tizianocavigliablog

Wow archivio

Il misterioso cifrario Copiale

Wow   14.11.22  

Hochelaga svela il mistero che avvolge il cifrario Copiale, un manoscritto crittografato composto da 75.000 caratteri che riempiono 105 pagine e rimasto indecifrabile per oltre 260 anni.
Il testo è stato decrittato soltanto nel 2011 grazie al lavoro di un team internazionale composto da Kevin Knight dell'Information Sciences Institute della University of Southern California e dalla USC Viterbi School of Engineering, insieme a Beáta Megyesi e Christiane Schaefer dell'Università di Uppsala in Svezia.
Il cifrario nascondeva un testo tedesco creato negli anni '30 del Settecento da una società segreta chiamata Oculisti, che usavano la vista come metafora della conoscenza.

Il codice Copiale include simboli astratti, lettere dal greco e la maggior parte dell'alfabeto romano. L'unico testo in chiaro nel libro è "Copiales 3" alla fine e "Philipp 1866" sul risguardo. Si pensa che Philipp fosse il proprietario del manoscritto. Si è scoperto che le lettere in testo semplice del messaggio erano codificate da lettere romane accentate, lettere greche e simboli, con lettere romane non accentate che servivano solo a rappresentare gli spazi.

I ricercatori hanno scoperto che le 16 pagine iniziali descrivono una cerimonia di iniziazione dell'Oculista. Il manoscritto ritrae, tra l'altro, un rituale di iniziazione in cui al candidato viene chiesto di leggere un foglio bianco e, dopo aver confessato l'impossibilità a farlo, gli vengono consegnati degli occhiali e gli viene chiesto di riprovare, e poi di nuovo dopo essersi lavati gli occhi con un panno, seguito da una "operazione" in cui viene strappato un singolo pelo del sopracciglio.

LEGGI ALTRO...

Le architetture colossali di Étienne-Louis Boullée

Wow   02.11.22  

Prendendo ispirazione dalle forme geometriche pure, Étienne-Louis Boullée progettò edifici visionari dalla monolitica solennità neoclassica e su una scala colossale che costituivano le istituzioni necessarie per una società illuminista ideale e utopica.
Alcuni architetti si sono assicurati un posto nella storia progettando edifici iconici che hanno plasmato la forma e l'uso delle nostre città. Boullée ha raggiunto l'immortalità per i suoi progetti mai realizzati, anticipando con le sue intuizioni di oltre un secolo il futurismo e ispirando gli architetti della contemporaneità, come viene raccontato su Kings and Things.

LEGGI ALTRO...

Le fantastiche illustrazioni di Virgil Finlay

Wow   01.11.22  

Virgil Finlay è conosciuto e giustamente tenuto in grande considerazione nei circoli di fantascienza e fantasy, ma poiché la maggior parte della sua produzione è apparsa su riviste pulp tra gli anni '30 e '50, come Amazing Stories e Weird Tales, i suoi straordinari dipinti e disegni monocromatici restano perlopiù sconosciuti al grande pubblico.
Pete Beard ripercorre l'arte di Finlay nella speranza che anche le nuove generazioni possano apprezzare questo straordinario artista dalla fervida immaginazione.

LEGGI ALTRO...

Breve storia delle Valchirie

Wow   23.10.22  

I vichinghi sono stati senza dubbio tra i guerrieri più feroci della storia umana, usando la loro impressionante abilità in battaglia per diffondere l'influenza nordica tra l'VIII e l'XI secolo. Un desiderio guidava il loro coraggio in battaglia, onorare Odino per ritrovarsi un giorno nella sua sacra aula nel Valhalla. Solo i Vichinghi più degni avrebbero potuto trascorrere la loro vita nell'aldilà in quella sacra sala, e la scelta su chi fosse davvero degno di un tale onore sarebbe ricaduta sulle potentissime e misteriose Valchirie.

Le dottoresse Moiya McTier ed Emily Zarka, su PBS Storied riassumono il ruolo delle Valchirie della mitologia norrena, la loro genesi e il loro impatto sull'immaginario collettivo.

LEGGI ALTRO...

Gli orrori di Eduardo Valdés-Hevia

Wow   21.10.22  

Un pianeta vivente di carne. Un ibrido insetto-umano in grado di controllare le menti. Un serpente di mare lungo mille metri che emerge in Islanda ogni anno.
Sono immagini potrebbero provenire da un incubo, da miti di orrori ancestrali o da file di casi paranormali perduti da tempo. Questa è l'arte del costruttore di mondi Eduardo Valdés-Hevia, che ha trascorso i suoi anni dando vita a un serraglio di spaventose immagini oniriche attraverso una combinazione di vecchie fotografie e nuovi elementi.
Le opere di Valdés-Hevia fondono infatti storie distopiche e surreali con foto che sembrano provenire direttamente da documenti classificati.

Per Halloween, Curious Archive indaga sui mostri e sulla follia di questi oscuri terrori partoriti dalla mente di Valdés-Hevia.

LEGGI ALTRO...

L'origine dei draghi

Wow   18.10.22  
Illustrazione di un drago di Ulisse Aldrovandi
Illustrazione di un drago da Serpentum, et draconum di Ulisse Aldrovandi, 1640

Jstor Daily indaga sulle origini dei draghi, un mito diffuso in gran parte del mondo.
I naturalisti medievali hanno scritto e descritto i draghi per centinaia di anni prima di rendersi conto che questi animali era solo frutto della fantasia e probabilmente derivati da traduzioni errate di antichi testi, come l'Iliade di Omero.

Sei passaggi menzionano il drakon, una creatura che, dal contesto, è chiaramente un serpente. Omero non sembrava riferirsi a nessun tipo specifico di serpente e nemmeno Aristotele, la cui Storia degli animali del IV secolo a.C. notava che l'aquila si ciba di draghi.

Sebbene questo possa spiegare il nome, il fatto che comuni serpenti siano diventati mostruosi rettili alati che sputano fuoco ha richiesto un lungo processo di trasformazione, avvenuto principalmente a causa di superstizioni, di errori di trascrizione dei manoscritti e dell'incapacità di autori e amanuensi di distinguere la realtà dalla finzione.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...