tizianocavigliablog

Geek archivio

La foto di un entanglement quantistico

Geek   12.07.19  
La fotografia di un entanglement quantistico
La fotografia di un entanglement quantistico

I fisici dell'Univeristà di Glasglow sono riusciti a fotografare un entanglement fra due fotoni che interagiscono e che per un istante hanno condiviso lo stesso stato fisico pur essendo separate e distanti.
Un entanglement quantistico è un fenomeno descritto dalla meccanica quantistica che descrive come il valore misurato per una particella di una proprietà definita dell'insieme influenzi istantaneamente il corrispondente valore dell'altra, che risulterà tale da mantenere il valore globale iniziale, senza alcun limite nella distanza tra le due particelle.

L'esperimento è un'elegante dimostrazione di una proprietà fondamentale in natura che non ha eguali nella fisica classica e che permetterà di far avanzare far avanzare la ricerca nel campo dei computer quantistici e del quantum imaging.

LEGGI ALTRO...

I mulini a vento millenari

Geek   10.07.19  

Da un millennio i mulini a vento ad asse verticale di Nashtifan macinano la farina.
Dall'antica Persia ai giorni nostri, tra le aride pianure battute dal vento dell'Iran nordorientale, questi straordinari mulini di argilla, paglia e legno non hanno mai smesso di girare e sono oggi ritenuti tra i primi mulini a vento del mondo e i più antichi ancora funzionanti.

A differenza di quelli europei, questi mulini a vento si alimentano grazie alla resistenza anziché dal sollevamento. Dal momento che le pale sono disposte su un asse verticale, l'energia viene traslata lungo l'albero fino alla mola senza la necessità di ingranaggi intermedi presenti nei mulini a vento ad asse orizzontale.

LEGGI ALTRO...

Il linguaggio degli alberi

Geek   03.07.19  

Camille Defrenne e Suzanne Simard raccontano come il vasto sistema di radici e i micorrize, i funghi che vivono in simbiosi attraverso l'apparato radicale, permetta agli alberi un complesso sistema di comunicazione attraverso il trasferimento di risorse.

LEGGI ALTRO...

I colori iridescenti del polpo Tremoctopus

Geek   24.06.19  

Un affascinante video girato nelle acque al largo dell'isola Romblon, nelle Filippine, ha catturato le ipnotiche iridescenze dei Tremoctopus.
Questa specie di polpi è unica per la sua particolarità di presentare un grado estremo di dimorfismo sessuale. Il maschio del Tremoctopus infatti ha una dimensone di poco più di due centimetri a fronte dei quasi due metri della femmina, risultando dunque 100 volte più piccolo e quasi 4.000 volte più leggero.
Questa caratteristica è associata al fatto che la piccola dimensione consente al maschio di raggiungere più velocemente la maturità sessuale.

Un'altra paticolarità di questa specie è rappresentata da insoliti quanto ingegnosi sistemi di difesa: essendo immuni dal veleno della caravella portoghese, le femmine le strappano i tentacoli per utilizzarli successivamente a scopi difensivi.
I Tremoctopus, oltre al classico inchiostro, sono in grado di allontanare potenziali predatori sfruttando anche una grande membrana a forma di rete che srotolano e gonfiano, facendola ondeggiare come un mantello per aumentare la loro dimensione apparente. Da questo curioso meccanismo di difesa deriva il loro nome in inglese, blanket octopus, polpo coperta.

LEGGI ALTRO...

La rete mondiale della pesca marittima

Geek   21.06.19  
La rete mondiale della pesca marittima
La rete mondiale della pesca marittima

L'intera pesca marittima mondiale è interconnessa in una rete che attraversa ogni mare e oceano del pianeta. È quanto emerge da una recente ricerca pubblicata su Science che mostra in una mappa come le correnti oceaniche influenzino la migrazione dei pesci e come tutte le attività di pesca siano interconnesse in un'unica grande rete senza confini.

[...] lo studio ha utilizzato una simulazione computerizzata per il rilevamento delle particelle per mappare il flusso delle larve di pesce oltre i confini nazionali. È la prima ricerca in grado di stimare l'entità del trasporto larvale a livello globale, ponendo la gestione della pesca in una nuova prospettiva e identificando gli hotspot dell'interdipendenza regionale in cui la gestione cooperativa è più necessaria.

[...] La stragrande maggioranza, circa il 90%, dei pesci marini pescati vengono catturati entro 200 miglia dalla costa, all'interno delle giurisdizioni nazionali. Tuttavia, anche questi pesci possono essere trasportati lontano dai loro campi di deposizione dalle correnti nella loro fase larvale, prima che siano in grado di nuotare. Ciò significa che mentre i paesi hanno stabilito dei confini marittimi nazionali, l'oceano è costituito da reti altamente interconnesse in cui la maggior parte dei paesi dipende dai propri vicini per gestire adeguatamente le proprie attività di pesca. Comprendere la natura di questa rete è un passo importante verso una gestione più efficace della pesca ed è essenziale per i paesi le cui economie e sicurezza alimentare dipendono da pesci nati altrove.

LEGGI ALTRO...

Fujifilm GFX 100, la genesi

Geek   08.06.19  

Cinema5D esplora la visione di Fujifilm per il medio formato, una fotocamera senza compromessi che sappia coniugare lo stile X con una tecnologia che non dia spazio ai compromessi per offrire ai fotografi uno strumento di precisione e design unico.

Un viaggio affascinante nei laboratori Fujifilm che regala uno sguardo d'eccezione sullo sviluppo creativo della nuova ammiraglia della famiglia GFX: la GFX 100 nel racconto del team che l'ha progettata.

LEGGI ALTRO...

Ascoltare i suoni degli oceani

Geek   07.06.19  

Migliaia di ore di registrazioni negli oceani raccolte nel progetto Pattern Radio: Whale Songs grazie alla collaborazione tra la National Oceanic and Atmospheric Administration e Google.
Una mappa sonora generata da un'intelligenza artificiale per esplorare liberamente un anno di canti delle megattere, suoni delle navi e i rumori più o meno conosciuti dell'ambiente subacqueo del nostro pianeta.

LEGGI ALTRO...

La mappa satellitare disegnata da Leonado da Vinci

Geek   05.06.19  

La maggior parte della visione cartografica rinascimentale rappresentava la realtà con una prospettiva a volo d'uccello, sicuramente di grande impatto visivo e capace di accogliere elementi mitologici dall'alto valore simbolico, ma estremamente poco accurata e inefficace per pianificare una strategia militare.
Quando Cesare Borgia commissionò una mappa di Imola, Leonardo da Vinci affrontò il problema da un nuovo punto di visto cercando di rappresentare con la maggiore precisione possibile le proporzioni e le relazioni tra le caratteristiche del terreno, le strutture difensive e gli edifici. Per farlo si rese necessario lo sviluppo di nuove tecnologie come il perfezionamento dell'odometro e la bussola magnetica e l'attenta misurazione di ogni singolo metro di strada.

La sua mappa, datata 1502, è la più antica pianta in proiezione ortogonale conosciuta.

LEGGI ALTRO...

La prima ripresa della storia di un fenomeno astronomico

Geek   02.06.19  

Il 28 maggio 1900 il mago e cineasta Nevil Maskelyne filmò vicino a Wadesboro in North Carolina, in collaborazione con la British Astronomical Association, un'eclissi solare; la prima ripresa preservata della storia di un fenomeno astronomico.
Già due anni prima, in India, Maskelyne aveva tentato l'impresa, ma sulla via del ritorno la pellicola venne rubata e se ne persero le tracce.

La sfida tecnologica per quel tempo fu eccezionale e Maskelyne dovette ingegnarsi per realizzare uno speciale adattatore per collegare il telescopio alla sua macchina da presa.

LEGGI ALTRO...

Riscoprire il genio di Leonardo nelle pagine del Codex Atlanticus

Geek   29.05.19  
Pagina del Codex Atlanticus di Leonardo da Vinci
Pagina del Codex Atlanticus di Leonardo da Vinci

Il Codice Atlantico (Codex Atlanticus) è la più ampia raccolta di disegni e scritti di Leonardo da Vinci, attualmente conservato presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano.
Il codice prende il nome dal formato dei fogli su cui vennero incollati i disegni di Leonardo normalmente utilizzato per gli atlanti geografici.
I fogli contengono 1.751 disegni di Leonardo realizzati tra il 1478 e il 1519 su diversi argomenti tra quali anatomia, astronomia, botanica, chimica, geografia, matematica, meccanica, disegni di macchine, studi sul volo degli uccelli e progetti d'architettura.

L'intero Codice Atlantico è ora liberamente consultabile in formato digitale attraverso il sito Codex Atlanticus.

LEGGI ALTRO...
‹ Post più recenti     Post più vecchi ›     e molto di più nell'archivio...