shanghai sommersa dopo il tifone

Il tifone Fitow ha costretto Shanghai alla chiusura del suo sistema di trasporti e causato numerosi disagi al torneo internazionale di tennis attualmente in corso. Quest'anno la stagione dei tifoni non ha risparmiato la Cina meridianale. Pochi giorni fa il tifone Usagi ha investito con notevole potenza Hong Kong, causando 25 vittime.

Fonte: Forbes

Un'estate bollente in Cina 02.08.13

Una scimmia allo zoo di Shanghai si disseta con del ghiaccio

Prosegue l'ondata straordinaria di caldo sulla Cina orientale e centrale. Per la prima volta nella sua storia, l'Ufficio meteorologico cinese ha dichiarato un'emergenza di livello 2 per le temperature che hanno superato i 40 gradi a Shanghai e in alcune aree vicine.

Fonte: USA Today

Il raduno delle Harley Davidson in Cina 14.05.13

Il raduno delle Harley Davidson in Cina

Circa 1.000 entusiasti da tutta la Cina hanno celebrato il 110anniversario della Harley Davidson nel quinto raduno nazionale.

Fonte: Guardian

L'oasi della luna crescente 13.05.13

L'oasi di Yueyaquan

Per secoli l'oasi di Yueyaquan con il suo lago a forma di mezzaluna è stata il crocevia per le carovane che attraversavano il deserto del Gobi lunga la Via della Seta. Oggi l'oasi sta riscoprendo un secondo splendore grazie al turismo.

Fonte: Guardian

Un materiale molto leggero 09.04.13

L'aerogel

Nero, superelastico, idrorepellente, resistente alla compressione e al calore, conduttore di elettricità e così leggero da guadagnarsi il primato di materiale più leggero al mondo. Questo particolare aerogel di carbonio è stato realizzato alla Zhejiang University dal team del professore Gao Chao, asciugando dall'umidità residua l'aerografite realizzata dai ricercatori delle università di Amburgo e di Kiel.

Fonte: BBC News

La festa di Qingming 05.04.13

La festa del Qingming a Jinjiang

Incenso e offerte bruciano nei cimiteri cinesi per rendere omaggio ai parenti defunti in occasione della festività annuale del Qingming.

Fonte: China.org

Arcipelago Tibet 10.03.13

Una bambina alla marcia per il Tibet

Da Bruxelles all'India oggi è stato il giorno delle manifestazioni a sostegno della causa tibetata, nel 54esimo anniversario dall'occupazione cinese.

Fonte: Phayul

L'aria di Pechino 12.01.13

Inquinamento a Pechino

L'inquinamento ha raggiunto livelli senza precedenti a Pechino. Le autorità della capitale hanno invitato i cittadini a non uscire di casa. Le centraline hanno fatto registrare valori di polveri sottili 14 volte superiori alla quantità ritenuta pericolosa per la salute umana.

Xi Jinping al potere 15.11.12

Un delegato del Partito Comunista cinese

Il 18esimo congesso del Partito Comunista cinese incorona Xi Jinping, 59 anni, come successore di Hu Jintao alla guida della Cina. Il nuovo segretario del Partito assumerà da marzo la carica di presidente della Repubblica. Xi viene considerato un "principe rosso", titolo attribuito ai discendenti dei rivoluzionari che combatterono assieme Mao Zedong. Li Keqiang assumerà l'incarico di premier sostituendo Wen Jiabao.

Fonte: Reuters

Il 18esimo congresso del Partito Comunista cinese 09.11.12

Il 18esimo congresso del Partito Comunista cinese

Si è aperto a Pechino il 18esimo congresso del Partito Comunista cinese che annuncerà la nuova leadership per il prossimo decennio e il passaggio di consegne tra Hu Jintao e il suo successore Xi Jinping. Imponenti le misure di sicurezza e di censura. Il regime ha oscurato decine di siti internet nel paese e al momento tutti i servizi di Google non sono raggiungibili dalla Cina continentale.

Fonte: Guardian

Il pattinaggio di figura a Shanghai 03.11.12

La Cup of China

A Shanghai va in scena uno dei principali eventi del pattinaggio di figura internazionale, la Cup of China, nel programma dell'ISU Grand Prix of Figure Skating.

Fonte: Eurosport

Il nono Shaolin Wushu Festival 22.10.12

Il nono Shaolin Wushu Festival

Più di 1.500 atleti da 73 nazione si sono dati appuntamento a Zhengzhou per prendere parte alla nona edizione dell'International Shaolin Wushu Festival.

Tragedia nella baia di Hong Kong 02.10.12

Il traghetto affondato a Hong Kong

E' di oltre 30 morti e decine di feriti il bilancio della collisione fra traghetti avvenuta nelle acque di Hong Kong. L'incidente si è verificato vicino all'isola di Lamma, mentre il porto era illuminato dai fuochi d'artificio per le celebrazioni della festa nazionale cinese.

Fonte: CNN

Il festival di metà autunno 30.09.12

Il festival di metà autunno a Hong Kong

A Hong Kong è iniziata la Festa di metà autunno, nota anche come la Festa della Luna o Mooncake Festival, che celebra il raccolto con sfilate colorate, lanterne rosse e spettacolari fuochi d'artificio.

Fonte: PhotoBlog

Le lanterne di Shanghai 13.09.12

Il Shanghai International Lantern Festival

Sino alla metà di ottobre al Luxun Park andrà in scena il Shanghai International Lantern Festival.

Lo Yangtze si tinge di rosso 07.09.12

Lo Yangtze si tinge di rosso

Il fiume Yangtze, il più lungo della Cina, si è tinto di rosso alla confluenza del Jialin nella città di Chongquing. Le cause restano ancora un mistero.

Fonte: ABC News

L'Animation and Comics Fair a Pechino 24.08.12

L'Animation and Comics Fair a Pechino

Gli amanti cinesi del cosplay si sono dati appuntamento a Pechino all'Animation and Comics Fair.

I cosplayer di Hong Kong 28.07.12

Due cosplayer a Hong Kong

Si è aperto a Hong Kong il 14esimo Animation-Comic-Game, uno tra i principali appuntamenti asiatici per gli amanti del costume play.

Shenzhou-9 tocca terra 29.06.12

La capsula Shenzhou-9 rientra a terra

Dopo 13 giorni si è conclusa con un atterraggio nella Mongolia Interna la missione della capsula cinese Shenzhou-9.

La prima astronauta cinese 16.06.12

La prima astronauta cinese

Si chiama Liu Yang, ha 33 anni ed è la prima donna cinese a raggiungere lo spazio a bordo di un razzo Shenzhou-9 in compagnia di altri due colleghi astronauti.

Fonte: AGI

Hong Kong ricorda il massacro di Piazza Tienanmen 04.06.12

Hong Kong ricorda il massacro di Piazza Tienanmen

Decine di migliaia di persone si sono raccolte al Victoria Park di Hong Kong per prendere parte alla veglia per ricordare l'anniversario del massacro di Piazza Tienanmen. Centinaia i dissidenti arrestati in Cina e misure straordinarie di censura sul web volte a oscurare un evento ancora tabù per il regime di Pechino dopo 23 anni.

Fonte: Adnkronos

Impression Lijiang 05.04.12

Impression Lijiang

I membri delle minoranze cinesi Naxi, Bai e Yi si esibiscono in uno spettacolo tradizionale dal titolo Impression Lijiang.

Le celebrazioni del Qingming in Cina 04.04.12

Le celebrazioni del Qingming

La tradizionale ricorrenza del Qingming in Cina dedicata al ricordo dei parenti defunti, decorando le loro tombe con fiori e offerte.

Il ponte di Aizhai 02.04.12

Il ponte di Aizhai

Il ponte sospeso più alto del mondo ha aperto al traffico nella provincia dello Hunan, nella Cina centrale. Il ponte di Aizhai ha una campata di 1.176 metri. La carreggiata è posta a 355 metri sul Dehang Canyon.

Fonte: Guardian

La settimana della moda di Pechino 28.03.12

Modelle alla settimana della moda di Pechino

Si è aperta nella capitale cinese la settimana della moda.

Fonte: ChinaDaily

Vacanze cinesi 20.01.12

Cinesi alla stazione di Hankou

Milioni di persone sono in viaggio per ritrovare parenti e tornare a casa in occasione delle celebrazioni dei 15 giorni della Festa di Primavera e del nuovo anno. Secondo il calendario lunare il 2012 segnerà l'inizio dell'anno del Drago.

Fonte: Guardian

Delirio in Cina per l'arrivo di iPhone 4S 13.01.12

Scontri con  la polizia in Cina per l'arrivo di iPhone 4S

Risse, bagarinaggio e l'intervento della polizia per disperdere oltre mille persone all'Apple Store Sanlitun di Pechino hanno costretto Apple ad annunciare il blocco delle vendite del nuovo iPhone 4S nella capitale cinese e a Shanghai.

Il lancio della prima stazione spaziale cinese 29.09.11

Il lancio del razzo Tiangong-1

La Cina ha lanciato il primo modulo della sua futura mini stazione spaziale, basata sullo schema dello Skylab americano.

Fonte: TLUC Blog

I Giochi delle minoranze etniche cinesi 18.09.11

Un cavaliere impegnato in una gara ai Giochi etnici cinesi

Si sta svolgendo a Guiyang, in Cina, la nona edizione dei Giochi nazionali tradizionali delle minoranze etniche. La prima edizione dei Giochi di sport tradizionali risale al 1953.

Fonte: Xinhua

Bighe cinesi 03.09.11

La scoperta archeologica in CIna

A Luoyang, nella provincia cinese dell'Henan, gli archeologi hanno riportato alla luce i resti di dodici cavalli e cinque bighe risalenti al periodo della dinastia Zhou (770 - 221 a.C.), appartenuti a un ministro dell'epoca.

Il Milan vince la Supercoppa Italiana 2011 06.08.11

La Supercoppa Italiana 2011

Il Milan a Pechino conquista il primo trofeo della stagione calcistica battendo per 2 a 1 l'Inter. Sono proprio i nerazzurri ad essere passati in vantaggio con Sneijder, poi Ibrahimovic e Boateng chiudono la partita.

Fonte: La Stampa

Il Settebello azzurro è campione del mondo 30.07.11

Il Settebello azzurro festeggia la vittoria

L'Italia sale ancora una volta sul gradino più alto del podio conquistando la finale del campionato del mondo di pallanuoto, vinta per 8 a 7 contro la Serbia ai tempi supplementari.

Incidente ferroviario sull'alta velocità cinese 23.07.11

Il treno deragliato in Cina

Un treno ad alta velocità è deragliato dopo uno scontro con un altro convoglio nella provincia di Zhejiang in Cina causando decine di vittime.

I campionati mondiali di nuoto a Shanghai 17.07.11

L'apertura del FINA World Championships di Shanghai

Si aprono in Cina i 14esimi campionati mondiali di nuoto. Gli atleti si sfideranno sino al 31 luglio.

Fonte: Guardian

I 90 anni del Partito Comunista Cinese 01.07.11

Addetti stirano la bandiera del Partito Comunista Cinese

La Cina si appresta a festeggiare il 90esimo anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese.

Fonte: Guardian

Il Jiaozhou Bay Bridge 30.06.11

Il Jiaozhou Bay Bridge

In Cina è stato inaugurato il ponte più lungo del mondo, il Jiaozhou Bay Bridge, lungo 42 chilometri e mezzo collega la città di Qingdao, nella provincia di Shandong, col Distretto Huangdao attraverso le acque della parte settentrionale della baia di Jiaozhou.

Le inondazioni in Cina 20.06.11

Un risciò in mezzo all'acqua

Violente alluvioni hanno colpito la Cina centrale e meridionale. Milioni di persone sono state evacuate a causa della stagione delle piogge arrivata quest'anno in anticipo.

Fonte: Guardian

Il Dragon Boat Festival 05.06.11

Il Dragon Boat Festival

Chiamata anche Festa di Duanwu è una manifestazione tradizionale cinese che si tiene il quinto giorno del quinto mese del calendario cinese. Gli equipaggi si sfidano su barche dalla forma di drago.

La ricorrenza di Qingming 05.04.11

Un cimitero cinese durante la tradizionale ricorrenza di Qin

Si celebra oggi la tradizionale ricorrenza cinese di visitare i luoghi di sepoltura degli antenati. Il Qingming si svolge il 15esimo giorno a partire dall'equinozio di primavera.

Il ponte della fortuna 25.03.11

Il ponte Taiping attraversato da migliaia di persone

Almeno 200.000 persone hanno attraversato il ponte Taiping (fortuna), nel tradizionale evento bene augurante durante la festa di Crunshe, a Jushui nella provincia del Sichuan.

Fonte: Daily Mail

Il nuovo piano quinquennale cinese 05.03.11

E' iniziata l'annuale sessione dell'Assemblea del Popolo del Partito Comunista. A Pechino, nella Grande Sala del Popolo, circa 3.000 delegati approveranno il nuovo piano economico e sociale per il quinquennio 2011-2015.

Fonte: Guardian

La rivoluzione dei gelsomini 20.02.11

Manifestanti cinesi alla 'Rivoluzione del gelsomino'

Avvisaglie di tensioni sociali in Cina. In 13 città si sono svolte manifestazioni pacifiche a favore di una maggiore libertà sotto il simbolo del fiore di gelsomino, sull'onda delle rivolte nei paesi del mondo arabo.

Fonte: TLUC Blog

La Cina festeggia il Capodanno 03.02.11

Conigli dorati per festeggiare il Capodanno cinese

I cinesi festeggiano il tradizionale Capodanno che apre l'anno del coniglio.

Fonte: Guardian

Il presidente Hu visita gli USA 19.01.11

I presidenti Obama e Hu assistono alla parata

La visita di quattro giorni del presidente cinese Hu negli Stati Uniti è diventata un'occasione per i difensori dei diritti delle minoranze degli Uiguri, dei Tibetani dei paladini della democrazia incarcerati e di altri gruppi di scontenti. Tutti hanno fatto pressione su Obama affinché si facesse portavoce delle loro preoccupazioni sia pubblicamente che privatamente con Hu.

La sedia vuota di Liu Xiaobo 10.12.10

La sedia vuota per Liu Xiaobo

Una sedia vuota riceve il Nobel per la Pace, per la prima volta nella storia, al posto di Liu Xiaobo tuttora detenuto in Cina.

Fonte: BBC News

Giochi asiatici 2010 13.11.10

I fuochi d'artificio della cerimonia di apertura dei Giochi

Si sono aperti i 16esimi Giochi asiatici a Guangzhou in China. 14.000 atleti provenienti da 45 paesi e territori parteciperanno alle 42 discipline sportive in concorso sino al 27 novembre.

La cerimonia di chiusura del Shanghai World Expo 01.11.10

La cerimonia di chiusura del Shanghai World Expo

Dopo 184 e 73 milioni di visitatori si chiude l'Expo 2010 di Shanghai.

Fonte: Xinhua